Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019

20/12/2019

Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019La Banca d'Italia ha rivisto in "marginale" rialzo la stima sul Pil di quest'anno e ha ridotto lievemente quelle sulla crescita nel prossimo biennio. Quest'anno, indica una nota di via Nazionale - che ha elaborato i dati nell’ambito dell’esercizio coordinato dell'Eurosistema -, la proiezione centrale è di una crescita dello 0,2% nella media dell'anno che si rafforzerebbe gradualmente nei tre anni successivi, portandosi allo 0,5% nel 2020, allo 0,9% nel 2021 e all'1,1% nel 2022. Rispetto alle precedenti proiezioni che sono state presentate lo scorso luglio, la stima è marginalmente più elevata per l’anno in corso, grazie a informazioni più favorevoli in relazione ai primi nove mesi dell'anno, e lievemente inferiore nel 2020 e nel 2021, a seguito degli effetti della più accentuata debolezza del quadro internazionale, in larga parte, ma non interamente, compensati dallo stimolo dei tassi più bassi.

Ritocco per una politica monetaria più espansiva

Il quadro macro prospettato dalla Banca centrale si basa, spiega la nota, sull’ipotesi di un rafforzamento molto graduale del commercio mondiale, dopo la battuta di arresto del 2019. Il profilo dei tassi e del prezzo del petrolio è quello espresso dalle quotazioni dei mercati nei dieci giorni operativi al 19 novembre. Allo stesso modo, la base da cui sono scaturite le stime incorpora un rendimento dei titoli di Stato decennali più basso di quello previsto a luglio (di circa 50 punti base nel 2019 e 90 punti base nel biennio 2020-21). Un effetto, ha spiegato Banca d’Italia, reso possibile da una politica monetaria più espansiva e dalla riduzione dei premi per il rischio sovrano. Lo scorso 12 settembre la Bce ha ridotto i tassi sui depositi (di 10 punti base a -0,50%) e ha riavviato gli acquisti di titoli – da novembre – per 20 miliardi di euro al mese finché sarà necessario.

Contributo da consumi famiglie e investimenti imprese

Alla crescita del Pil contribuiranno sia i consumi delle famiglie sia gli investimenti in beni strumentali, sospinti da condizioni di finanziamento favorevoli. Le esportazioni aumenteranno in linea con la crescita moderata della domanda estera per il ‘made in Italy’. Anche l’occupazione è attesa migliorare, anche se con tassi lievemente inferiori a quelli del Pil. L’inflazione salirà gradualmente nel prossimo triennio. I prezzi aumenteranno dello 0,6% quest’anno, dello 0,7% nel 2020, dell’1,1% nel 2021 e dell’1,3% nel 2022. Rispetto alle precedenti stime, l’inflazione è stata rivista in calo di 0,1 punti nel 2019, di 0,2 punti nel 2020 e di 0,3 punti nel 2021, principalmente per effetto dei minori prezzi delle materie prime. L’inflazione di fondo rimarrà contenuta quest’anno e nel 2020, per poi salire progressivamente nel biennio successivo, spinta da un graduale rafforzamento della crescita dei salari e dall’aumento dei margini di profitto.

Le possibili incognite sul cammino della crescita

Secondo le nuove proiezioni di Via Nazionale, i consumi delle famiglie sono stimati in crescita dello 0,5% quest’anno (+0,4% in luglio), dello 0,8% nel prossimo (+0,9%), dello 0,7% nel 2021 (+0,9%) e dello 0,8% nel 2021. Per quanto riguarda gli investimenti fissi lordi, sono visti in aumento del 3,1% quest’anno (+1,3%), dello 0,4% nel prossimo (+0,8%), dell’1,6% nel 2021 (+1,8%) e del 2,1% nel 2021. Le nuove stime hanno rivisto in leggero ribasso la crescita attesa per le esportazioni: nel dettaglio, a +2,6% per il 2019 (da +2,7%), a +1,7% per il 2020 (+2,8%), a +2,5% per il 2021 (+3,4%) e a +1,9% per il 2022. I rischi principali che, secondo Via Nazionale, “circondano queste proiezioni di crescita” restano legati all’incertezza globale, alle tensioni commerciali e all’andamento dell’economia nei principali partner europei che condizionerebbe il nostro export e la propensione a investire delle imprese. Da non sottovalutare, inoltre, la possibile volatilità finanziaria che potrebbe ripercuotersi sui costi di finanziamento di famiglie e imprese.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Sondaggio Swg: paure per l’oggi e futuro dei figli
Notizia successiva »
Prometeia: nel 2020 l’Italia avanti piano
ARTICOLI CORRELATI
Tassi: Fed finge che il ciclo non debba finire mai pubblicato il 21 febbraio 2020
Prometeia: nel 2020 l’Italia avanti piano pubblicato il 7 gennaio 2020
Confcommercio: il Misery Index peggiora in dicembre pubblicato il 14 febbraio 2020
Carenza di medici: il Covid19 evidenzia un problema endemico pubblicato il 28 marzo 2020
Oro: i venti di guerra spingono a nuovi massimi pubblicato il 15 gennaio 2020