Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La trappola del debito

17/07/2017

La trappola del debitoL’ammontare globale del debito ha raggiunto un nuovo record a quota 217.000 mld di Usd (equivalenti al cambio attuale a 190.000 mld di euro) nel primo trimestre dell’anno, una cifra equivalente al 327% del Pil mondiale

I dati sono ufficiali, raccolti ed elaborati dall’IIF (The Institute of International Finance). Nell’ultimo anno l’accelerazione ha riguardato i paesi emergenti. In calo il dato nei paesi industrializzati. Stabile il debito governativo

Il trend in corso evidenzia un incremento complessivo negli ultimi dodici mesi di cinquecento miliardi, dopo aver chiuso il primo trimestre del 2016 a 216.400 miliardi di dollari (corrispondenti a 189.400 mld di euro), in crescita del 46% rispetto ai 149.000 mld archiviati dieci anni addietro (130.500 mld di euro), agli albori della crisi.

Le economie mature (i paesi industrializzati) accumulavano alla fine del primo trimestre del 2017 un debito complessivo di 160.600 miliardi di biglietti verdi (140.700 mld di euro), l’1,4% in meno rispetto a un anno prima. Nello stesso arco di tempo, il debito dei paesi emergenti toccava i 56.400 mld di usd (49.300 mld di euro), in rialzo del 5,4% rispetto a dodici mesi addietro.

L’incremento accumulato nell’ultimo anno si spiega con il crescente indebitamento dei nuclei familiari, passato dai 40.300 mld di usd (35.300 mld di euro) del primo trimestre del 2016 ai 40.900 mld di usd (35.800 mld di euro) del primo trimestre 2017. Il trend in ascesa riguarda anche il debito delle imprese, passato da 63.000 mld di usd (55.200 mld di euro) dello scorso anno ai 63.500 mld di usd (55.600 mld di euro) di quest’anno.

L’ammontare del debito emesso dai Governi si è mantenuto stabile a 58.800 mld di usd (51.500 mld di euro). In calo il debito del settore finanziario con un totale di 54.100 mld (47.400 mld di euro) rispetto ai 54.900 mld di usd (48.000 mld di euro) del primo trimestre del 2016.

Mentre si osservano livelli di debito e di tolleranza all’indebitamento nettamente diversi tra i distinti paesi e settori, il persistente incremento dei livelli di debito mondiale e il deterioramento della qualità del credito nel settore privato (titoli corporate), in particolare tra le società private dei paesi emergenti, hanno cominciato a trasmettere maggiore incertezza anche ai titoli di stato, in particolare in paesi come Canada e Cina.

Stando ai calcoli dell’Institute of International Finance, il volume complessivo del debito in Cina avrebbe raggiunto nel primo trimestre 2017 il 304% del Pil a causa dell’incremento dell’esposizione dei nuclei familiari. Nello stesso periodo, le imprese hanno ridotto leggermente il proprio livello di indebitamento.

Il sistema economico e finanziario non sembra essere in grado al momento di sostenere la crescita senza incorrere nel rischio di una nuova crisi da debito. Le dinamiche del debito privato si sono portate ai massimi di tutti i tempi in Usa, Uk, Canada, Australia e Cina, facendo in parte riprendere il ciclo economico. Nel frattempo però alcuni analisti si sono affrettati a dire che non ci sono preoccupazioni per il futuro, perché tale debito è concentrato nel settore dei consumi e non è paragonabile a quello accumulato sui mutui nel 2007.

Secondo Maurizio Novelli, gestore di lemanik, ‘in un contesto di questo tipo, neppure la politica fiscale di Trump potrà modificare il quadro. Ogni aumento del debito per fare politiche fiscali espansive produrrà un aumento dei tassi che annullerà in pochi minuti qualsiasi stimolo. Quella che abbiamo di fronte è la tipica trappola da debito che tutti negano ma che nel frattempo continua a salire senza produrre la crescita economica del passato’.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: debito, pubblico, privato, emergenti
Come valuti questa notizia?
La trappola del debito Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Attenti alla demografia
Notizia successiva »
Il peso dei cambi nei portafogli d'investimento
ARTICOLI CORRELATI
Un margine ristretto per il debito pubblico italiano pubblicato il 11 ottobre 2018
Brasile, si spera nelle elezioni per scongiurare la crisi del debito pubblicato il 5 ottobre 2018
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018
Caccia a punti di ingresso negli Em pubblicato il 19 novembre 2018
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018