Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Prometeia: nel 2020 l’Italia avanti piano

07/01/2020

Prometeia: nel 2020 l’Italia avanti pianoL’orizzonte 2020 per l’economia italiana non è del tutto negativo ma, senza interventi più strutturali sulla crescita, “il miglioramento suggerito dagli indicatori congiunturali potrebbe svanire”. È quanto emerge dalle previsioni di Prometeia secondo cui, nonostante la contrazione dell’attività industriale stimata per il quarto trimestre 2019, il Pil chiuderà a +0,2% grazie alla revisione dei dati Istat (rispetto al +0,1% indicato a settembre), mentre la stima 2020 è leggermente rivista al ribasso, a +0,5% da +0,6%. Su quest’ultima previsione, si legge nel rapporto, “pesa l’incertezza politico-economica: frizioni nella maggioranza e partite non ancora definite come Ilva e Alitalia”.

La riduzione del cuneo fiscale favorirà le famiglie

Il sostegno alla crescita economica arriverà soprattutto da una ricomposizione delle poste di bilancio, piuttosto che da una vera e propria manovra espansiva. Infatti, stimano gli esperti di Prometeia, “la politica di bilancio sarà modestamente espansiva, sostenendo il Pil dello 0,1% nel 2020”, mentre “l’aumento della spesa sarà parzialmente finanziato da maggiori imposte”. Positivo lo scenario atteso per le famiglie, che saranno favorite dagli effetti redistributivi di alcune nuove misure, come la riduzione del cuneo fiscale (che andrà a regime nel 2020) e alcuni trasferimenti (nel 2019 sono aumentati di 3 miliardi rispetto al Reddito di Inclusione).

Il contributo degli investimenti

Un contributo alla crescita economica dell’Italia, pur leggero, oltreché dai consumi, arriverà anche dagli investimenti che troveranno ossigeno nei crediti di imposta, nelle detrazioni maggiorate per ecobonus e nelle ristrutturazioni. La ripresa del Pil tuttavia, secondo l’analisi di Prometeia, “tornerà a sfiorare cifra tonda (+0,9%) solo nel 2022, senza comunque raggiungere i livelli pre-crisi su tutti i principali indicatori macroeconomici”. Anche l’impulso che giungerà dall’estero sarà comunque funzionale, grazie agli interscambi diretti e indiretti, a un quadro economico globale più sereno e al calo delle tensioni sul fronte commerciale Stati Uniti-Cina.

Usa-Cina: si scommette su un accordo

La recente ripresa dei colloqui Usa-Cina ha smussato le tensioni, con i mercati che hanno iniziato a scommettere su un accordo (visto che l’anno coincide anche con le presidenziali Usa). Tuttavia, i problemi che interessano altri Paesi manterranno bassa la crescita del commercio mondiale, mentre terranno i consumi e gli utili aziendali. Il Pil globale è atteso crescere del 2,6% (+3% nel 2019). Discorso più complesso per le politiche economiche di Washington e Pechino, che stanno esaurendo margini di manovra: il disavanzo federale Usa raggiungerà a fine anno il 4,2% del Pil, e il debito è destinato a superare il 110% nel 2020. In Cina il debito totale dell’economia ha raggiunto già il 300% del Pil.

Eurozona, al traino della locomotiva tedesca

Il quadro che accompagnerà l’Europa nel 2020 è diverso: nel Vecchio continente la produzione industriale è attesa in generale calo, anche se ci sono alcuni Paesi, come la Germania, che hanno ampio spazio fiscale per stimolare la crescita. A tale riguardo, ricorda Prometeia, “la locomotiva tedesca ha programmato una riduzione del risparmio pubblico di 0,4 punti percentuali nel 2020, non tanto via maggiori investimenti quanto attraverso un mix di aiuti e defiscalizzazioni per famiglie e imprese”. E di questo potrebbero beneficiarne, indirettamente, i principali partner commerciali della Germania, tra cui l’Italia. Il Pil dell’Eurozona è atteso in rialzo dell’1,1% dopo l’1,2% di quest’anno.

La politica monetaria di Bce e Fed

L’Eurozona continuerà a beneficiare di una politica monetaria espansiva, con una prospettiva di lungo periodo. Lo ha lasciato intendere la neo-presidente della Bce, Christine Lagarde, la quale ha confermato le linee guida della Banca centrale europea tracciate dal suo predecessore, Mario Draghi. Più incerto il terreno su cui si muoverà la Fed che, dopo il recente intervento d’urgenza (iniezione di 240 miliardi di dollari sul mercato interbancario), ha lasciato aperta la porta a tutte le ipotesi.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: economia, orizzonte, indicatori, pil, consumi
Come valuti questa notizia?
Prometeia: nel 2020 l’Italia avanti piano Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019
Notizia successiva »
Fondi: spesso gli investitori sbagliano a cogliere l’attimo
ARTICOLI CORRELATI
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
Eurizon: la view d’investimento del mese di ottobre pubblicato il 12 ottobre 2020
Bce: economia tornerà a situazione pre-Covid dopo il 2022 pubblicato il 22 settembre 2020
Bce: il Covid principale incognita per economia mondiale pubblicato il 29 settembre 2020
Pil Italia: Gualtieri, calo 2020 non sarà a due cifre pubblicato il 15 settembre 2020