Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Tecnologia, il futuro molto prossimo

15/01/2018

Tecnologia, il futuro molto prossimo

Il 2017 è stato un anno fantastico per tutto ciò che riguarda l'information technology, con l'inizio del 2018 che non è stato francamente da meno. Il Nasdaq composite, infatti, sta mettendo a segno un record dietro l'altro e già nelle prime due settimane dell'anno si trova in rialzo di oltre il 5%. Ciò è avvenuto nonostante i colossi di internet non siano neppure fra i maggiori beneficiari del taglio alle tasse varato dall'amministrazione Trump.

Tornare a parlare del problema delle quotazioni appare a questo punto pleonastico: ciò che invece vale la pena fare è tentare di capire quali potrebbero essere i settori chiave per il 2018 in questo ambito.

Con ciò non si intende dire che i suddetti comparti che costituiscono l’insieme dell’It metteranno a segno un’altra annata di rendimenti super, anzi potrebbero persino mostrare fragilità. Ciò che intendiamo affermare è che proprio ad alcuni gangli vitali del sistema tecnologico bisognerà guardare per capire se la bolla (siamo onesti!) della tecnologia ha ancora spazio per continuare.

Da dove vale la pena partire? Forse in maniera non eccessivamente sorprendente il 2018 risulterà un anno in cui moltissimi occhi saranno puntati su tutto il mondo della blockchain, famoso in primis  per le criptovalute ma non solo. Questo paradigma tecnologico, infatti, promette di rivoluzionare diversi settori, anche tradizionali: i mezzi di pagamento, il diritto civile, il machine learning e tantissimi altri. Più di qualche osservatore tecnico mostra però diversi dubbi, vista la macchinosità di molte tecnologie blockchain e il dispendio di tempo e di energia che richiedono. Per fare un esempio, attualmente il network bitcoin riesce a gestire sette transazioni al secondo, mentre quello di Visa arriva a 60 mila.

Per questo segmento, dunque, è giunto il momento di diventare grande. È improbabile ovviamente che il 2018 mostri anche una frazione della crescita messa a segno dalle maggiori (e non solo) cripto nell'anno appena terminato, però, visto che ormai la capitalizzazione dei queste monete si avvicina al trilione di dollari, per non parlare appunto di tutti gli investimenti basati su blockchain, le potenzialità sono tante per attrarre ulteriori montagne di capitali o per vedere un disastroso deflusso.

Il secondo mega-tema su cui si concentreranno gli investitori sarà l'intelligenza artificiale. Sempre più oggetti di elettronica di consumo di uso comune incorporano modelli basati su reti neurali particolarmente complesse, un insieme di tecnologie che spesso va sotto il nome di deep learning, specialmente allo scopo di ottenere un sempre più accurato riconoscimento vocale e visivo. Anche in questo caso le applicazioni promettono di essere incredibili: dalle auto automatiche a nuovi paradigmi di cura della salute.

Nell'immediato, però, ciò che sarà interessante capire è se l'incorporazione di queste tecnologie in oggetti come gli smartphone, i televisori e gli elettrodomestici costituirà una novità sufficientemente forte da spingere i consumatori in giro per il pianeta a dare il via a un nuovo super-ciclo di consumi in settori ormai tendenti al saturo. Se ciò si rivelasse vero, si avrebbe un'esplosione, ancora più forte che negli ultimi anni, per tutta la componentistica più avanzata.

Infine il terzo tema è l'auto del futuro, intendendo con questa espressione il mix di innovazioni che vanno dall'elettrificazione dei motori a forme più o meno complesse di guida automatica. L'auto rappresenta un pilastro importantissimo del sistema mondiale, ma è altresì vero che qualche segnale di stanchezza da fine ciclo in questo ambito si sta mostrando. Se la vendita di veicoli del futuro dovesse continuare a sovraperformare il resto del mercato, allora si tratterebbe di un'interessante segnale della nascita di un nuovo comparto growth. Se esso si dovesse dimostrare più correlato del previsto con l'insieme di un'industria automobilistica un po’ stagnante, allora sarebbero dolori.

Infine aggiungiamo un’ulteriore considerazione: è probabile che il capitale andrà a concentrarsi su un numero sempre più ristretto di leader, anche in questi ambiti di gruppi ultra-innovativi, il che potrebbe aprire alcune interessanti possibilità per strategie long/short.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Tecnologia, il futuro molto prossimo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Treasury bond sotto pressione
Notizia successiva »
Cresce la fiducia dei consumatori
ARTICOLI CORRELATI
Diversificare con il Nasdaq pubblicato il 3 settembre 2018
Cina, resta sempre un must pubblicato il 13 febbraio 2018
La blockchain non spaventa 14 banche pubblicato il 5 giugno 2018
Nasdaq 100, non sempre un grande affare pubblicato il 11 aprile 2018
I bitcoin visti dai pessimisti pubblicato il 17 gennaio 2018