Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

SWG: s’impenna l’ansia degli italiani per il Coronavirus

28/10/2020

SWG: s’impenna l’ansia degli italiani per il Coronavirus

La seconda ondata della pandemia da coronavirus è arrivata: crescono in modo esponenziale i contagi, in molti casi la scuola va a intermittenza con la didattica a distanza, siamo nel pieno di un lockdown 'soft'. Insomma, è diventata più comprensibile la fortissima crescita dell’ansia degli italiani nei confronti del coronavirus e, come emerge dalla ricerca di SWG, la quota di soggetti preoccupati per la pandemia è plebiscitaria: ben il 37% si dice molto in apprensione, una percentuale (che era al 30% a inizio ottobre) che avvicina il picco del 45% toccato a marzo.

Torna il timore per le attività quotidiane

Il senso di incertezza è pervasivo (tocca il 60% del paniere), mentre salgono anche la paura (passata al 27% dal 19% rilevato in luglio), il senso di vulnerabilità (al 30% dal 24% di settembre) e la rabbia che, espressa da oltre un cittadino su quattro, raggiunge il top dallo scorso marzo. A questa situazione emotiva – secondo il Radar di SWG - si associa un incrinato senso di sicurezza nello svolgere le attività quotidiane, tornata ai livelli del lockdown. Per esempio, la quota di chi si sente sicuro andando a fare la spesa è scesa al 67% dal 71% di luglio, mentre sono crollate le quote di chi lo pensa andando a fare visita a parenti e amici (al 61% dal 70%), a prendere un caffè al bar (al 51% dal 62%) o spostarsi in un’altra regione (al 50% dal 59%).

La preoccupazione di possibili licenziamenti

Un quadro palesemente peggiorato in pochissime settimane, se si considera che è stato accompagnato da una crescita del timore di perdere il lavoro (il 55% ritiene possibili licenziamenti nella propria impresa, contro il 51% di settembre). Tale quadro si rispecchia anche nel giudizio sulle misure sanitarie (con riferimento a quelle in vigore fino al 18/10): per il 43% sono adeguate, ma un 40% di cittadini ne invoca di più restrittive, più severe e solo il 12% le definisce esagerate, dettate da un eccesso di prudenza.

Il senso di povertà

Il rischio di perdere il lavoro incide anche su come gli italiani percepiscono il disagio sociale, preoccupati per l’impatto della pandemia. I dati che emergono dalla ricerca sono un segnale d’allarme non trascurabile: il 19% dei cittadini ritiene di essere in una condizione di vulnerabilità e che potrebbe diventare povero. Per questo la maggioranza dei cittadini (55%) ritiene urgente affrontare il problema della povertà, pur consapevoli che non si tratta di una reazione alle conseguenze del coronavirus (visto che lo stesso risultato è stato rilevato già nel 2016).

La maggioranza per una riforma del Reddito di cittadinanza

Riguardo agli interventi da mettere in atto per ridurre la fascia di famiglie in difficoltà prevale una linea non assistenziale. Le prime due preferenze sono, infatti, il taglio dei sussidi abusivi o per chi non cerca un’occupazione (44%) e il rafforzamento dei servizi di supporto all’incontro tra domanda e offerta di lavoro (27%). In quest’ottica si inserisce una crescente quota, oramai largamente maggioritaria (76%), di voci critiche nei confronti del Reddito di cittadinanza, per il quale tuttavia non viene chiesta la mera abolizione (appena il 21%), ma piuttosto un potenziamento (31%) oppure la sostituzione con uno strumento più efficace (33%).

Gli incentivi favoriscono i mercati dell’auto e della casa

La ricerca svolta da SWG a metà ottobre ha paradossalmente rilevato una sostanziale tenuta della capacità di spesa degli italiani: il 39% ha dichiarato di spendere di meno oggi rispetto a prima della pandemia, ma è ben il 51% a prevedere una riduzione nel prossimo futuro. La generica contrazione della spesa prevista si accompagna però a una sostenuta volontà di non rinunciare ai progetti importanti: quali casa, auto e investimenti, segnale dell’effetto virtuoso degli incentivi in essere e in agenda. Spiccano quindi i progetti di chi vuole ristrutturare la propria abitazione (+17% la differenza tra chi lo farà e chi ha rinunciato) per sfruttare il super-bonus del 110%, chi vuole beneficiare dell’eco-bonus per cambiare l’auto (+16%) o chi ha intenzione di comprare una nuova casa (+10%) per cogliere l’attimo favorevole dei bassi tassi di interesse.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: swg, radar, covid, lavoro, paura
Come valuti questa notizia?
SWG: s’impenna l’ansia degli italiani per il Coronavirus Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Pil: causa Covid bruciati 160 miliardi di ricchezza
Notizia successiva »
Fmi: il Covid brucia 3mila miliardi di Pil