Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Npl, in Italia attese transazioni per 60 miliardi

05/07/2017

Npl, in Italia attese transazioni per 60 miliardi

Il tema dei crediti deteriorati (non performing loans) continua a rappresentare una spada di Damocle sul sistema bancario italiano, ma fortunatamente la situazione registra un costante e graduale miglioramento. In ogni caso, in questa particolarissima classifica l’Italia è purtroppo posizionata al primo posto.

Stando ai dati dell'ultima edizione dello studio di PwC, "The Italian Npl Market – The Place To Be”, dopo aver raggiunto il valore record di 341 miliardi di euro a fine 2015, nel corso del 2016 il volume complessivo dei non performing loans ha registrato un significativo decremento, attestandosi a 324 miliardi a fine esercizio. Nonostante questo, resta ancora oggi il livello più alto in Europa. 

Nel dettaglio i gross bad loans (circa il 62% del totale Npl) si sono mantenuti stabili nel corso del 2016, attestandosi a fine anno a 200 miliardi, mentre i valori netti ammontano a 87 miliardi, in diminuzione di 2 rispetto a fine 2015, con il bad loan coverage ratio che migliora di un punto percentuale pari al 56,5% a fine 2016. 

La composizione del portafoglio 

Il segmento corporate e Pmi continua a rappresentare la maggiore componente dei gross bad loans, con un'incidenza del 73% a fine 2016. A livello geografico, la maggiore concentrazione dello stock si registra in Lombardia (21,4% del totale, con un gross bad loan ratio del 12,1%) e Lazio (11,6% del totale, con un gross bad loan ratio del 14,5%). Le regioni del Sud Italia registrano i livelli più elevati a livello nazionale di gross bad loan ratio, con il record del 20,2% per la regione Calabria. La percentuale di crediti ipotecari conferma un solido incremento, dal 36% del 2008 al 48% di fine 2016.

L'outlook per il secondo semestre 2017

Tra gli eventi più significativi del primo semestre 2017 lo studio di PwC ricorda la cessione da UniCredit di 17,7 miliardi a due veicoli costituti rispettivamente da Fortress Investment group e Pimco, con una quota di minoranza mantenuta dall'istituto cedente. Oltre che la cessione di un portafoglio Npl misto garantito chirografario di 2,5 miliardi da parte di Intesa Sanpaolo al fondo Crc, piuttosto che la cessione di un portafoglio di 750 milioni di Banco Bpm ceduto ad Algebris.

L'outlook per il secondo semestre 2017 mostra secondo PwC un panorama molto variegato e dinamico, con volumi complessivi che su base annuale potrebbero raggiungere e supererare quota 60 miliardi grazie ai numerosi portafogli oggi già in fase, più o meno avanzata, di preparazione e interesse da parte del mercato.

Come disposto dal Decreto emesso dal Governo il 25 giugno, le esposizioni deteriorate di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca (cumulativamente 16,8 miliardi a fine 2016) saranno cedute alla Bad Bank pubblica Sga che provvederà poi alla loro liquidazione. Anche il processo di deleverage delle sofferenze di Mps (29,4 miliardi a fine 2016) è in corso e attualmente è stata data esclusiva al Fondo Atlante. Vi è poi lo stock di Npl (10,3 miliardi) delle "quattro banche" ceduti nel 2015 alla Bad Bank Rev, che potrebbero trovare investitori nel mercato già durante questo anno. Banco Bpm ha inoltre in fieri la cessione di un portafoglio Npl unsecured di debitori del segmento Pmi per un ammontare di 2 miliardi. Infine, anche Carige dovrebbe nel 2017 liquidare parte delle sue esposizioni in sofferenza, attualmente pari a 3,7 miliardi.

A cura di: Massimiliano D'Amico
Come valuti questa notizia?
Npl, in Italia attese transazioni per 60 miliardi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il punto sulla Cina
Notizia successiva »
Italia, il bicchiere mezzo pieno
ARTICOLI CORRELATI
Guadagnare con le banche italiane pubblicato il 12 novembre 2018
Buone notizie dal settore bancario italiano pubblicato il 26 giugno 2018
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018
Crescita sotto attacco pubblicato il 30 ottobre 2018
Il peso del Qe sui rendimenti di bond e azioni pubblicato il 11 settembre 2018