Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il pendolo dei mercati finanziari

03/04/2019

Il pendolo dei mercati finanziariAnalisti ed economisti sono molto bravi a spiegare quel che è già successo ma meno capaci di formulare delle previsioni attendibili su quello che ci riserva il futuro.

In uno studio pubblicato l’anno scorso dalla società di gestione statunitense Pimco, si evidenziava che il 97% degli economisti non è stato in grado di pronosticare una recessione nei dodici mesi che ne hanno preceduto l’arrivo.

Nell’attuale fase di mercato la situazione sembra ancor più complessa di quelle sperimentate nel passato recente. Dopo appena due mesi dall’inizio del nuovo anno, numerose asset class hanno già offerto performance che nei report di dicembre venivano prospettate per la fine del 2019. Se prendiamo come punto di riferimento la fine di febbraio, le performance year to date realizzate attraverso la costruzione di un portafoglio bilanciato tra equities e bond si sarebbero attestate tra il 5% e il 6% (rendimento solitamente ipotizzabile in un arco temporale di almeno dodici mesi).

Cos’è successo sui mercati di tanto rilevante da aver alimentato tale spinta rialzista? Nulla di particolare, la realtà è che si è materializzato un cambio del sentiment degli investitori accompagnato da alcuni fattori tecnici in grado di influenzare la dinamica dei mercati finanziari. Il cambiamento intervenuto nel sentiment degli investitori si spiega in larga parte con il nuovo approccio adottato dalle banche centrali, nettamente più morbido e meno propenso alle strette monetarie rispetto a quando visto nel corso del 2018. In presenza di chiari segnali di rallentamento dell’economia, la Federal Reserve ha deciso di togliere rapidamente il piede dall’acceleratore dei tassi.

Molti esperti sostengono che un ruolo attivo nel recupero delle quotazioni l’abbiano esercitato anche gli algoritmi che regolano i flussi di acquisti e vendite in ragione dei dati macroeconomici che vengono di volta in volta pubblicati. Gli algoritmi tengono conto di una lunga serie di fattori, non ultima l’inversione della curva dei rendimenti negli Usa. Questo provoca un’accelerazione dei movimenti al rialzo e al ribasso anche in assenza di ragioni strutturali. A questo bisogna sommare anche il ruolo della illiquidità che impera sui mercati finanziari.

Gli indicatori macroeconomici dell’ultimo trimestre 2018 indicavano l’arrivo di una fase di decelerazione, in particolare nell’Eurozona, ma non l’arrivo di una recessione tale da giustificare una discesa così pesante delle Borse come quella verificatasi in autunno. Passare da stime di crescita economica mondiale prossima al 3,5% a stime di variazione del Pil quasi nulle è certamente uno shock per i mercati, tuttavia, la storia insegna che prima di entrare in recessione l’economia deve attraversare un periodo più o meno lungo di rallentamento.

A livello di costruzione dei portafogli, la cosa più preoccupante è l’elevata correlazione mostrata dalle asset class sia quando le cose vanno molto bene sia quando tendono ad andare male. Negli ultimi sei mesi, questo trend ha coinvolto quasi tutte le asset class. Nonostante la tendenza all’uniformità, i bond provvisti di elevato rating hanno dimostrato di saper difendere meglio il capitale, Dopo le perdite autunnali, l’equity dei paesi industrializzati non ha ancora recuperato i livelli registrato lo scorso settembre e i government bond a tripla e doppia A hanno accumulato un buon guadagno.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Il pendolo dei mercati finanziari Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Equilibrio, questo sconosciuto
Notizia successiva »
Immobiliare, prezzi giù nelle città medie
ARTICOLI CORRELATI
Inversione ancora lontana per i tassi euro pubblicato il 11 gennaio 2019
Smart city, un investimento per i prossimi decenni pubblicato il 22 marzo 2019
Dagli Usa un contesto ancora favorevole pubblicato il 3 dicembre 2018
Tornano di moda i bond europei pubblicato il 12 dicembre 2018
Il rifugio giapponese pubblicato il 12 febbraio 2019