Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Turchia e Brasile, bond generosi ma rischiosi

28/10/2016

In generale, i paesi emergenti provvisti di fondamentali solidi–saldi fiscali e della bilancia delle partite correnti positivi- sono molto più resistenti ai cambiamenti intervenuti in materia di tassi d’interesse

A marzo del 2015, quando la Federal Reserve lanciò le prime avvisaglie sull’avvio di un lento processo di normalizzazione della sua politica monetaria, i paesi emergenti con un saldo delle partite correnti più in salute riuscirono a contenere la svalutazione delle rispettive divise (rispetto a quanto accaduto in quei paesi alle prese con la gestione di squilibri della bilancia delle partite correnti).

Due esempi di paesi con i conti da correggere: Turchia e Brasile

Il tentativo di colpo di Stato avvenuto il 15 luglio dell’anno in corso ha generato una caduta immediata del 4,8% del valore della lira turca nel cross con il dollaro Usa. Il 20 luglio l’agenzia di rating Standard and Poor’s ha rivisto al ribasso il livello di affidabilità creditizia dei titoli di debito denominati in lire turche a BB+, ratificando il suo outlook negativo. Dopo l’annuncio del downgrade, la lira turca ha lasciato sul terreno un altro 1,1% fino a quota 3,0755 usd.

La Turchia presenta il più elevato deficit delle partite correnti tra i paesi emergenti (-4,5% del Pil a luglio 2016) e può fare affidamento su un’accumulazione di riserve di valuta estera relativamente basse. Ogni scossone di natura politica –interna ed estera- non potrà che avere ripercussioni negative sui titoli di debito in lire turche e sull’andamento della quotazione della valuta locale.

Il Brasile è un altro paese emergente che ha vissuto momenti difficili a causa della situazione poco equilibrata dei conti pubblici. Il paese sudamericano è tra quelli che hanno impiegato più tempo ad avviare il processo di ribilanciamento esterno. Finalmente è in corso, con la sua bilancia dei pagamenti in forte miglioramento. Insieme agli sviluppi politici, il miglioramento trova adesso riscontro più evidente nei prezzi degli asset. Tuttavia, in seguito al recente rally nel mercato obbligazionario brasiliano, quest’opportunità sta cominciando a venire meno. 

Negli ultimi anni, l’America Latina è stata l’area più vulnerabile all’incremento dei tassi d’interesse statunitensi. Nei paesi dell’area, i deflussi di capitali sono più esacerbati a causa del rapido deterioramento del quadro economico e politico nei momenti di maggiore stress finanziario. Un’altra ragione di questa maggiore reattività è che i mercati finanziari latinoamericani sono più liquidi rispetti ad altri mercati emergenti, con titoli più facilmente liquidabili nelle fasi di maggiore stress.

Gli shock esterni

Lo shock più temuto per gli emerging bond è legato all’evoluzione del dollaro Usa. Un rafforzamento eccessivo del biglietto verde comporterebbe seri problemi per tutti gli emittenti –pubblici e privati- che hanno accumulato enormi quantità di debito denominato in usd con l’obiettivo di abbassare i costi di finanziamento. I paesi più indebitati in usd (Turchia, Sudafrica e Messico) sarebbero i primi a essere interessati negativamente dai rialzi della Fed e dal successivo apprezzamento dell’usd.

Al contrario, gli esportatori più virtuosi localizzati nei paesi emergenti beneficerebbero dell’aumento di competitività e della domanda interna negli Usa. Rispetto al passato, alcuni fattori tendono a limitare gli effetti di potenziali shock esterni: la minore inflazione negli Em permette l’adozione di una politica monetaria più flessibile; le quotazioni dei titoli di stato emergenti continua a mantenersi interessante rispetto ai titoli corporate Em, lasciando ampi spazi di manovra ai Governi che hanno bisogno di raccogliere finanziamenti.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: turchia, brasile, em, bond, fondamentali
Come valuti questa notizia?
Turchia e Brasile, bond generosi ma rischiosi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Decorrelare con le opzioni
Notizia successiva »
La tecnologia diventa value?
ARTICOLI CORRELATI
Il linguaggio dei bond pubblicato il 15 settembre 2017
Bond emergenti, è vero boom pubblicato il 11 ottobre 2017
Small cap, c’è un futuro pubblicato il 23 agosto 2017
Le riforme spingono l’America latina pubblicato il 19 luglio 2017
Aspettando il rimbalzo del petrolio pubblicato il 30 giugno 2017