Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Arriva lo stallo nella politica Usa

07/11/2018

Arriva lo stallo nella politica UsaLa principale conseguenza del voto sarà probabilmente uno stallo a livello legislativo. Questo non vuol dire una totale assenza di cooperazione. Il Congresso e il Presidente dovranno comunque approvare una serie di leggi relative al bilancio e l'innalzamento del periodo del tetto del debito.

Sebbene il risultato delle elezioni non dovrebbe avere un impatto significativo sull'andamento dei mercati, il nuovo Congresso prenderà probabilmente in considerazione questioni controverse che potrebbero dar luogo a una certa volatilità. Tra questi temi caldi: una seconda importante proposta di riforma fiscale da parte dell'amministrazione Trump, che potrebbe innescare una maggiore crescita, un deficit più significativo e aspettative di inflazione più elevate; Gli sforzi per porre limiti ai prezzi dei farmaci o un altro tentativo da parte dei Repubblicani per sostituire l'Affordable Care Act, che potrebbe produrre effetti, rispettivamente, sui titoli azionari di provider medici o farmaceutici; L'impegno per alzare il salario minimo, che potrebbe suscitare preoccupazioni in materia di inflazione; Il dibattito sul controllo dell'immigrazione, che potrebbe porre la minaccia di una crescita più lenta e di un aumento dei livelli d'inflazione;  Potenziali aumenti nella spesa per il settore della difesa, che potrebbero stimolare la crescita complessiva e, in particolare, i titoli legati a questo comparto;

Questi dibattitti di carattere legislativo potrebbero rappresentare il rischio principale. Tuttavia, in un contesto politico frammentato, molti osservatori sono scettici sul fatto che il Congresso farà molti progressi su qualsiasi iniziativa di rilievo.

Spostando l’attenzione ai mercati, vediamo cosa ci dicono i dati storici relativi alle elezioni di metà mandato. Il partito del Presidente in carica perde solitamente alcuni seggi al Congresso nelle midterm, in particolare alla Camera, ma il mercato azionario ha di norma registrato buone performance l'anno successivo. Storicamente, il terzo anno di mandato di un Presidente (l'anno successivo alle elezioni di metà mandato, quindi) si è rivelato l'anno migliore per l'andamento del mercato statunitense nel ciclo quadriennale di presidenza.

Per i 17 anni di elezioni di metà mandato tra il 1950 il 2014, l'S&P 500 ha guadagnato in media il 10,7%, con solo cinque anni di performance negative in questo periodo storico. Per lo stesso arco temporale, nell'anno successivo alle elezioni midterm, il mercato ha guadagnato in media il 19,9%, e l'S&P 500 non ha registrato flessioni in nessuno di quegli anni. Dal 31 dicembre 1949 al 31 dicembre 2015, l'S&P 500 ha registrato un rendimento medio annuo dell'11,2%. Nemmeno le turbolenze politiche hanno portato a sconvolgimenti sul mercato. Alle elezioni di metà mandato del 1954, 1994 e 2006, il partito del Presidente in carica ha perso la maggioranza sia alla Camera che al Senato.

Nell'anno successivo a queste midterm, l'indice S&P 500 ha guadagnato rispettivamente il 31,5%, il 37,4% e il 5,5%. Alle elezioni di metà mandato del 1994, durante il primo incarico del presidente Clinton, il partito democratico ha perso 52 seggi in Parlamento e 8 al Senato, ma l'anno successivo il mercato ha guadagnato più del 37%. Nelle elezioni midterm del 2010, durante il primo mandato del presidente Obama, il Partito Democratico ha perso 63 seggi al Parlamento e 6 al Senato, creando una spaccatura nel Congresso. L'anno successivo, il mercato ha guadagnato il 2%

La cautela è giustificata e gli investitori non dovrebbero arrivare rapidamente alla conclusione che - nel più lungo periodo - un'Amministrazione democratica sarebbe negativa per i titoli azionari. Infatti, se valutati su un intero mandato presidenziale nel corso degli ultimi 100 anni, i rendimenti dei titoli azionari statunitensi - pur subendo notevoli variazioni nei quattro anni - sono stati generalmente positivi. Ancora una volta, la maggior parte degli operatori concorda sul fatto che siano subentrati fattori esogeni al controllo di qualsiasi individuo della Casa Bianca.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: midterm, senato, camera, usa
Come valuti questa notizia?
Arriva lo stallo nella politica Usa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il punto sui Btp
Notizia successiva »
Small Cap, Usa ed Europa a confronto
ARTICOLI CORRELATI
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
Quattro scenari per le elezioni di mid term pubblicato il 5 novembre 2018
Due potenziali scenari per la guerra commerciale pubblicato il 2 ottobre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Si è svegliato Trump pubblicato il 9 dicembre 2017