Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Recovery Fund: accordo storico ma non è bacchetta magica

16/09/2020

Recovery Fund: accordo storico ma non è bacchetta magica

Il Recovery Fund da 750 miliardi di euro dell’Unione Europea rappresenta un’imponente mossa storica e un possibile primo passo verso l’integrazione fiscale del blocco. Tuttavia, non é una formula magica in grado di sostenere la crescita di lungo termine o di far scomparire il macigno del debito che opprime i Paesi dell’Europa periferica. Lo sostiene Tomasz Wieladek, international economist di T. Rowe Price, secondo cui queste problematiche richiederanno soluzioni di lungo periodo. La sostenbilità del debito pubblico nel medio periodo continuerà infatti a essere una sfida chiave per molti Paesi periferici.

Intesa su fondo NGEU impensabile prima del coronavirus

In generale, ha osservato, l’accordo sul fondo Next Generation EU (NGEU) sarebbe stato impensabile prima della pandemia. Il deal dà a Bruxelles il potere di prendere in prestito dai mercati ingenti somme e utilizzarle a supporto dei bilanci degli Stati membri: 390 dei 750 miliardi previsti verranno distribuiti come sovvenzioni e non andranno ad aggravare i debiti governativi. Saranno concessi ai Paesi più bisognosi, ma per la prima volta la responsabilità del rimborso sarà condivisa dagli Stati membri. Questi aiuti però non saranno ‘gratuiti’, ma legate ai piani nazionali di ripresa che saranno valutati dalla Commissione Europea.

Conte, l’Italia si gioca la credibilità

L’esborso, infatti, sarà soggetto al raggiungimento dei target e potrà essere sospeso se gli obiettivi verranno disattesi. Per questo, ha tenuto a sottolineare il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il Recovery Fund ci giochiamo la credibilità interna nei confronti delle famiglie e quella dell’Italia in Europa. Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha assicurato che Roma sta lavorando per fare presto e bene con l’intenzione di non aspettare la scadenza di aprile. L’auspicio è di partire formalmente con la presentazione ufficiale del progetto fin dal primo giorno della pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Banca d’Italia, dagli aiuti ricadute fino al 3% del Pil

Intanto da Banca d’Italia arrivano le prime stime sull’impatto che il Recovery Fund avrà sulla congiuntura del nostro Paese. I 209 miliardi di euro degli aiuti per la ripresa post-Covid, secondo quanto ha affermato Fabrizio Balassone – capo dei servizi della struttura di Via Nazionale - in un’audizione alla Camera, potrebbero generare ricadute comprese tra l’1,5 e il 3% (entro il 2025). Per ricevere questi benefici, che potrebbero essere significativi, l'Italia deve però compiere uno sforzo straordinario nell'attività di pianificazione e una capacità di realizzazione che non sempre ha dimostrato di possedere.

T. Rowe Price, perché questo accordo è diverso

Tornando all’analisi dell’economista di T. Rowe Price, il fatto che l’accordo (sul Recovery Fund) di tale portata sia stato firmato dopo solo un round di negoziati è stato sorprendente rispetto al passato. Ma perché è stato diverso ed è stato possibile? Per più motivi. Primo, i leader europei hanno imparato che rimandare le decisioni può comportare soluzioni più onerose. Secondo, la Cancelliera tedesca Angela Merkel, attualmente alla Presidenza, ha forti poteri di persuasione. Terzo, i negoziati sono avvenuti in contemporanea a quelli sul bilancio UE, rendendo possibili le concessioni finanziarie necessarie.

L’uscita del Regno Unito ha spostato la bilancia a Sud

Infine, è stato il primo summit rilevante senza la partecipazione del Regno Unito. Tale assenza ha comportato uno spostamento del potere politico dai Paesi del Nord a quelli del Sud Europa, rendendo più difficoltosa l’imposizione di ostacoli alle spese. L’NGEU, inoltre, ha senso sia da una prospettiva di bilancio sia in chiave politica: una risposta fiscale forte e sincronizzata aiuterà a sostenere l’economia europea e a limitare la portata dei deficit fiscali futuri. Il fondo tuttavia non può rappresentare una bacchetta magica e non risolverà automaticamente tutti i maggiori problemi strutturali accusati dall’Unione europea.

I dubbi sui Governi futuri

Sebbene le sovvenzioni saranno legate alle riforme macroeconomiche in principio, non è chiaro – sottolinea ancora Wieladek - se tali riforme saranno sufficientemente ambiziose per aiutare i Paesi a generare un potenziale di crescita di lungo termine più elevato. All’opposto, l’implementazione delle riforme potrebbe peggiorare la situazione nel breve periodo. E comunque, aggiunge, idealmente i capitali saranno dispiegati ‘oggi’ a fronte della promessa credibile di attuare le riforme fra cinque anni. Ma qualsiasi promessa rischia di mancare di credibilità, dato che è difficile per i Governi di oggi stabilire cosa faranno quelli futuri.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: recovery fund, rowe, ue
Come valuti questa notizia?
Recovery Fund: accordo storico ma non è bacchetta magica Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Pil Italia: Gualtieri, calo 2020 non sarà a due cifre
Notizia successiva »
Covid19: metà degli italiani disposta a vaccinarsi subito