Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Bond in Usd, una mina per le aziende degli EM

07/10/2016

NeBond in Usd, una mina per le aziende degli EMgli ultimi anni, le imprese dei paesi emergenti hanno raccolto ingenti risorse emettendo obbligazioni in Usd. Saranno in grado di onorare i propri debiti in caso di rafforzamento del biglietto verde?

Tutti i periodi di espansione e recessione economica, allo stesso modo di quelli in cui si verificano incrementi e cadute delle quotazioni degli assets finanziari, presentano elementi comuni con quelli che li hanno preceduti. L’analisi di questi elementi consente di formulare delle previsioni. Tuttavia, mettendo a confronto i singoli periodi è possibile individuare componenti che complicano l’attività previsionale.

La Grande Recessione ha rappresentato l’esempio più nitido di complessità, in particolare per gli effetti indiretti riconducibili ad essa. Attualmente, tutto sembrerebbe indicare che ci troviamo all’inizio di una fase dominata da questa tipologia di effetti. Infatti, l’annuncio del tapering da parte della Federal Reserve, ha convinto gli investitori dell’opportunità di rivedere la destinazione dei propri capitali.

In un primo momento, gli assets finanziari dei paesi emergenti sono quelli che hanno sofferto di più a causa del cambio intervenuto nell’appetito per il rischio. Questa reazione conferma che negli ultimi anni sono stati proprio i paesi emergenti i principali beneficiari dell’aumento della base monetaria da parte della Banca Centrale Usa.

La relazione diretta tra la magnitudine del deficit delle partite correnti del paese e il deprezzamento della divisa locale rispetto al dollaro Usa, rappresenta una conferma del vincolo che lega il trend delle local currencies alle decisioni della Fed. Di conseguenza, è partita la caccia ai parallelismi con quanto accaduto durante la crisi del 1997-1998.

Non vi è dubbio che i collegamenti esistano, ma allo stesso tempo è possibile individuare caratteristiche peculiari molto diverse: la migliore posizione delle finanze pubbliche (il deficit pubblico degli emerging markets è, in media, il 2% del Pil e lo stock del debito ammonta al 35%), l’elevato livello delle riserve di valuta estera nelle mani delle banche centrali (oscilla in media tra il 5% e il 15% del Pil), i minori tassi d’inflazione e, soprattutto, che i deficit delle partite correnti, di minore magnitudine e relativamente recenti, siano finanziati in maggiore misure mediante flussi di investimenti diretti esteri (più stabili rispetto al passato).

Questo mix di fattori ha consentito ad alcuni paesi emergenti –quelli più virtuosi- di recuperare il terreno perso e riconquistare la fiducia degli investitori (trend confermato dall’incremento dei flussi d’investimento indirizzati agli Em).

Tuttavia, accanto ai punti di forza, possono trovare spazio anche alcune debolezze che differenziano la situazione attuale da quella sperimentata in passato. La principale debolezza sembra essere l’elevato livelli di finanziamenti in valuta estera captati dalle società dei paesi emergenti. Non sono i Governi a soffrire le pene del peccato originale (perché il debito pubblico è denominato per lo più in valuta locale), ma le grandi imprese, che hanno raccolto risorse mediante l’emissione di bond denominati in dollari, senza che le principali fonti di guadagno delle stesse aziende siano denominate nella stessa divisa.

A questo punto si nota come stia facendosi largo un fattore di rischio nelle economie emergenti e, in particolare, in seno alle loro imprese (contrariamente a quanto sta accadendo nelle compagnie dei paesi industrializzati): l’impatto di una sensibile svalutazione delle divise locali può pesare non poco sulla capacità di ripagare l’ammontare di debito sottoscritto in Usd. Il miglioramento del livello di affidabilità delle imprese dei paesi emergenti può contribuire a mitigare tale rischio, ma non è in grado di eliminarlo.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: bond, emergenti, valuta locale, usd
Come valuti questa notizia?
Bond in Usd, una mina per le aziende degli EM Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Bce, prove di exit strategy
Notizia successiva »
Mercati, in attesa delle prime trimestrali
ARTICOLI CORRELATI
Prospettive positive intatte per azioni e bond degli Em pubblicato il 2 ottobre 2018
Il rischio BBB pubblicato il 17 ottobre 2018
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
Usa nel deserto dei tartari pubblicato il 1 settembre 2018
Il peso del Qe sui rendimenti di bond e azioni pubblicato il 11 settembre 2018