Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L’irrefrenabile corsa del debito

29/11/2017

L’irrefrenabile corsa del debito

Il debito globale a livello planetario ha toccato un nuovo record nel secondo trimestre dell’anno in corso dopo aver raggiunto i 226.000 mld di Usd, triplicando così il Prodotto interno lordo mondiale.

I dati ci dicono che il debito globale continua ad aumentare. Nell’ultimo anno l’incremento del volume è stato di 7.500 mld di dollari. La Cina ha ricoperto un ruolo di primo piano nel processo, in particolare a partire dal 2008. Il problema cinese si annida nella composizione del debito: il ritmo di crescita dell’esposizione delle imprese non finanziarie ha seguito un trend discendente nel gigante asiatico. L’accelerazione del volume complessivo è dovuta quasi esclusivamente al comportamento dei nuclei familiari, che hanno aumentato di molto la quota di debito rispetto al reddito disponibile.

Il tema dell’indebitamento eccessivo delle famiglie –e dei suoi effetti sull’indebitamento globale- non riguarda solo la Cina, ma si estende anche a paesi che difficilmente immagineremmo coinvolti dal fenomeno: Norvegia, Svezia e Australia. Anche in questi ultimi paesi, l’impennata del debito dei nuclei familiari si registra a partire dal 2009. La spiegazione del fenomeno va ricercata nella continua crescita dei prezzi degli immobili e nella necessità di destinare quote crescenti del reddito familiare all’acquisto della casa. A peggiorare il quadro c’è il peso rilevante assunto dai mutui a tasso variabile rispetto a quelli a tasso fisso. In siffatta situazione, le famiglie sarebbero le prime a subire gli effetti negativi di un’accelerazione del costo del denaro conseguente alla normalizzazione della politica monetaria.

Quest’accelerazione dell’indebitamento a livello globale, che ha raggiunto il 324 del Pil mondiale, ha i suoi rischi, in particolare adesso che siamo agli albori di un cambiamento del ciclo monetario (che probabilmente si materializzerà completamente solo nel lungo termine). Anche se fino a questo momento i tassi d’interesse si sono mantenuti su livelli bassi, sta aumentando il numero di società che comincia ad avere qualche problema per onorare regolarmente il pagamento degli interessi e il rimborso dei bond giunti a scadenza con i flussi di cassa che riescono a generare.

La percentuale di società con problemi –quelle che non riescono a coprire la spesa per interessi (interest coverage ratio), ha raggiunto un’incidenza compresa tra il 15 e il 25% degli asset societari in paesi come Brasile, India, Turchia e Cina. Anche in diversi mercati sviluppati – Canada, Germania, Francia e Stati Uniti- si è verificato un aumento della tensione.

Nella maggior parte dei casi si tratta di società che non riescono a pagare gli interessi previsti dalle obbligazioni emesse con i rendimenti generati dai rispettivi investimenti. Per calcolare questo ratio si divide l’Ebit della società per l’ammontare complessivo di interessi che dovranno essere pagati in un determinato lasso di tempo. In siffatto scenario, se la Federal Reserve continuerà a indurire la sua politica monetaria, il rischio per le operazioni di rifinanziamento risulta elevato. Entro la fine del 2018 arriveranno a scadenza 1.700 mld di usd in bond e prestiti sindacati. Cina, Turchia, Russia e India sono i paesi maggiormente interessati dai bond in scadenza nel breve e medio termine.

Fino a questo momento, gli annunci delle principali Banche centrali dei paesi industrializzati (Fed, Bce, BoE e BoJ) non hanno scalfito la fiducia riposta dagli investitori obbligazionari nella durata del ciclo dorato dei titoli di debito. Tuttavia, l’elevato ammontare complessivo raggiunto dall’esposizione finanziaria delle aziende e degli Stati, comporterà inevitabili problemi in sede di rifinanziamento delle emissioni nel momento in cui i responsabili della politica monetaria decideranno di fare passi più decisi.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: debito, famiglie, società, cina
Come valuti questa notizia?
L’irrefrenabile corsa del debito Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un altro placido anno di profitti in America
Notizia successiva »
Le variabili chiave nel lungo termine
ARTICOLI CORRELATI
Una penalizzazione eccessiva per i frontier markets pubblicato il 3 settembre 2018
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018
Caccia alla nuova Lehman pubblicato il 14 settembre 2018
Dietro i dazi si nasconde il problema debito pubblicato il 10 luglio 2018
L'alto debito pubblico rende l'economia italiana vulnerabile a forti tensioni sui mercati finanziari pubblicato il 15 maggio 2018