Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cresce la fiducia dei consumatori

16/01/2018

Cresce la fiducia dei consumatoriA dicembre 2017 l’indice del clima di fiducia dei consumatori è aumentato passando da 114,4 a 116,6, mentre l’indice composito del clima di fiducia delle imprese è rimasto invece sostanzialmente stabile (da 108,8 a 108,9). Il miglioramento del clima di fiducia dei consumatori è essenzialmente dovuto alla positiva evoluzione della componente economica e di quella corrente (da 139,4 a 143,0 e da 110,1 a 112,0 rispettivamente) mentre l’aumento è più contenuto per la componente personale (da 105,7 a 106,9) e per quella futura (da 119,9 a 121,3).

Più in dettaglio, si evidenzia un aumento del saldo riguardo sia ai giudizi sia alle aspettative sulla situazione economica del paese, nonché un ridimensionamento delle aspettative sulla disoccupazione; per quanto riguarda la situazione personale, migliorano i giudizi sulla situazione economica della famiglia mentre peggiorano le aspettative. Con riferimento alle imprese, nel mese di dicembre segnali eterogenei provengono dal clima di fiducia dei settori indagati. In particolare, il clima di fiducia cala lievemente nel settore manifatturiero (da 110,7 a 110,5), è in decisa diminuzione nelle costruzioni (da 132,1 a 127,1) ed è in aumento sia nei servizi sia nel commercio al dettaglio (i dati passano, rispettivamente, da 108,3 a 108,9 e da 110,1 a 112,3).

Passando ad analizzare le componenti del clima di fiducia si segnala che, nel comparto manifatturiero, si consolida ulteriormente il recupero dei giudizi sul livello degli ordini: il saldo è in crescita ormai dallo scorso settembre; invece le attese sulla produzione registrano un lieve calo per il secondo mese consecutivo e le scorte di magazzino sono giudicate in accumulo. Nel settore delle costruzioni, la diminuzione dell’indice è dovuta sia a un peggioramento dei giudizi sugli ordini sia alla diminuzione delle aspettative sull’occupazione. Per quanto riguarda i servizi, l’incremento dell’indice di fiducia riflette un generale miglioramento sia delle attese sugli ordini sia dei giudizi sull’andamento degli affari. Invece, i giudizi sugli ordini sono in peggioramento. Nel commercio al dettaglio il miglioramento della fiducia riflette un deciso aumento delle aspettative sulle vendite future in presenza di scorte di magazzino giudicate in decumulo; i giudizi sulle vendite correnti sono in peggioramento.

In un quadro in miglioramento, a novembre 2017 si registra anche un aumento delle esportazioni (+2,1%) e in, misura più contenuta, per le importazioni (+1,4%). La crescita congiunturale dell'export è la sintesi del marcato aumento delle vendite verso i mercati extra Ue (+6,7%) e di una contenuta flessione verso l'area Ue (-1,4%). Si segnala il forte incremento dei beni strumentali (+5,1%), dovuto anche alla vendita di mezzi di navigazione marittima. Nel trimestre settembre-novembre 2017, si rileva una crescita congiunturale dell'export del 2,9%, che coinvolge sia l'area extra Ue (+4,6%) sia l'area Ue (+1,5%). Nello stesso periodo l'import cresce in misura nettamente più contenuta (+0,6%). A novembre 2017 la crescita tendenziale dell'export si mantiene elevata (+9,7%) e riguarda sia l'area extra Ue (+12,8%) sia i paesi Ue (+7,3%); l'aumento dell'import (+8,4%) è determinato dall'espansione degli acquisti da entrambe le aree (+11,6% per l'area extra Ue e +6,5% per l'area Ue). Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla crescita tendenziale dell'export, si segnalano mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli (+23,4%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+11,4%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+10,7%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+10,3%).

A cura di: Massimiliano D'Amico
Parole chiave: fiducia, consumatori, export
Come valuti questa notizia?
Cresce la fiducia dei consumatori Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Tecnologia, il futuro molto prossimo
Notizia successiva »
La rivincita dei Pigs
ARTICOLI CORRELATI
Effetto Brexit sulla sterlina e sui servizi pubblicato il 24 settembre 2018
A gennaio produzione industriale e import ed export in flessione pubblicato il 20 marzo 2018
Italia, Pil all’1,4% ma attenzione ai prezzi del greggio pubblicato il 29 maggio 2018
L’Italia cresce, ma più lentamente pubblicato il 9 aprile 2018
Italia, non solo good news pubblicato il 24 aprile 2018