Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Segnali tranquillizzanti dall’oro

16/05/2018

Osservare l’andamento dell’oro è interessante non solamente per capire se c’è la possibilità di ricavare capital gain vendendo o acquistando, ma anche per comprendere qual è il livello di preoccupazione dei mercati. Questa materia prima, che ha indubbiamente anche usi industriali, vede però le sue quotazioni salire e scendere quasi esclusivamente in funzione del rischio percepito dagli investitori. Trattandosi del bene rifugio per eccellenza, nei momenti in cui sui mercati viene percepita una situazione di instabilità, si verifica la corsa all’acquisto, con conseguente risalita dei corsi. Al contrario, quando tutto viene considerato tranquillo e gestori e risparmiatori puntano sulla borsa e sui titoli più rischiosi, il metallo giallo resta con quotazioni abbastanza depresse.

E a giudicare dall’andamento del mercato in questi ultimi giorni non sembra che le incognite presenti in mezzo mondo stiano incidendo in maniera sensibile sui prezzi del metallo prezioso. Vediamo un po’ di storia recentissima delle quotazioni aurifere. Attualmente, dopo un discreta caduta in questi giorni, in cui il future è passato da 1.320 dollari per oncia dell’11 maggio ai 1.286 del 16 maggio, il mercato sembra abbastanza dominato dalle vendite e, secondo diversi operatori, è stato imboccato in maniera abbastanza decisa un trend ribassista. Comunque negli ultimi mesi il livello più basso toccato dal metallo giallo è stato 1.238 dollari il giorno 12 dicembre, quando uscivano previsioni totalmente ottimistiche sull’andamento del mercato borsistico e delle diverse economie sparse per il mondo. Da quel momento c’è stata una risalita, incrementata soprattutto dalla volatilità ricomparsa tra la fine di gennaio di quest’anno e l’inizio di febbraio: il 25 gennaio, con l’arrivo a quota 1.362 è stato toccato il massimo. In pratica una risalita tutt’altro che drammatica. E soprattutto da quel momento tra alti e bassi è iniziata la discesa, fino ad arrivare agli attuali livelli. In conclusione sembra proprio che ben pochi sentano la necessità di cercare un porto sicuro per i propri capitali.

Inoltre a incidere negativamente sull’oro sono anche altri elementi. In primis la quotazione del dollaro. Dato che il bene prezioso è acquistato in tutto il mondo, ma è quotato nella divisa Usa, che resta pur sempre una moneta nazionale, nel momento in cui la valuta degli States sale inevitabilmente l’oro adegua il proprio valore reale a quello del dollaro. E visto che attualmente questa moneta sta salendo in maniera molto netta, il metallo giallo sta calando in maniera quasi inversamente proporzionale.

Ma non è solo ciò. Oggi i rendimenti ottenibili dagli investimenti in dollari sono tra i migliori del mondo: un Treasury a 10 anni, sempre mercoledì 16 maggio, rendeva il 3,059%, per di più con il dollaro in crescita. Questo fatto sta spostando capitali da tutto il mondo e da tutti i settori versi i titoli di stato Usa. E un investimento in oro, che non rende nulla, viene in questo contesto abbandonato in favore di un’obbligazione che offre un ritorno sicuramente interessante. Per di più legato al governo del paese leader al mondo.

Oltretutto gli utili delle aziende dell’S&P 500 sono in netta risalita, anche spinti dai tagli fiscali operati da Trump. Di conseguenza sono in aumento anche i dividendi e oggi trovare sul mercato ottime aziende che diano cedole intorno al 3% è tutt’altro che difficile. E anche questo fenomeno provoca un fuoruscita di denaro dai beni rifugio verso le attività di rischio.

In pratica, dal mercato dell’oro arriva un segnale totalmente tranquillizzante. Almeno per il momento.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: oro, dollaro, Treasury, beni rifugio
Come valuti questa notizia?
Segnali tranquillizzanti dall’oro Valutazione: 3,5/5
(basata su 2 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Russia, i fondamentali sembrano reggere l’urto delle sanzioni
Notizia successiva »
Duration e tassi preoccupano gli investitori
ARTICOLI CORRELATI
Treasury, è davvero un’occasione? pubblicato il 18 maggio 2018
Fattori che supportano la debolezza del dollaro pubblicato il 18 aprile 2018
Usa, la minaccia dei tassi pubblicato il 9 maggio 2018
Il mistero dollaro pubblicato il 28 marzo 2018
Euro, un trend secolare pubblicato il 1 maggio 2018