Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Quattro scenari per le elezioni di mid term

05/11/2018

Quattro scenari per le elezioni di mid termLa probabilità che i Repubblicani conservino la maggioranza al Senato è dunque stimata intorno all'83%. Di contro, sono molto alte le probabilità che la Camera finisca in mani Democratiche (anche in questo caso oltre l'80%).

Infatti, la Camera si rinnova ogni due anni per intero e non è soggetta alla stortura elettorale del Senato, ma i distretti sono disegnati sulla base di una più fedele proporzione demografica attribuita agli stati. Il team di Pictet Am ha analizzato quattro possibili scenari.

Lo scenario principale, che ha una probabilità del 60%, è quello in cui la Camera finisce in mani Democratiche e il Senato resta a maggioranza Repubblicana. In questo caso, il Congresso risulterebbe ingolfato dalle richieste di inchieste da parte della Camera Democratica nei confronti dell'amministrazione. Punti di sintesi probabilmente potrebbero esserci sul tema delle infrastrutture, rispetto a cui i democratici possono essere collaborativi con i piani del governo. Quello che invece gli oppositori di Trump vedono come il fumo negli occhi è l'eventuale manovra fiscale di taglio delle tasse 2.0. Si tratta tuttavia di uno scenario che non mette in discussione l'autonomia della Fed, in quanto l'Atto di riforma della banca rimarrebbe sulla linea morta del Congresso, con l'implicazione di rasserenare il clima dal punto di vista obbligazionario e contribuire a un po' di debolezza del dollaro, favorendo le attività finanziarie soprattutto dei Paesi emergenti. I farmaceutici, con Trump e il Partito Democratico estremamente in sintonia sul controllo dei prezzi dei farmaci, subirebbero forti pressioni.

Lo scenario più interessante dal punto di vista della politica economica sarebbe invece la conferma del Congresso attuale a maggioranza Repubblicana per entrambe le Camere (che ha secondo i numeri una probabilità di appena il 13%). L'Atto di riforma della Fed verrebbe riproposto, la riforma fiscale 2.0 verrebbe certamente rimessa in agenda, sul commercio ci sarebbe un'iniziativa ancora più spinta così come sulla deregolamentazione. Gli impatti per i mercati nel brevissimo termine sarebbero positivi per alcuni settori americani come le small cap, le infrastrutture e i ciclici. Si tratterebbe di un rally di breve respiro perché il timore che la Fed venga messa sotto sorveglianza prevarrebbe provocando forti preoccupazioni. Anche perché mentre si definiscono i termini della riforma, la Fed si vedrebbe di fronte un'altra manovra fiscale che non potrebbe accomodare così come non ha accomodato l'ultima. Con la disoccupazione al 3,7% e la capacità utilizzata a livelli roboanti, la Fed non tornerebbe indietro sui tassi ma proseguirebbe in maniera molto chiara e netta sul sentiero dell'overshooting. Questo avrebbe un impatto certamente doloroso sulle obbligazioni, genererebbe la ricostituzione dei premi di rischio, senza garanzia di un dollaro forte proprio a causa dell'ingerenza dell'amministrazione nell'operatività della banca centrale. Questo sarebbe uno scenario non particolarmente brillante per gli asset rischiosi, né per gli asset obbligazionari. 

In una posizione intermedia (e con una probabilità del 21%) si pone lo scenario in cui sia Camera che Senato passano a maggioranza Democratica: in questo caso a soffrire sul fronte obbligazionario sarebbero le obbligazioni corporate domestiche insieme al dollaro, mentre i mercati emergenti, sia sul fronte obbligazionario che azionario avrebbero buone possibilità, mentre immobiliare e farmaceutici subirebbero una forte penalizzazione sui listini.

L'ultimo e meno probabile scenario (6%) è quello in cui a una Camera Repubblicana fa fronte un Senato Democratico: a uscirne vincenti in questo caso sarebbero l'obbligazionario Usa, sia governativo che corporate, e nell'azionario emergenti e infrastrutture.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Quattro scenari per le elezioni di mid term Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Usa, le ragioni della Fed
Notizia successiva »
Che cosa porterà la fine del quantitative easing della Bce
ARTICOLI CORRELATI
Arriva lo stallo nella politica Usa pubblicato il 7 novembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
Due potenziali scenari per la guerra commerciale pubblicato il 2 ottobre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Brasile, si spera nelle elezioni per scongiurare la crisi del debito pubblicato il 5 ottobre 2018