Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La seconda rivoluzione petrolifera del fracking

30/04/2019

La seconda rivoluzione petrolifera del frackingGli Stati Uniti metteranno in discussione la leadership saudita nei prossimi cinque anni. Il 70% della crescita della produzione del prossimo lustro sarà apportato dalla produzione statunitense derivante dal fracking. L’Opec si ridimensionerà.

Gli sforzi compiuti dall’Opec per mantenere alte le quotazioni del petrolio hanno consentito ai suoi competitor di approfittare della situazione favorevole per conuistare nuove fette di mercato. Secondo i dati raccolti dall’Agenzia Internazionale per l’Energia, il trend non dovrebbe subire particolari scossoni nei prossimi anni, con gli Stati Uniti a tallonare l’Arabia Saudita per il ruolo di primo produttore planetario di greggio. 

L’IEA sostiene che si approssima sempre più la seconda rivoluzione industriale dello shale oil negli Usa. Lo scenario prospettato implica un incremento del 70% della produzione mondiale di greggio nel prossimo quinquennio. Nel 2021 gli Stati Uniti si trasformeranno in un esportatore netto di petrolio grazie all’impulso dell’industria basata sul fracking. Nel 2022 gli Usa avranno superato la Russia come esportatore netto di greggio e entro la fine del 2024 si porterà a ridosso dell’Arabia Saudita e ne metterà in discussione il primato.

Nel suo report dedicato alle prospettive per il prossimo lustro, l’Agenzia Internazionale per l’Energia ipotizza che la produzione petrolifera Usa, che ha registrato un incremento di 2.2 mln di barili nel 2018, continuerà a svolgere un ruolo di primo piano nello scacchiere globale e contribuiràper il 70% alla crescita addizionale apportata da tutti i produttori. La previsione messa a punto dallAgenzia indica che nel 2024 gli Usa produrranno 4 milioni di barili giornalieri.

Nel report si ipotizza che l’Opec accuserà una contrazione della sua capacità produttiva a causa delle sanzioni e dei gravi problemi economici in Iran e Venezuela, con un calo previsto di 380.000 barili giornalieri che potrebbe ridurre la produzione annua a 34,5 mln di barili entro il 2024.

Se non interverranno cambiamenti sostanziali nella situazione dell’Iran, la sua produzione potrebbe annua potrebbe essere di 3,85 mln di barili giornalieri nel periodo preso in considerazione. In Venezuela la produzione dovrebbe passare dagli 1,31 mln di barili del 2018 a quota 0,75 mln di barili nei cinque esercizi successivi.

All’interno del cartello dell’Opec, soltanto l’Iraq (800.000 barili giornalieri in più da qui al 2024 per una produzione annua complessiva di 5,8 mln di barili) e gli Emirati Arabi Uniti (500.000 barili giornalieri in più nel lustro preso in considerazione fino a quota 3,85 mln annui), sono i paesi memebri che presentiano piani per un’espansione significativa della produzione.

Sul fronte della domanda di petrolio, l’IEA sostiene che assisteremo a un suo incremento ma a ritmi decisamente più blandi. Nei dati, l’aumento della domanda dovrebbe attestarsi in media a 1,19 barili giornalieri  (+1,2%), che arriverà dalle economie emergenti e in particolare dall’India e dalla Cina (i due paesi assorbiranno il 44% dei 7,1 mln di incremento dei barili giornalieri che arriveranno sul mercato entro il 2024.

Nonostante il rallentamento della sua economica, Pechino continua a crescere a tassi sostenuti e questo dovrebbe garantire un incremento della domanda di greggio (le minori necessità di petrolio dell’industria pesante saranno compensate dalla maggiore domanda dei consumatori).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: barile, petrolio, fracking, usa
Come valuti questa notizia?
La seconda rivoluzione petrolifera del fracking Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Lusso, appeso alla Cina
Notizia successiva »
Un’Italia ferma in un mondo fermo
ARTICOLI CORRELATI
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
Cavalcare gli utili dei colossi del petrolio pubblicato il 9 maggio 2019
I termometri del rischio pubblicato il 13 giugno 2019
Il greggio spinge le oil companies pubblicato il 4 marzo 2019
La speculazione molla il barile pubblicato il 15 novembre 2018