Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Lisbona non è più junk

27/09/2017

titoli di stato emessi da Lisbona sono riusciti a ottenere la tanto agognata promozione nell’universo delle obbligazioni investment grade. E il listino azionario domestico è tra i migliori del 2017

Il Portogallo ha inanellato una serie di valutazioni positive sulla sua parabola economica, dopo che anche il Fondo Monetario Internazionale ha recentemente rivisto al rialzo la sua stima sulla crescita del Pil portandola al 2,5% per il 2017. Si tratta di una proiezione superiore a quella comunicata dallo stesso Governo di Lisbona (che aveva stimato un progresso dell’1,8%). Il Governo di Lisbona ha chiuso il 2016 con un deficit attestatosi sui livelli più bassi registrati dal lontano 1975. Questo risultato ha convinto, lo scorso giugno, il Consiglio Europeo a decretare la conclusione dell’applicazione delle misure disciplinari imposte al paese nel 2014 inseguito al mancato rispetto del deficit e alla richiesta di salvataggio finanziario.

Il paese ha tirato un sospiro di sollievo da quando l’agenzia Standard and Poor’s ha riportato i titoli di stato lusitani all’interno dell’universo ‘invesment grade’ (le emissioni considerate più sicure), tirandoli fuori dall’inferno del segmento ‘junk bond’ in cui si trovavano dal 2012.

In seguito alla decisione, il livello di affidabilità creditizia del debito portoghese è passato dal gradino BB+ a BBB-. Standard and Poor’s è stata l’ultima delle tra grandi agenzie internazionali a collocare tra i ‘bond spazzatura’ i titoli governativi portoghesi ed ora è la prima a optare per la promozione nella categoria superiore. La decisione ha sorpreso non poco gli operatori economici, che si aspettavano un outlook di medio termine stabile alla luce dei miglioramenti conseguiti dal paese sul versante macroeconomico, ma che non avrebbero scommesso nulla sul ritorno dei titoli di stato tra quelli considerati ‘investment grade’ in tempi così stretti.

La reazione a questa buona notizia non si è fatta attendere. Gli interessi sui bond portoghesi si sono portati su livelli non registrati da gennaio 2016. Il rendimento annuo del titolo di stato decennale, che viene utilizzato come riferimento per misurare la fiducia riposta nella solvibilità del paese, è sceso ieri di 29 punti base fino a toccare quota 2,496%. Il debito portoghese si è trasformato in uno degli asset più performanti dell’eurozona. Il risultato di questa continua presa di posizione degli investitori sul debito di Lisbona, ha spinto al ribasso il risk premium del paese del 40% da inizio anno.

Tuttavia, per fare in modo che il debito emesso da Lisbona rientri negli indici dei bond governativi, sarà necessario che una seconda agenzia internazionale -tra Fitch e Moodys’- opti per una decisione similare. Fino a questo momento, i titoli di debito lusitani erano riusciti a partecipare al programma di acquisti della Bce solo grazie al giudizio positivo fornito dall’agenzia Dbrs.

Il risk premium del paese –espresso dai credit default swap (assicurazioni sul rischio insolvenza del debito domestico)- ne ha tratto beneficio e il differenziale di rendimento (spread) rispetto al Bund decennale è sceso fino ai 209 punti base, livello minimo dall’anno scorso. Lo stesso ottimismo ha contagiato la Borsa di Lisbona. Il listino azionario domestico ha realizzato una performance year to date superiore a quella accumulata dall’insieme delle Borse del Vecchio Continente, facendo registrare una rivalutazione a due cifre.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: lisbona, rating, junk, investment grade
Come valuti questa notizia?
Lisbona non è più junk Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Vola l'export extra-Ue
Notizia successiva »
Azionario Europa, può scattare?
ARTICOLI CORRELATI
Il ritorno degli high yield bond pubblicato il 4 luglio 2018
Emerging corporate bond, un’opportunità concreta pubblicato il 26 aprile 2018
La selezione, una via obbligata per investire in HY bond pubblicato il 23 ottobre 2017
La forza della Borsa di Lisbona pubblicato il 18 ottobre 2017
Momento di forza per i corporate bond investment grade pubblicato il 19 giugno 2017