Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno

01/07/2019

Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno

L’irrigidimento delle posizioni di Stati Uniti e Cina nelle trattative commerciali ha alimentato l’instabilità dei mercati. I timori degli investitori sono aumentati per il fatto che se la loro disputa dovesse sfociare in una guerra commerciale aperta, a risentirne non sarebbero solo i due ‘duellanti’, ma l’economia mondiale. Perché spiega, tra gli altri, Nikolaj Schmidt, capo economista di T.Rowe Price, per tanti motivi “le guerre commerciali non creano vincitori nel lungo termine”. In primo luogo l’esperto mette a fuoco i due principali effetti che i dazi hanno: perché funzionano come tasse sui beni e perché provocano un clima d’incertezza che influenza i consumi delle famiglie e gli investimenti delle aziende. Nel dettaglio: se da un lato le tasse sui beni aumentano le entrate fiscali, dall'altro comportano un riposizionamento delle risorse inadeguato, in pratica quello che si chiama ‘perdita secca’ della tassazione. Più capillarmente: i dazi, facendo salire il prezzo dei consumi, incidono negativamente sul potere d'acquisto delle famiglie le quali acquistano meno beni. La conseguenza sarà un minore ricorso alla qualità rispetto a un paniere di prodotti il cui valore è distorto dalla tassa. 

Saranno avvantaggiati i prodotti di Vietnam e Messico

Per Schmidt non funziona nemmeno il discorso del Presidente Donald Trump quando dice che, vincendo la guerra dei dazi, famiglie e imprese Usa sostituiranno i beni soggetti ai dazi con altri beni prodotti statunitensi. Ciò contribuirà a creare nuovi posti di lavoro negli Usa. “Personalmente – ammette - ho qualche dubbio: è probabile che tali consumi si sposteranno su beni prodotti in Vietnam o in Messico, più che tornare su quelli statunitensi, e che i posti di lavoro delocalizzati in Cina non faranno in tempo a rientrare in patria prima che il processo di produzione diventi totalmente automatizzato”. Bisogna infatti che gli Usa faccia i conti anche con due fattori avversi: la sua filiera produttiva è più costosa della cinese e l’assenza di impianti nell’elettronica (una delle voci più pesanti nella bilancia commerciale Usa). In sostanza la politica di Trump sta avendo un impatto simile a quello di una stretta monetaria, che di certo non fa parte dei suoi piani. Visto che Usa e Cina sono le due maggiori economie mondiali, l'incertezza generata da una guerra commerciale protratta fra loro inciderà inevitabilmente sull'economia globale. 

Nei Paesi sviluppati la politica monetaria rimarrà accomodante

I pochi Paesi che potrebbero beneficiarne sono quelli, come il Vietnam e il Messico, in grado di offrire sostituti ai beni cinesi gravati dai dazi in modo efficiente dal punto di vista dei costi. Altro aspetto negativo delle guerre commerciali è che alimentano – soprattutto all’inizio - l'inflazione e, proprio come qualsiasi altra forma di stretta fiscale, alla fine provocano un rallentamento della crescita. Mentre la Cina, probabilmente, risponderà cercando di esportare la propria capacità in eccesso nel resto del mondo con effetti di disinflazione. Non solo, scatenano effetti anche sui tassi di cambio e influenzano le politiche delle Banche centrali. Per i Paesi Sviluppati, le conseguenze sulla politica monetaria sono lineari: i dazi portano a una crescita più lenta e a una minore inflazione di fondo, pertanto richiedono un atteggiamento espansivo. Viceversa, nei Paesi emergenti l’aumento dell'incertezza ha maggiori probabilità di innescare deflussi di capitali, esercitando pressioni al ribasso sulla crescita e al rialzo sull'inflazione. Per trattenere i capitali, le banche centrali potrebbero trovarsi costrette a rispondere con un inasprimento monetario. 

Fed: le attuali tariffe doganali non sono una minaccia

Nel contesto attuale, ciò significherebbe un indebolimento delle valute emergenti nei confronti del dollaro USA, che a sua volta perderebbe terreno rispetto alle altre valute principali. Dati gli effetti complessivamente negativi dei dazi, si può essere tentati di concludere che il buon senso avrà la meglio e che Stati Uniti e Cina faranno un passo indietro. Tuttavia, Trump aspira alla rielezione l'anno prossimo e potrebbe decidere che il beneficio politico derivante da uno scontro diretto con la Cina superi il ‘costo’ di una crescita economica più lenta. Per questo è molto improbabile che la vicenda dei dazi si chiuda in tempi brevi. Nel frattempo la Fed fa i conti su quello che finora ha portato la guerra commerciale e sui danni prospettati. I dazi ipotetici del 25% che l'amministrazione Trump potrebbe imporre su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi “potrebbero provocare una perdita di fiducia e provocare reazioni nei mercati, cose che sono fonte di preoccupazione”. Lo ha sostenuto il Presidente della Fed, Jerome Powell, secondo cui le tariffe doganali per ora in vigore “non sono tali da rappresentare una minaccia per l'economia”.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno Valutazione: 3/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
L’oro ha ripreso a correre, top a 5 anni su attese calo tassi
Notizia successiva »
Fondi: a maggio aumentano i deflussi e cala il patrimonio