Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cinque motivi per puntare sulla Cina

27/11/2018

Cinque motivi per puntare sulla CinaIn generale, i principali driver della performance azionaria a lungo termine sono gli stessi che in qualsiasi altra parte del mondo: il tipo di opportunità di crescita che un'azienda può generare, la qualità del suo business, il suo momentum operativo e la valutazione.

Tuttavia, anche se non si devono trascurare del tutto i fattori macro, c’è un forte rumore di fondo che fa passare in secondo piano le opportunità di investimento offerte dalle aziende innovative della Cina. Ecco allora cinque temi individuati dal team di Investec Am per una visione a lungo termine che vada oltre rumore attuale.

1) Enormi opportunità nell’innovazione Uno degli elementi chiave per la Cina è l'innovazione. Attualmente, la spesa cinese per la ricerca e lo sviluppo è di gran lunga superiore a quella del resto del mondo, e il suo valore in percentuale del PIL è superiore alla media dell'Eurozona, e il numero e la portata dei brevetti che sta producendo è semplicemente straordinario. Non mancano i “compratori” sul mercato interno. Il Paese ha un'ampia base di consumatori, che diventa ogni giorno più ricca, e catene di approvvigionamento efficienti. La logistica e le infrastrutture cinesi sono anche di supporto alle aziende innovative che vogliono vendere i loro prodotti in tutto il Paese. Allo stesso tempo, c'è abbondanza di capitale privato, in parte perché la Cina non ha ancora un conto capitale completamente aperto. Questo significa che gran parte della fiorente ricchezza nazionale è alla ricerca di opportunità di investimento a livello domestico. Ciò è stato favorito dalle politiche di sostegno del governo cinese emanate nell'ultimo decennio.

2) I livelli del debito corporate sono stabili. Sebbene il livello del debito cinese continui a destare preoccupazioni in alcuni investitori, la maggior parte di questo è stato emesso per uscire dalla recessione e la leva finanziaria complessiva delle imprese si è stabilizzata - e in alcuni casi è diminuita. Inoltre, i tassi di sofferenza delle banche non sono aumentati. La riforma dal lato dell'offerta ha eliminato un’ampia parte della capacità in eccesso e ha migliorato la redditività e il flusso di cassa in alcuni segmenti dell’Old Economy cinese. La situazione del debito rimane un rischio a lungo termine, ma a oggi sembra gestibile.

3) La Guerra commerciale: un’opportunità per la Cina - e gli investitori. Mentre i fattori economici e politici sopra descritti rappresentano un potenziale impulso all'innovazione in Cina, c'è un altro fattore di cui molti potrebbero non essersi ancora resi conto. A nostro avviso, infatti, la guerra commerciale con gli Stati Uniti offre opportunità per la Cina e i suoi investitori. Con una tale minaccia per la crescita economica, il Paese potrebbe accelerare alcune delle sue riforme per sostenere gli sforzi di innovazione. Le aziende cinesi che vedono la potenziale minaccia di boicottaggio sono più che mai incoraggiate ad internalizzare le tecnologie chiave e a salire nella catena del valore.

4) Valutazioni già contenute. Tutto questo avviene in un contesto di valutazioni contenute: la Cina nel complesso sembra molto a buon mercato. Dal punto di vista della valutazione, la Cina è al di sotto della sua media storica decennale e, se utilizziamo un sistema di misurazione del rapporto prezzo/utile di lungo periodo, è più economica rispetto all'Europa e agli Stati Uniti, nonostante il suo profilo di crescita più attraente.

5) Azioni cinesi A-Shares: aumenta l’inclusione negli indici. Gli investitori globali guardano con interesse alle azioni cinesi A-shares anche per la loro inclusione nei principali indici dei mercati emergenti, e questo trend non farà che aumentare. L'anno prossimo, MSCI dovrebbe incrementare la quota di inclusione dal 5% al 20%, mentre FTSE Russell le includerà per la prima volta, a partire da un peso di circa il 5,5%. Ciò innescherà automaticamente flussi passivi nel mercato delle A-shares, mentre i flussi attivi, a seconda delle strategie individuali degli asset manager nella regione, seguiranno probabilmente la stessa direzione.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, azioni, valutazioni, indice
Come valuti questa notizia?
Cinque motivi per puntare sulla Cina Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
L’incertezza regna sovrana
Notizia successiva »
Sfide in un mondo non più sincronizzato
ARTICOLI CORRELATI
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina pubblicato il 4 dicembre 2018
Cina-Usa, uno scenario degno di Le Carré pubblicato il 12 dicembre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Mercati azionari in balia della Fed pubblicato il 5 dicembre 2018
Affare Huawei, ormai è guerra fredda pubblicato il 7 dicembre 2018