Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Immobiliare, prezzi giù nelle città medie

07/04/2019

Immobiliare, prezzi giù nelle città medie

Nomisma, l’istituto di studi bolognese indipendente che ogni quattro mesi fa uscire un rapporto molto approfondito sul mercato immobiliare italiano, osserva, a fianco ai grandi centri , l’andamento dei prezzi e delle compravendite delle case in 13 città di medie dimensioni: Ancona, Bergamo, Brescia, Livorno, Messina, Modena, Novara, Parma, Perugia, Salerno, Taranto, Trieste e Verona. In pratica si tratta di un’analisi su città non particolarmente forti nel tessuto economico italiano, collocate in ogni area del paese e con livelli di benessere molto diversi. Si può dire che si tratta di uno studio sul paese reale, per certi versi molto più attendibile rispetto a quello che viene realizzato sui maggiori centri, come Milano, Roma, Torino e altri, che sono sottoposti a dinamiche di volta in volta particolari, come il turismo o una forte spinta economica.

E il risultato che esce sul mercato immobiliare dei centri urbani medi italiani non è particolarmente incoraggiante per un investitore o per chi comunque pensa di acquistare un appartamento: su 13 città ben 12 hanno registrato nel corso del 2018 un calo delle quotazioni, mentre una sola, Verona, ha visto prezzi in aumento. «Per gli operatori il mercato appare dinamico, trainato da una domanda piuttosto consistente con un impatto sulle quotazioni le quali, per la prima volta dopo 10 anni, tornano in territorio positivo», afferma infatti Nomisma sul mercato della città scaligera. «I prezzi delle abitazioni hanno ripreso lievemente a crescere nell’ordine dello 0,4% su base annua per le abitazioni nuove e dello 0,2% per quelle usate». Anche l’ufficio studi di Tecnocasa rileva un andamento di questo genere.

Quanto alle altre 12 realtà prese in considerazione, indipendentemente dal livello economico o dalla localizzazione geografica si parla di dinamiche di prezzi relativamente simili. Alcuni esempi. «A Brescia i prezzi registrano ulteriori ribassi, con -1,2% per le abitazioni nuove e – 0,6% per quelle usate». E ancora: «Per il mercato residenziale di Livorno Nomisma registra un calo dei prezzi, sia per le abitazioni nuove, sia per quelle usate; anche i canoni di locazione risultano in discesa». E infine: «A Taranto si riconferma il trend di ribasso di prezzi e canoni, in atto ormai dal 2009. Rispetto alla rilevazione di un anno fa, le quotazioni hanno visto un decremento dell’1,6% per le abitazioni nuove e del 2,2% per quelle usate».

In questo contesto di prezzi abbastanza scoraggiante, dopo oltre un decennio di cali e una perdita media di valore per il patrimonio immobiliare italiano che si avvicina al 50%, c’è un dato abbastanza positivo: il netto incremento delle compravendite. La gente ha ricominciato a ricomprare appartamenti e il trend da questo punto di vista sembra in ascesa. Anche i tempi medi di vendita si stanno contraendo, a dimostrazione del ritorno di interesse per il bene casa. Infine c’è una discreta crescita degli acquisti per investimenti, trainati dai modesti ritorni del mercato obbligazionario, dal fatto che con le quotazioni basse delle case i rendimenti sono discreti e che gli affitti a brevissimo (Airbnb e Booking) stanno rivitalizzando il mercato.

Infine le previsioni. Se si eccettua qualche raro caso (Bergamo, per esempio), Nomisma non pensa che nel corso di questo 2019 i prezzi torneranno a salire: probabilmente nella maggior parte delle situazioni ci sarà un’ulteriore discesa. E indubbiamente, considerando che è cresciuta la domanda, si tratta di un sintomo preoccupante, che fa pensare che il mercato sia abbastanza ammalato.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: case, città medie, nomisma, immobiliare
Come valuti questa notizia?
Immobiliare, prezzi giù nelle città medie Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il pendolo dei mercati finanziari
Notizia successiva »
Tre soluzioni per la Brexit
ARTICOLI CORRELATI
Urban China pubblicato il 6 marzo 2019
Smart city, un investimento per i prossimi decenni pubblicato il 22 marzo 2019
Casa, un mercato che cresce lentamente pubblicato il 25 gennaio 2019
L’anomalia del mercato immobiliare pubblicato il 12 aprile 2019
Immobiliare, pochi affari dai negozi pubblicato il 19 aprile 2019