Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023

23/09/2020

Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023

La Federal Reserve ha fissato requisiti più alti per tornare ad aumentare i tassi di interesse, lasciando la prospettiva di mantenerli vicini allo zero per almeno altri 3 anni. Ma per sostenere queste premesse serve un maggior stimolo fiscale. Tuttavia, indicano concordi gli analisti, per portare avanti questa linea strategica servono altre iniziative, soprattutto sul piano degli stimoli fiscali. In altre parole, i saggi di riferimento statunitensi rimarranno vicini allo zero almeno fino alla fine del 2023 per aiutare la ripresa economica statunitense a recuperare sugli effetti subiti dalla pandemia da coronavirus.

Politica ‘super-accomodante’ fino al 2024

Nell’ultima riunione prima delle elezioni presidenziali Usa, in calendario per il prossimo martedì 3 novembre, il Federal Open Market Committee, il braccio operativo di politica monetaria della Banca centrale d’Oltreoceano, ha confermato i saggi di riferimento tra lo zero e lo 0,25%, fascia in cui erano stati portati nella fase più critica dell’emergenza sanitaria. Le linee di indirizzo rese note dalla Fed per il 2023, per altro, mostrano che il tasso potrebbe restare vicino allo zero anche fino al 2024. Gli addetti ai lavori sono stati in parte delusi, perché si aspettavano la conferma che la Fed avrebbe portato avanti gli acquisti di titoli.

Schroders, Fed aspetterà l’inflazione salire

Un’analisi efficace di quello che è successo arriva da Keith Wade, chief economist e strategist di Schroders, secondo cui nonostante l’outlook più ottimistico e l’introduzione di un quadro più accomodante, la Fed non ha intrapreso alcuna nuova azione. I tassi e il ritmo degli acquisti di asset sono rimasti infatti invariati, nonostante abbia delineato il nuovo target di inflazione media, affermando che punterà a raggiungere un’inflazione moderatamente sopra il 2% per un certo periodo di tempo, in modo che l’inflazione media si tenga sul 2% nel tempo, e che le aspettative di più lungo termine sull’inflazione restino ben ancorate al 2%.

L’inflazione tornerà al 2% solo tra tre anni

E le nuove proiezioni economiche mostrano che l’inflazione Usa tornerà al 2% solo nel 2023, senza alcuna variazione dei tassi, e ciò – sostiene ancora l’esperto - demarca un cambio di passo rispetto al passato, quando la Fed avrebbe comunicato un inasprimento della politica monetaria in risposta a un outlook simile. In pratica la Fed non ritiene più necessario agire in anticipo rispetto a un potenziale aumento dell’inflazione sopra il 2%, al contrario di quanto succedeva in passato quando la strategia opposta rifletteva il ritardo persistente che incontrava tra le azioni di politica e il loro impatto sull’economia reale.

BlueBay, possibili nuovi acquisti con deterioramento economia

Il Fomc sembra concentrato a implementare politiche per supportare il più possibile la ripresa economica. Ne è convinto Mark Dowding, Cio di BlueBay, che non esclude però che nel caso non ci fossero ulteriori stimoli fiscali, la Fed potrebbe aumentare i propri acquisti di asset dal prossimo incontro, soprattutto se i dati iniziassero a deteriorarsi. Da una parte, avverte, il presidente Jerome Powell sa che la politica monetaria potrebbe non essere lo strumento giusto da usare, ma è l’unico a sua disposizione. E comunque, aggiunge, è consapevole che un aumento degli acquisti di titoli potrebbe generare ulteriore inflazione dei prezzi.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: fed, tassi, inflazione
Come valuti questa notizia?
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bce: economia tornerà a situazione pre-Covid dopo il 2022
Notizia successiva »
Ocse: crollo Pil mondiale 2020 inferiore al previsto
ARTICOLI CORRELATI
Cambio strategia FED: consentito sforamento 2 pct inflazione pubblicato il 4 settembre 2020
Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari pubblicato il 5 agosto 2020
Bce: la ripresa è iniziata, ma le incertezze sono tante pubblicato il 6 agosto 2020
Banca d’Italia: Pil -9 pct nel 2020 pubblicato il 27 maggio 2020
Confcommercio: il Misery Index peggiora in dicembre pubblicato il 14 febbraio 2020