Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fondi: a maggio aumentano i deflussi e cala il patrimonio

02/07/2019

Fondi: a maggio aumentano i deflussi e cala il patrimonio

Bilancio di segno negativo per il mese di maggio per l'industria del risparmio gestito: la raccolta netta è diminuita di 5,5 miliardi di euro, in peggioramento rispetto ai -3,9 miliardi accusati in aprile. Sempre in maggio, e dopo una serie di record assoluti, il patrimonio è sceso a 2.150,8 miliardi dal tetto storico di 2.171,8 miliardi aggiornato appena il mese precedente. Nel mese che ha visto le Borse in affanno, dopo l’accelerazione più o meno regolare che le ha contraddistinte da inizio anno, a fronte delle tensioni geo-politiche internazionali i risparmiatori italiani hanno optato in prevalenza per i riscatti. Ad accentuare questa loro tendenza hanno contribuito anche i ripetuti moniti arrivarti da più parti sulla solidità della crescita globale e, più vicino a noi, le incertezze del panorama politico nazionale ed europeo più in generale. È la fotografia che emerge dalla mappa mensile sul risparmio gestito di Assogestioni.

Segno rosso per le gestioni collettive e di portafoglio

A maggio si sono chiusi con il segno rosso sia il saldo di raccolta delle gestioni collettive (-2,3 miliardi dopo -2,9 miliardi in aprile), sia quello delle gestioni di portafoglio (-3,2 miliardi dopo -1 miliardo). Da inizio anno la raccolta netta complessiva sulla carta risulta ancora positiva per 46 miliardi, ma circondiamo che questo dato comprende l'apporto di circa 53 miliardi (scritto a gennaio) per movimenti interni non ricorrenti del gruppo Poste. Per quanto riguarda le gestioni collettive, i fondi aperti hanno accusato una contrazione di 2,3 miliardi (-3,2 miliardi in aprile), che hanno portato a -5,9 miliardi il consolidato dei primi cinque mesi di quest’anno. Su un terreno positivo è invece il bilancio scritto dai fondi chiusi, che hanno registrato in maggio +11 milioni (anche se in netto ribasso dai +348 milioni del mese precedente), con un saldo di +558 milioni da inizio anno. Tra le gestioni di portafoglio, le retail hanno accusato un calo di 392 milioni (dopo +637 milioni in aprile), con un totale maturato nel periodo gennaio-maggio di -358 milioni.  

La riscoperta dei monetari

Corrente di deflussi più corposa dei mandati istituzionali, che in maggio hanno registrato un calo di 2,8 miliardi (in peggioramento dopo i -403 milioni di aprile), con il saldo da inizio anno ancora positivo per 51,8 miliardi (grazie però sempre all’operazione straordinaria delle Poste). Tra le varie tipologie di fondi, è continuata la fuga dagli azionari (-2,76 miliardi in maggio, dopo -739 milioni in aprile, con un saldo da gennaio di -5,2 miliardi), mentre è cresciuta ulteriormente la disaffezione dai fondi flessibili (rispettivamente -2 miliardi, -1,3 miliardi per un saldo dei primi cinque mesi dell’anno di -6,2 miliardi). Ancora di segno positivo il bilancio di maggio dei fondi obbligazionari, anche se la raccolta relativa si è praticamente dimezzata (+218 milioni dopo +419 milioni di aprile, per un totale gennaio-maggio di +2,84 miliardi). Hanno tenuto i bilanciati (+98 milioni dopo +252 milioni, a un totale di +916 milioni da gennaio). Maggio è stato caratterizzato comunque dalla riscoperta dei monetari da parte degli investitori, con il segmento che ha registrato una raccolta netta di +2,27 miliardi dopo la pesante contrazione (-1,8 miliardi) accusata in aprile, che ha portato in territorio positivo il saldo da inizio anno (+1,9 miliardi).

Quanto alla nazionalità, per i fondi di diritto italiano il mese considerato si è chiuso a -2,1 miliardi, dopo -1,9 miliardi in aprile (-6,7 miliardi il saldo da gennaio). Raccolta netta mensile negativa anche per i fondi esteri, la cui raccolta si è chiusa con -160 milioni dopo -1,32 miliardi del mese precedente (+805 milioni il bilancio gennaio-maggio). In base alle tabelle la raccolta di maggio dell’industria del risparmio gestito è stata positiva solo per 15 case su 56.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: assogestioni, maggio, raccolta, netta, fondi
Come valuti questa notizia?
Fondi: a maggio aumentano i deflussi e cala il patrimonio Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno