Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Trump e l’ombra di Reagan

01/12/2016

Anche se l’Trump e l’ombra di Reaganuniverso degli Em è molto più disomogeneo rispetto a qualche decennio addietro, la storia potrebbe ripetersi a causa della forte esposizione debitoria in usd di alcuni paesi.

Prima del 9 novembre, molti esperti indicavano il Messico come il paese più danneggiato dall’eventuale arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca. Tuttavia, gli esperti in macroeconomia individuano segnali che dovrebbero mettere in allarme molti dei paesi emergenti che hanno realizzato le performance più soddisfacenti negli ultimi dieci anni. La storia dei mercati dimostra che esistono precedenti ben documentati caratterizzati da una forte similitudine con quanto sta accadendo in questo periodo.

I timori si concentrano sulle similitudini riscontrate tra le politiche che intende implementare il neo presidente Usa e quelle adottate da Ronald Reagan nel corso della sua lunga permanenza a Washington. In particolare su una questione: la volontà dichiarata di aumentare significativamente la spesa pubblica e accompagnare tale provvedimento con un forte calo delle imposte.

Questo tipo di impulso farà decollare il deficit statunitense, che dovrà necessariamente essere supportato da un incremento delle emissioni di titoli di stato (Treasury bond). Nel momento in cui si verificherà questo aumento dell’offerta di Treasury bond rispetto alla domanda proveniente dagli investitori di ogni parte del pianeta, l’interesse offerto sulle nuove emissioni tenderà a salire e le quotazioni dei titoli già emessi caleranno per poter offrire rendimenti in linea con quelli richiesti dal mercato. Parallelamente, si assisterà a un’accelerazione dell’inflazione. A sua volta la Federal Reserve dovrà probabilmente muovere al rialzo il costo del denaro per cercare di porre freno a questo nuovo trend dei prezzi al consumo.

Ancora una volta, un certo tipo di movimenti monetari ed economici potrebbero avere lo stesso riflesso visto decenni addietro. Negli anni Ottanta, le politiche volute da Reagan spinsero l’allora capo della Federal Reserve, Paul Volcker, ad applicare una serie di rialzi del costo del denaro che ebbero effetti disastrosi in altre aree del pianeta. Le conseguenze negative si fecero sentire principalmente in America latina (a causa del suo elevato debito denominato in dollari Usa). Molti paesi sudamericani dovettero fare i conti con le difficoltà derivanti dalla restituzione del capitale investito in titoli che si approssimavano alla loro scadenza naturale. Il Sudamerica andò incontro a una crisi del debito e a un decennio perduto. 

Nelle settimane post-voto, Trump ha moderato i toni su molti fronti, tuttavia, la maggior parte degli esperti sostiene che non avrà alcuna esitazione a mettere in marcia il piano d’investimenti infrastrutturale da 500.000 mln di usd e il taglio delle imposte. Alcuni dubbi sulla realizzazione del piano promesso in campagna elettorale riguardano invece lo smantellamento dell’Obamacare e l’annullamento di alcuni accordi commerciali.

In siffatto scenario è probabile che gli interessi sul debito saliranno sia sulle scadenze brevi sia su quelle lunghe. L’analisi dei flussi d’investimento mette in rilievo le forti fuoriuscite di capitali dai mercati emergenti (titoli di debito e titoli di rischio).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: reagan, trump, emergenti, debito, crisi
Come valuti questa notizia?
Trump e l’ombra di Reagan Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Commodity, le attese per il 2017
Notizia successiva »
I robo advisors lanciano la sfida ai fondi comuni
ARTICOLI CORRELATI
Usa, le ragioni della Fed pubblicato il 2 novembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
Brasile, si spera nelle elezioni per scongiurare la crisi del debito pubblicato il 5 ottobre 2018
Un margine ristretto per il debito pubblico italiano pubblicato il 11 ottobre 2018
Rialzo dei tassi, le ragioni di Trump pubblicato il 17 ottobre 2018