Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fondi, un veicolo d’investimento per tutti

13/05/2019

Fondi, un veicolo d’investimento per tuttiNegli ultimi venti anni, i fondi comuni d’investimento hanno assunto un peso rilevante nell’offerta del risparmio gestito. Questi veicoli d’investimento, che consentono al piccolo risparmiatore di destinare quote della propria ricchezza a mercati azionari e obbligazionari appartenenti alle diverse categorie e aree geografiche, vengono genericamente chiamati fondi comuni, ma sono in realtà definiti dalla legge con l’acronimo Oicr (organismi di investimento collettivo del risparmio).

Questi strumenti raccolgono le somme di più investitori (attraverso la sottoscrizione di quote) e le investono in forma collettiva, come un unico patrimonio. L’insieme dei sottoscrittori partecipa agli utili conseguiti dal veicolo (ma anche alle eventuali perdite) in proporzione al numero di quote possedute. Tutti i fondi si prefiggono di ottenere una valorizzazione del patrimonio, ma quest’impostazione non garantisce sempre e comunque un rendimento. Nonostante i fondi ripartiscano e riducano i rischi attraverso una diversificazione del proprio portafoglio, sottoscrivere quote di fondi significa comunque investire in attività contraddistinte da un certo livello di rischio.

Il fondo è un patrimonio giuridicamente separato sia dal patrimonio della società di gestione sia da quello dei singoli partecipanti. Questa caratteristica è molto importante perché implica l’impossibilità per i creditori della società di gestione di aggredire il fondo per soddisfare i propri crediti. Si tratta di una norma chiave per tutelare i diritti dei partecipanti. Alla società di gestione viene affidato un mandato che la vincola a gestire il fondo secondo modalità d’investimento predefinite, utilizzando le informazioni e le esperienze di cui dispone. Tali vincoli sono indicati con precisione all’interno del prospetto informativo.

La struttura degli Oicr

E’ possibile individuare dei criteri di suddivisione per mettere ordine nell’insieme dei prodotti presenti sul mercato. Un primo criterio è costituito dalla struttura, che distingue i fondi aperti da quelli chiusi e i fondi dalle Sicav. La particolare struttura dei fondi aperti consente di sottoscrivere quote o chiederne il rimborso in ogni momento. Il loro patrimonio non è fissato in un ammontare predefinito, ma può continuamente variare, in aumento per le nuove sottoscrizioni o in diminuzione per i rimborsi. Il patrimonio varia anche in funzione all’incremento o alla diminuzione di valore dei titoli in portafoglio.

I fondi chiusi hanno invece un patrimonio predefinito, che non può variare a seguito di nuove sottoscrizioni e rimborsi e che è suddiviso in un numero predeterminato di quote. In questo caso, le quote possono essere sottoscritte, nei limiti della disponibilità, soltanto durante la fase di offerta, che si svolge prima di iniziare l’operatività gestionale vera e propria, e il rimborso avviene normalmente alla scadenza. E’ comunque possibile acquistare o vendere le quote in Borsa nel caso in cui siano ammesse alla quotazione.

La diversa struttura è funzionale alle diverse politiche d’investimento perseguite.

Ai fondi chiusi sono riservati investimenti poco liquidi e di lungo periodo (immobili, crediti, società non quotate). In questi casi è necessario che il gestore possa fare affidamento sulla stabilità del patrimonio del fondo per un certo periodo di tempo, stabilità che potrebbe essere pregiudicata da un’ondata di rimborsi.

I fondi aperti investono invece in azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari quotati che possono essere, in qualsiasi momento, negoziati sul mercato. Per questa ragione, i fondi aperti non necessitano di un patrimonio particolarmente stabile, in quanto eventuali esigenze di liquidità possono essere fronteggiate vendendo i titoli in portafoglio.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: fondi, quote, raccolta, patrimonio
Come valuti questa notizia?
Fondi, un veicolo d’investimento per tutti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Chi è a rischio nella guerra commerciale
Notizia successiva »
I populisti piacciono alle Borse, ma non sempre