Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Lusso, appeso alla Cina

26/04/2019

Lusso, appeso alla Cina

È uno dei settori che in questi primi mesi del 2019 sono andati meglio. Il segmento dei beni di lusso, infatti, nel primo trimestre ha avuto una crescita del 13,5%, facendo meglio dei diversi listini di riferimento cui fanno capo i singoli titoli, e ha messo a segno un ulteriore miglioramento ad aprile. In molti sono convinti che sia un’asset class sempreverde, in quanto i consumi nel campo del lusso in fondo non temono crisi: chi è ricco non si fa certo scoraggiare nei suoi acquisti dall’arrivo di una crisi economica o finanziaria. In realtà le cose sono un po’ diverse e questo comparto può essere profondamente colpito da eventi negativi.

Ma vediamo quali sono i maggiori rischi e le più interessanti opportunità. In tutto ciò c’è da fare una premessa: definire il settore non è così semplice. Per anni il luxury ha rappresentato solo le fasce alte del fashion, dell’abbigliamento griffato, della pelletteria, della gioielleria, degli orologi e di alcuni sottosettori della cosmesi. Sempre più spesso, però, anche per ragioni di diversificazione da parte di segmenti tradizionali, questo insieme ha assunto contorni più sfumati e incentrati sul concetto di prodotto, o servizio, premium, in cui, accanto ai protagonisti della gamma più elevata, si collocano anche fornitori di beni aspirazionali di massa, che intuitivamente forse sarebbe più sensato inserire nell’alveo generale dei consumer discretionary. Un esempio di questo trend è costituito dalla tecnologia e dalle auto, comparti che forniscono sempre più spesso prodotti di altissima gamma.

Cina. Le buone performance recenti sono arrivate sull'onda di una buona ripresa della Cina, che da sola rappresenta il 46% del fatturato globale (gli Stati Uniti sono “solo” il 20,4%). Il colosso asiatico, infatti, ha visto un'ondata di ottimismo grazie a buoni e inaspettati dati nel settore manifatturiero e alle notizie filtrate sulla stesura comune di un accordo sulle questioni commerciali con gli Usa. La reazione da parte dei titoli del lusso è stata per certi versi da manuale: a fronte di un quadro di propensione al rischio generale innescato da Pechino, le azioni di questo segmento di mercato sono salite mostrando un'elevata correlazione e un forte beta con i mercati del Dragone.

Ovviamente questo elemento può essere visto sia in termini negativi, sia positivi: se il gigante asiatico tira, il lusso di tutto il mondo cresce più velocemente degli altri settori, ma alle prime avvisaglie di problemi da parte cinese c’è un immediato calo delle quotazioni. E dipendere dalla volatilità della Cina non è una bella cosa.

L’arrivo dei millennial. Nei paesi emergenti è sempre più forte il potere di acquisto della classe giovanile più recente, i cosiddetti millennial. che costituiscono un parco di consumatori molto propenso a spendere in tutto il mondo emergente e che combina il tradizionale amore per il lusso con i mutamenti tecnologici e del costume che si sono affermati negli ultimi anni. Oltretutto alcune nazioni in via di sviluppo, come l’India e il Sud est asiatico, hanno una quantità di giovani che costituiscono ampiamente la maggioranza della popolazione.

Difficile scegliere. Il lusso ha una molteplicità di aziende e di segmenti e non è detto che sia facile scegliere. Il risk management attualmente non è proprio alla portata di tutti: le caratteristiche di elevata idiosincrasia individuale fra varie aziende fanno sì che diverse società di elevata qualità si trovino a scambiare a quotazioni non proprio economiche. Per di più è presente un’elevata dispersione dei rendimenti e dell’andamento di fatturati, margini e profitti che crea pochi vincitori dalle marcate caratteristiche growth. Questi ultimi, però, presentano multipli in termini tradizionali un po’ inquietanti. Ma, se si verificassero sorprese positive in termini di risultati, chiaramente la sopravvalutazione sparirebbe.

Conclusione. La dipendenza dal ciclo economico globale (più di due terzi del fatturato derivano solamente da Usa e Cina) è evidente. E la correlazione con l’andamento dei titoli più collegati all’andamento complessivo del pianeta è abbondantemente amplificata. Quando le cose vanno bene è un vantaggio, quando le cose vanno male è un notevole handicap.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: lusso, cina, performance
Come valuti questa notizia?
Lusso, appeso alla Cina Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
India, tante luci e qualche ombra
Notizia successiva »
La seconda rivoluzione petrolifera del fracking
ARTICOLI CORRELATI
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
L'era della Grande moderazione pubblicato il 10 maggio 2019
Performance e gestori, binomio indissolubile pubblicato il 14 febbraio 2019
Un Far East poco diversificato pubblicato il 18 aprile 2019