Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Misery Index: peggiora il disagio sociale in ottobre

22/12/2020

Misery Index: peggiora il disagio sociale in ottobre

Netto peggioramento della percezione del disagio sociale a seguito della nuova ondata di contagi di coronavirus che ha interessato il Paese, dopo l’apparente stabilità dei mesi estivi. Le difficoltà delle imprese, già messe a dura prova dal lockdown di primavera, e le recenti misure restrittive imposte dal Governo per contenere la pandemia, si sono ripercosse immediatamente sul mercato del lavoro. Nel frattempo l’indice dei prezzi al consumo ha allungato a quattro mesi la serie deflattiva (-0,2% annuo a ottobre). Questo quadro in ottobre ha determinato per il Misery Index Confcommercio (MIC) un aumento di otto decimi di punto su settembre, a 20,8 punti.

Preoccupazione per il mercato del lavoro

Come atteso, riporta una nota di Confcommercio a commento della valutazione macroeconomica del disagio sociale, il riacutizzarsi della pandemia e le successive restrizioni alla mobilità e alle attività produttive hanno interrotto il processo di graduale ridimensionamento dell’area del disagio sociale registrato nei mesi estivi. Questa situazione si è inoltre inserita in un contesto in cui si era ancora lontani dal recupero dei livelli pre-crisi, soprattutto per le attività terziarie e in particolare per quelle più direttamente collegate alla fruizione del tempo libero e alle attività di relazione. Il quadro è destinato a peggiorare.

Il disagio sociale in Italia rischia un ulteriore peggioramento

L’eventualità del protrarsi dell’emergenza sanitaria e delle restrizioni che questa impone potrebbe infatti riportare nei prossimi mesi il MIC sui valori registrati la scorsa primavera, durante le fasi più acute dell’emergenza sanitaria e alla fine del lockdown (aprile 30,1 punti e maggio 30,9 punti), consolidando i timori sulla sopravvivenza di molte attività e di tanti posti di lavoro. Le principali preoccupazioni arrivano dal mercato del lavoro, il cui deterioramento in questi mesi è ‘frenato’ dagli ammortizzatori e dalle iniziative messe in cantiere dal Governo.

La disoccupazione aumenta al 9,8%

A ottobre il tasso di disoccupazione si è attestato al 9,8%, in aumento di un decimo di punto su settembre. Questo dato riflette una sostanziale stabilità dell’occupazione associata a un modesto aumento del numero di persone in cerca di lavoro (+11mila in termini congiunturali). Rispetto a febbraio si sconta un deficit occupazionale di 424mila unità, concentrato tra i lavoratori a termine (in cui rientrano molti stagionali) e gli autonomi più esposti alla crisi. Includendo una parte dei sottoccupati tra i disoccupati, fermo restando il complesso delle persone presenti sul mercato del lavoro, la disoccupazione si attesta al 10,9%.

257 milioni di ore CIG autorizzate

A ottobre le ore CIG autorizzate sono state quasi 257 milioni, a cui se ne sommano altre 120 milioni per assegni da fondi di solidarietà. Del totale delle ore autorizzate a settembre l’88% aveva causale Covid-19, in moderato calo rispetto ai precedenti mesi. In termini di ore di CIG effettivamente utilizzate destagionalizzate e ricondotte a ULA, si stima che questo corrisponda a oltre 850mila unità lavorative standard. Il combinarsi di queste dinamiche ha portato il tasso di disoccupazione esteso al 16,6%.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: confcommercio, coronavirus, ottobre
Come valuti questa notizia?
Misery Index: peggiora il disagio sociale in ottobre Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
CGIA: ristori insufficienti, coperto solo 25 pct delle perdite
Notizia successiva »
Schroders: Borse 2021, opportunità non solo sul tech