Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cina e india, continua la trasformazione dei modelli economici

08/01/2018

La massa monetaria della Cina è attualmente più grande di quella degli Stati Uniti e della zona euro messe insieme. Il dato pone seri problemi di sostenibilità del credito per la Banca centrale del paese

La dinamica congiunturale della Cina ha subito un leggero rallentamento nell’ultimo periodo. Questo non è comunque né drammatico in termini di grandezza né giunge inaspettatamente. In passato, Pechino aveva praticamente sempre contrastato un rallentamento economico troppo sostenuto con un’espansione del credito. Adesso si vuole e si deve comunque contenere proprio questa espansione del credito. Non è un compito semplice, per giunta in un paese così enorme. Ciò non significa che ci sarà un disastro. La fase attuale di volatilità contenuta su quasi tutti i mercati finanziari potrebbe, tuttavia, finire presto. La Cina potrebbe essere uno dei candidati di punta dal quale potrebbe manifestarsi il cambiamento.

La maggiore attenzione riservata ai rischi di stabilità nel sistema finanziario deve necessariamente portare a una flessione della crescita – la domanda è solo, quanto sarà significativa e in quali settori si manifesterà. A ciò si aggiunge che la Cina sta contemporaneamente effettuando un importante cambiamento delle sue strutture economiche e del suo modello economico.

I consueti indicatori di sintesi, come la crescita economica, la produzione industriale o gli investimenti, hanno quindi un significato solamente limitato. Rispetto alla performance economica, i crediti esistenti e la massa monetaria sono senza precedenti nella storia. Il governo di Pechino avvierà delle misure addirittura su tre fronti per prevenire un’eventuale crisi importante: attraverso la politica della banca centrale, tramite una regolamentazione più severa e attraverso continue misure anticorruzione. Ciò è un esercizio di equilibrio molto difficile.

La crescita economica indiana ha interrotto il suo trend al ribasso, almeno per il momento. L’aumento del 6,3% nel secondo trimestre dell’esercizio corrente (aprile 2017-marzo 2018) è stato comunque leggermente inferiore alle attese. Mentre il settore manifatturiero è cresciuto grazie agli investimenti, il settore edilizio ha continuato il debole andamento degli ultimi mesi. I dati sull’inflazione sono piaciuti poco. Il significativo aumento dei tassi d’inflazione a ottobre dovrebbe allontanare per ora la possibile opzione, in mano alla banca centrale, del taglio del tasso d’interesse.

La Banca Centrale ha lasciato i tassi invariati nell’ultima riunione di inizio dicembre, ha però alzato le stime sull’inflazione. L’aumento del prezzo del petrolio e il rischio di un deficit di bilancio del governo centrale più alto si aggiungono come ulteriori fattori negativi. Ma ci sono state anche notizie positive. L’India è salita di trenta posizioni nell’importante classifica della Banca mondiale dei “paesi dove è più facile fare impresa”. In questo modo sono state riconosciute le riforme avviate da quando si è insediato il Governo Modi. L’agenzia di rating Moody’s ha alzato di un gradino a Baa2 (Baa3 è il gradino più basso nella categoria investment grade) il merito di credito dell’India e lo ha motivato sia con le attività di riforma che con le misure di risanamento del settore bancario.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, india, credito, massa monetaria
Come valuti questa notizia?
Cina e india, continua la trasformazione dei modelli economici Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un primo sguardo al 2018
Notizia successiva »
Esame di un mondo con tanta salute
ARTICOLI CORRELATI
Meglio un approccio cauto sui bond pubblicato il 6 luglio 2018
India, la lunga strada delle riforme pubblicato il 11 maggio 2018
L’India continua a crescere più della Cina pubblicato il 3 aprile 2018
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond pubblicato il 16 luglio 2018