Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L’Italia alla conquista dei mercati esteri

02/05/2018

La ricerca commissionata da HSBC ha messo in discussione sette miti sulle aziende italiane che operano attivamente nel panorama internazionale.  Il campione preso in considerazione dai curatori dello studio è costituito da oltre ottocento aziende italiane di medie e grandi dimensioni, che offrono uno spaccato significativo del tessuto produttivo del paese.

Mito 1: "L'Italia è un paese in vendita". Infatti quasi la metà delle medie e grandi aziende italiane ha realizzato almenoun'acquisizione e, nell'81% dei casi, l'acquisizione è avvenuta all'estero. Solo il 13% delle aziende di medie e grandi dimensioni italiane è stato acquisito da società estere.

Mito 2: "L'esportazione aiuta le aziende a risolvere i loro problemi di produttività e redditività". La ricerca mostra chel'esportazione amplifica sia i comportamenti virtuosi che viziosi delle imprese. In dettaglio, mostra che non sussiste alcunarelazione tra redditività e produttività da un lato, e apertura verso l'internazionalizzazione dall'altro. Il livello più alto di produttività e redditività è infatti registrato sia tra le aziende che esportano oltre il 75% del proprio fatturato, sia tra i player nazionali, a dimostrazione che la redditività e la produttività non appartengono solo ai forti esportatori. La ricerca analizza anchegli indici Return on Equity (11,7%), Return on Sales (5,7%) e Return on Investment (11%) che si dimostrano più elevati nelle aziende con livello di esportazione più alto o più basso. L'analisi sottolinea come le aziende che decidono di diventare esportatrici tendono a essere quelle che hanno già un elevato livello di produttività. Ciò consente loro di assorbire i costi non recuperabili legati alla loro internazionalizzazione.

Mito 3:  "Le aziende italiane non innovano". I risultati della ricerca evidenziano che solo una percentuale inferiore al 30% delleaziende non innova, mentre quasi il 90% degli esportatori più  rilevanti ha introdotto innovazioni di prodotto e di processo negli ultimi tre anni. Vi è quindi una relazione tra esportazioni e innovazione: le aziende innovatrici hanno maggiori probabilità di aumentare il loro grado di internazionalizzazione.

Mito 4: "L'Italia esporta solo manifattura". La manifattura non è l'unico ambasciatore delle esportazioni italiane: infatti, oltre il 65% delle principali società italiane che operano nel settore terziario esporta.

Mito 5: "Le aziende italiane si recano all'estero per tagliare i costi". In realtà solo il 22% di queste si reca all'estero ridurre i costi. Il principale motivo che spinge le aziende ad aprirsi ai mercati esteri è la presenza di clienti o fornitori chiave a livello locale (39%), oltre alla disponibilità di partner locali qualificati (20%) e alla vicinanza dei mercati di sbocco (18%).

Mito 6: "La burocrazia e le questioni fiscali sono solo problemi italiani". Secondo la ricerca, il 61% delle principali aziende italiane considera la burocrazia come la principale criticità nell'operare all'estero. Le altre barriere ai processi di globalizzazione riguardano la difficoltà di reperire adeguato capitale umano (47%), la protezione della proprietà intellettuale (per il 39% delle imprese), le differenze linguistiche e culturali. Inoltre, la corruzione rappresenta un aspetto problematico per una società su cinque (19%).

Mito 7: "Il marchio 'Made in Italy' è l'unico fattore che incrementa le esportazioni del Paese". Secondo la ricerca, la maggiorparte delle aziende italiane non usa il marchio "Made in Italy" nelle proprie relazioni internazionali. Infatti, solo un terzo (il 35%) delle medie e grandi aziende intervistate lo utilizza, anche se chi lo impiega riconosce l'elevato valore aggiunto che genera (90%). Le aziende italiane che utilizzano questo marchio appartengono prevalentemente ai settori tessile, della moda (80%) e alimentare (59%).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: italia, mercati, esteri, quote
Come valuti questa notizia?
L’Italia alla conquista dei mercati esteri Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Euro, un trend secolare
Notizia successiva »
Usa, i numeri sorridono
ARTICOLI CORRELATI
Mercati in caduta, la visione negativa pubblicato il 9 febbraio 2018
Mercati emergenti, una difficile allocazione pubblicato il 18 luglio 2018
Oro, un paradosso sui mercati pubblicato il 11 luglio 2018
Un futuro incerto per il Bel Paese pubblicato il 3 luglio 2018
L’impatto cinese sui mercati azionari pubblicato il 21 giugno 2018