Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Indice Mic: disagio sociale più che raddoppiato in aprile

11/06/2020

Indice Mic: disagio sociale più che raddoppiato in aprile

La pandemia da coronavirus ha fatto esplodere l’indice che misura il disagio sociale nel nostro Paese. Il MIC, indicatore calcolato da Confcommercio, in aprile si è attestato su un valore stimato di 41,9 punti, in aumento di 22 punti rispetto a marzo: è il livello peggiore degli ultimi tredici anni (la serie storica è iniziata nel 2007). Per avere un termine di paragone, nel 2007 (anno caratterizzato dalla recessione mondiale scoppiata a seguito della crisi dei subprime e del mercato immobiliare) l’indice Mic si è attestato a 13,2 punti. Lo scorso aprile, invece, le conseguenze dell’emergenza sanitaria si sono fatte sentire pesantemente, in particolare attraverso “il repentino deterioramento delle condizioni del mercato del lavoro”. Al netto peggioramento del disagio sociale, più che raddoppiato dunque in un solo mese, ha contribuito anche il rincaro dei prodotti di largo consumo.

La quasi totalità delle ore CIG con causale Covid-19

La nota di Confcommercio precisa che, come già successo per il mese di marzo, anche in aprile sono state necessarie alcune imputazioni per limitare la sottostima della disoccupazione. Nel dettaglio, la decisa riduzione delle forze di lavoro (di 758mila unità, somma dei cali degli occupati e dei disoccupati, rispettivamente di -274mila e di -484mila unità), e il contestuale aumento degli inattivi (+746mila) hanno ampliato l’area degli scoraggiati. Allo stesso tempo ad aprile, considerato che la quasi totalità delle ore di CIG autorizzate era con causale Covid-19, si è scelto di utilizzare come tiraggio - la quota delle ore autorizzate effettivamente utilizzate - una percentuale del 95%.

Dal lockdown forzata riduzione dell’orario di lavoro

Ad aprile il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 6,3%, in diminuzione di 1,7 punti rispetto a marzo e di 3,9 punti sull’anno, collocandosi al livello più basso da novembre 2007. Includendo però una parte dei sottoccupati tra i disoccupati, fermo restando il complesso delle persone attive sul mercato del lavoro, la situazione si rivela già molto meno favorevole. Infatti, il blocco delle attività deciso daL Governo per contenere la diffusione della pandemia, ha determinato un aumento di persone che vivono una situazione di forzata riduzione dell’orario di lavoro, portando il tasso di disoccupazione corretto al 10,1%, anche se in diminuzione anch’esso su marzo.

Il boom degli scoraggiati

La riduzione del tasso di disoccupazione è il riflesso delle difficoltà di effettuare, in questo momento, una ricerca di lavoro, determinando il trasferimento di parte della forza lavoro verso l’inattività. Si è ampliato sensibilmente, di conseguenza, il numero di scoraggiati.

Il tasso di disoccupazione esteso balza al 32,7%

Ad aprile 2020 le ore autorizzate di CIG si sono attestate su un valore di oltre 772 milioni, delle quali il 98% con causale Covid-19, a cui si sono associate oltre 85 milioni di ore per assegni erogati da fondi di solidarietà. Queste cifre registrate in un solo mese sono assimilabili a quanto avvenuto nell’intero 2009, fenomeno che rende fuorviante il calcolo di qualsiasi tasso di variazione rispetto ad altri periodi temporali. In termini di ore di CIG effettivamente utilizzate destagionalizzate e ricondotte a ULA, si stima che questo corrisponda a oltre 4,4 milioni di unità lavorative standard. Il combinarsi di queste dinamiche ha portato il tasso di disoccupazione esteso al 32,7%, valore più che doppio rispetto al mese di marzo di quest’anno e dell’aprile 2019.

L’inflazione sale allo 0,8%

Sempre nel mese di marzo, ricorda Confcommercio (che elabora l’indice su dati Istat e Inps), i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto sono aumentati dello 0,8% su base annua, in aumento rispetto allo 0,6% di marzo.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Indice Mic: disagio sociale più che raddoppiato in aprile Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Provocazione Cgia: con lockdown mancata evasione per 27,5 mld
Notizia successiva »
Fisco: ecco come sono impiegate le tasse degli italiani
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid pubblicato il 6 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
Confcommercio: indice disagio migliora ma non convince pubblicato il 15 ottobre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020