Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il greggio spinge le oil companies

04/03/2019

Il greggio spinge le oil companiesLe grandi società petrolifere quotate sui listini dei paesi industrializzati - BP, Royal Dutch Shell, Total, Exxon Mobil, Equinor (ex Statoil), Repsol e Chevron- continuano a beneficiare del rialzo delle quotazioni del greggio e nel 2018 hanno guadagnato 90.046 mln di usd (circa 80 mln di euro, registrando un incremento del 46,6% rispetto al 2017.

Nel corso del 2018, il petrolio di tipo Brent -quello di riferimento per il mercato europeo- ha registrato un prezzo medio di 71,3 usd al barile. Nel 2017 la quotazione media si era attestata a 54,2 usd al barile. L’incremento medio è stato pertanto del 31,5%. Il barile di Brent ha chiuso le negoziazioni della settimana scorsa intorno ai 66 dollari e un recupero parziale seguito a un tonfo del 3,42% (calo imputato dagli esperti alla richiesta di frenare il ritmo dei tagli alla produzione, formulata dal presidente Usa Donald Trump ai paesi del cartello petrolifero Opec). 

In questo contesto di riferimento, la britannica British Petroleum ha archiviato il 2018 con utili triplicati rispetto al 2017. Il trend rialzista delle quotazioni del greggio, ha avuto un impatto di notevoli proporzioni sui conti del colosso petrolifero britannico: il risultato netto è passato dai 172 mln del 2016 ai 3.468 mln del 2018 e ai 9.383 mln del 2018.

L’anglo-olandese Royal Dutch ha incrementato i suoi utili dell’80% fino a quota 23.352 mld di usd (dai 12.977 mln del 2017), dopo aver portato a termine un programma di disinvestimenti di asset considerati non strategici e poco profittevoli. Anche in questo caso, il balzo più consistente del risultato netto si è verificato tra il 2016 e il 2017.

La norvegese Equinor -ex Statoil- ha incrementato l’utile netto del 64% nel 2018 grazie all’incremento dei volumi prodotti e al supporto delle quotazioni del barile. Equinor, controllata dallo stato norvegese, ha registrato nel 2017 un risultato netto di 4.598 mln di usd dopo due anni consecutivi caratterizzati da risultati negativi.

La francese Total ha realizzato un risultato netto di 11.446 mln di usd nel 2018, in aumento del 33% rispetto al dato del 2017. La compagnia transalpina aveva già archiviato il 2017 con utili in progresso del 39%. L’incremento della produzione, ai massimi storici, è stata la variabile chiave che ha determinato il conseguimento di tali risultati.

Compagnie petrolifere statunitensi

Anche i colossi petroliferi statunitensi hanno incrementato i rispettivi risultati netti nel corso del 2018, nonostante non abbiano potuto contare sugli effetti straordinari ricevuti nel 2017 grazie all’adozione della riforma fiscale approvata negli Stati Uniti dal presidente Donald Trump.

Exxon Mobil, la più grande compagnia petrolifera statunitense, ha chiuso il 2018 con un risultato netto di 20.848 mln di usd, in crescita del 5,7% rispetto al risultato archiviato nel 2017 (esercizio in cui ha sperimentato un balzo del 151% del risultato netto in seguito alla menzionata riforma fiscale).

Dal canto suo, Chevron, la seconda compagnia petrolifera Usa, ha realizzato un risultato netto do 14.824 mln di usd, in crescita del 61%, alimentata da un piano di aumento della produzione che è stato premiato dal trend crescente dei prezzi. Con l’adozione del piano, Chevron è riuscita a mantenere un elevato tasso di crescita del risultato anche nell’anno successivo a quello della riforma fiscale di Trump. Nel 2017, la compagnia aveva approfittato dei vantaggi offerti dal provvedimento governativo per uscire dalle secche delle perdite che aveva accumulato nel 2016.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Il greggio spinge le oil companies Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Europa, gli argomenti dei pessimisti
Notizia successiva »
Shenzhen, il centro del lifestyle cinese
ARTICOLI CORRELATI
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
I termometri del rischio pubblicato il 13 giugno 2019
Cavalcare gli utili dei colossi del petrolio pubblicato il 9 maggio 2019
La seconda rivoluzione petrolifera del fracking pubblicato il 30 aprile 2019
Variabili chiave per il futuro della Borsa Usa pubblicato il 15 aprile 2019