Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Non sottovalutate i segnali lanciati dai mercati

10/07/2017

Non sottovalutate i segnali lanciati dai mercatiAlcuni segmenti lasciano intravedere rischi apparentemente innocui. Le decisioni dei policymakers saranno decisive per garantire la stabilità di alcune asset class o avviare un processo di deterioramento delle quotazioni

Sul mercato obbligazionario, il segmento degli investment grade corporate bond nasconde qualche rischio poco evidente. A differenza di quanto accaduto ai titoli di stato, i corporate bond emessi da aziende dotate di rating investment grade hanno offerto una buona stabilità delle quotazioni e poche perdite in conto capitale, tuttavia, l’eventuale deterioramento dei bilanci societari dovuti al raggiungimento del picco dell’indebitamento, potrebbe portare sorprese poco gradite. Attualmente l’indebitamento delle società è sui massimi storici e i rendimenti sui minimi di sempre. Questa situazione rende il segmento dei corporate bond molto vulnerabile a una sensibile accelerazione dell’inflazione.

Un’altra situazione da monitorare con attenzione è quella del segmento high yield. Anche per questo segmento obbligazionario, i livelli di indebitamento delle aziende hanno toccato i massimi di sempre e i rendimenti sono ai minimi storici. Per la prima volta nella storia, il rendimento medio offerto dalle obbligazioni ad alto rendimento europee è inferiore al dividend yield dei titoli facenti parte dell’indice Eurostoxx 50. Prima della vittoria del candidato repubblicano alle ultime elezioni presidenziali Usa, era forte la sensazione che il ciclo del credito stava per esaurirsi. Ora le cose sembrano cambiate. La maggior parte degli operatori punta a un ulteriore proroga della scadenza del ciclo in essere.

In tutti i casi, anche se nessuno è in grado di predire con esattezza quando arriverà la prossima correzione dei mercati, sarà bene non dimenticare che la maggior parte della durata del ciclo che stiamo vivendo è oramai alle nostre spalle. Quale sarà il fattore in grado di scatenare la prossima crisi? Alcuni propendono per il ritorno dei dubbi sulla sostenibilità del debito sovrano a causa del forte supporto ricevuto negli ultimi anni dalle scelte delle banche centrali.

Altri focalizzano l’attenzione sui rischi derivanti dal rapporto tra elevato indebitamento e rendimenti ai minimi storici che permea il segmento dei corporate bond. A questo punto è probabile che se l’appeal per i titoli governativi emergenti continuerà ad essere forte, nei prossimi mesi anche questo segmento entrerà a fare parte del club dei potenziali fattori di rischio. Altri ancora sostengono che il vero rischio si nasconde nelle azioni a causa della sostenibilità dei conti –estremamente positivi- delle società che hanno trainato al rialzo le quotazioni degli indici.

In siffatta situazione, il rischio più pericoloso è che l’influenza esercitata dai policymakers sull’andamento delle quotazioni –azionarie e obbligazionarie- sia stato talmente intenso da nascondere l’arrivo di un nuovo tipo di crisi che potrebbe coinvolgere sia le azioni sia le obbligazioni (non sarebbe la prima volta nella storia dei mercati, ma non è certo qualcosa di abituale). In altre parole, l’azione combinata del quantitative easing, del whatever it takes, del search for yield e della Trumpnomics, avrebbe spinto i prezzi delle azioni troppo in alto e i rendimenti delle obbligazioni troppo in basso.

Sembra che le azioni dei policymakers e le promesse dei nuovi populismi abbiano abituato gli operatori a vivere in un’epoca di incertezza costante ma, allo stesso tempo, caratterizzata dalla convinzione che esista una sorta di rete, un ‘one more thing’. Tutto ciò rende i rischi ancora più subdoli perché il prossimo deragliamento potrebbe derivare non da un provvedimento sbagliato ma dalla falsa –ed eccessiva- sicurezza creata in un mondo incerto. In attesa di scoprirlo sarà bene non sottovalutare l’avviso lanciato due mesi dal Nobel da Shiller sull’arrivo di una nuova fase di esuberanza irrazionale.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Non sottovalutate i segnali lanciati dai mercati Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La dura vita delle aziende di hardware
Notizia successiva »
Occupazione Usa ai massimi
ARTICOLI CORRELATI
Aspettando il risveglio dei bond investment grade pubblicato il 17 settembre 2018
Un margine ristretto per il debito pubblico italiano pubblicato il 11 ottobre 2018
Il rischio BBB pubblicato il 17 ottobre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018
I corporate bond alla prova del Treasury pubblicato il 13 novembre 2018