Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il peso sui mercati dei millennial

19/07/2017

Il peso sui mercati dei millennialIn un articolo precedente avevamo osservato alcune caratteristiche demografiche dell'Italia, peraltro particolarmente rappresentative di un mondo in via di invecchiamento. Eravamo partiti dalla generazione dei post-millennial, ossia gli adolescenti di oggi, compresi fra i 15 e i 20 anni non compiuti. Questa fascia di età è numericamente piuttosto limitata ed è destinata a essere seguita nella vita adulta da generazioni in numero ancora più ristretto.

Inoltre, nel Belpaese particolarmente, ma in realtà un po' dappertutto, i giovani che si affacceranno fra qualche anno nel mondo del lavoro lo faranno dopo essere cresciuti in un ambiente con caratteristiche marcatamente diverse rispetto al passato. A meno che le cose non migliorino radicalmente, gran parte della loro vita sarà infatti stata caratterizzata da news economiche e finanziarie piuttosto scoraggianti, nonostante il bull market di questi anni. Da un punto di vista tecnologico, poi, questo gruppo demografico non solo non ha visto l'era prima di internet, ma addirittura non ha compiuto esperienze significative prima dell'avvento degli smartphone e quindi della mobilità della Rete.

Questi due elementi sono in qualche maniera destinati a sovrapporsi e a influenzarsi a vicenda in maniera profonda nei prossimi decenni. Vediamo come.

Innanzitutto il relativamente scarso peso numerico di questo insieme demografico, combinato con un’economia non più brillante, non favorisce certo un passaggio di consegne generazionale nei ruoli di potere. Già da anni, e non solo in Italia, i redditi entry level delle nuove generazioni sono in calo, mentre vengono sempre più spesso ritardati i passaggi chiave verso l'età adulta, come ad esempio mettere su famiglia e comprare una casa. Ribadiamo: non si tratta (più) di un trend squisitamente italiano, visto che negli Usa il 15% di coloro che sono nella fascia di età compresa fra i 25 e i 35 anni vivono in casa con i genitori; nel 2001 questo valore si fermava al 10%. Siamo lontani dal disastro della nostra Penisola, però, a meno di improbabili boom economici futuri, non è irragionevole pensare che nei lustri a venire il trend continuerà imperterrito.

Già abbiamo visto che ciò favorisce l'investimento immobiliare in quei veicoli basati su un portafoglio di appartamenti di piccole dimensioni e adatti quindi alle tasche e ai gusti dei millennial e post-millennial. Per quanto riguarda questi ultimi, poi, i loro consumi rischiano di diventare sempre più internet-centrici, un po' per il fatto che sono cresciuti con uno smartphone in mano, un po' perché probabilmente sarà sostanzialmente l'unica cosa che si potranno permettere.

A questo punto sorge un dilemma fondamentale: se crediamo all'assunto secondo cui i ragazzi di oggi resteranno a lungo in famiglia a smanettare con chissà quale tecnologia a basso (o zero) costo, dati gli scarsi averi, la loro influenza economica sarà determinata soprattutto dalla capacità di influenzare culturalmente le generazioni più anziane. Di recente uno dei top manager in Italia di uno dei maggiori emittenti di Etf al mondo, parlando del fenomeno dei robo-advisor sottolineava che sono un ottimo strumento per introdurre all'investimento finanziario giovani dagli scarsi mezzi e precisava anche che c’è la possibilità di vedere i giovani andare a convincere i loro genitori a usare simili tecnologie nella gestione del denaro di famiglia.

Pensiamo poi ad altre tecnologie potenzialmente rivoluzionarie, come ad esempio un car sharing basato su auto robotiche, che probabilmente verrebbe accolto con entusiasmo da chi per età non ha mai guidato in precedenza. Ecco possiamo dunque affermare che per molte disruption tecnologiche future il rischio è restare confinate a una fascia giovanile e post-giovanile, dai pochi soldi, con il pericolo di trasformarsi in una sorta di dollar store globale.

Per avere un vero impatto sarà necessario quindi coinvolgere i genitori, se non addirittura i nonni. Ovviamente da questi due scenari scaturiranno esiti finanziari completamente diversi.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Il peso sui mercati dei millennial Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Le riforme spingono l’America latina
Notizia successiva »
La Brexit per ora non premia il Regno Unito
ARTICOLI CORRELATI
Mercati azionari in balia della Fed pubblicato il 5 dicembre 2018
Un futuro difficile pubblicato il 3 dicembre 2018
L’incertezza regna sovrana pubblicato il 27 novembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
Usare la volatilità per proteggersi pubblicato il 31 ottobre 2018