Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto

24/09/2020

Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto

La situazione di crisi provocata dalla pandemia da coronavirus ha colpito tutte le economie mondiali, senza distinzione di sorta, è senza precedenti ed è quindi ancora più difficile fare previsioni sulla ripresa della congiuntura mondiale. Le variabili, insomma, sono troppe e diverse sono anche le strategie messe in campo dai Paesi. Per questi motivi l’Ocse ha provveduto a correggere, questa volta in meglio, le proprie stime al riguardo. Nell’Interim Economic Oulook tra le nuove statistiche spiccano la performance positiva attesa per la Cina e il dato dell’Italia, che ‘naviga’ in una tra le peggiori recessioni del G20. E un monito: le incertezze restano elevate e la ripresa economica iniziata nei mesi estivi ha già perso slancio con l’allentamento delle misure anti-Covid.

Per quest’anno atteso -4,5% e nel prossimo +5%

Nonostante la correzione in positivo, il segno meno resta pesante e, avvertono gli esperti dell’Ocse, poteva essere ben peggiore “senza il supporto rapido ed efficace delle politiche introdotte in tutte le economie”. Insomma, oggi indicano il Pil globale di quest’anno in arretramento del 4,5% (-6% a giugno) e in ripresa del 5% nel prossimo. Quest’ultimo dato, però, è stato rivisto in calo (da +5,2%) perché i rischi restano alti. Possibili focolai e nuove conseguenti misure restrittive potrebbero, infatti, tagliare di 2-3 punti la crescita globale nel 2021 (che risulterebbe quindi dimezzata). L’Ocse tuttavia non esclude la possibilità di un recupero della fiducia di consumatori e imprese più vigorosa e questo che potrebbe aggiungere 2 punti al Pil del prossimo anno.

Dal coronavirus uno shock senza precedenti

Secondo il rapporto, la pandemia ha determinato “uno shock senza precedenti nei tempi moderni”, con effetti che hanno interessato tutti gli aspetti dell’economia. Per esempio, a causa delle restrizioni di movimento, il commercio globale è crollato di oltre il 15% nel primo semestre. A tutto lo scorso maggio le misure di protezione del lavoro riguardavano circa 50 milioni di occupati nell’Ocse, ovvero “dieci volte più della crisi finanziaria”. La spesa delle famiglie in beni durevoli è sì rimbalzata, ma quella dei servizi (soprattutto nel turismo) è ancora in sofferenza. Nel frattempo gli investimenti delle imprese sono fermi. A fine 2021, stima l’Ocse, molti Paesi avanzati “avranno perso l'equivalente di 4-5 anni di crescita di reddito reale pro-capite”.

Pil Italia rivisto a -10,5% per il 2020 e a +5,4% per il 2021

Nell'Outlook di settembre l’Ocse ha corretto le attese relative al Pil Italiano, prevedendo un calo più contenuto per quest’anno e mettendo in conto però un rimbalzo meno brillante per il prossimo. Nel dettaglio, stima il calo del Pil del nostro Paese a -10,5% per il 2020, (0,8 punti in meno dal -11,3% indicato a giugno). Per il 2021 le attese sono +5,4%, con una correzione di ben 2,3 punti (da +7,7%), la più ampia tra i maggiori Paesi. La performance del Pil italiano attesa quest’anno, inoltre, risulta essere la peggiore tra i big industrializzati e la terza peggiore tra i Paesi del G20, subito dietro Argentina e Sud Africa. Da rilevare, comunque, che tutti i principali Paesi industrializzati registrano un rialzo delle stime per il 2020, così come un taglio per il 2021.

Quest’anno solo il Pil cinese con un segno più tra i G20

Nel gruppo del G20 sarà solo la Cina che riuscirà a chiudere il 2020 con una crescita del Pil, rivisto a +1,8%, di ben 4,4 punti dalla stima di giugno, e troverà anche una robusta accelerazione (+8%) nel 2021. La congiuntura andrà peggio del previsto invece in India, la cui performance è stata corretta a -10,2% dal -3,7% di giugno. Il Regno Unito dovrebbe fare meno peggio di quanto previsto a giugno, -10,1% anziché del precedente -11,5%, e questo relega l’Italia all’ultimo posto tra i Paesi del G7. Nel rapporto dell’Ocse di settembre le previsioni per la Germania sono state corrette a -5,4% per il 2020 e a +4,6% per il 2021, quelle della Francia rispettivamente a -9,5% e a +5,8%, quelle degli Stati Uniti a -3,8% e a +4% e quelle del Giappone a -5,8% e a +1,5%.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: ocse, pil, coronavirus
Come valuti questa notizia?
Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023
Notizia successiva »
Fondi: in agosto accelera la raccolta netta
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: sui mercati malessere da seconda ondata pubblicato il 2 ottobre 2020
Federconsumatori: come cambia la nostra vita col Covid pubblicato il 6 ottobre 2020
TCW: il Covid ha dato luce all’economia del 2030 pubblicato il 19 ottobre 2020
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno pubblicato il 3 settembre 2020
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito pubblicato il 17 settembre 2020