Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

L’incertezza regna sovrana

27/11/2018

L’incertezza regna sovranaSegni premonitori molto negativi su quasi tutti i mercati azionari. Persino i mercati azionari Usa, che finora sembravano imperturbabili, hanno ceduto significativamente. Il sentiment di risk-off si è diffuso in tutto il mondo. Anche le obbligazioni dei paesi emergenti hanno perso terreno e pure i prezzi del petrolio hanno messo la retromarcia.

A inizio novembre è partita una ripresa, ma non è chiaro se il movimento al ribasso sia, di conseguenza, già terminato. Dal punto di vista delle valutazioni parecchi mercati emergenti nel frattempo sono divenuti abbastanza interessanti. L'opposizione che proviene dall'aumento dei rendimenti Usa, dalla scarsità di liquidità, dal dollaro più forte e dal rallentamento della crescita cinese continuerà, per il momento. Un'eventuale distensione nel conflitto commerciale tra Usa e Cina potrebbe, tuttavia, portare almeno a una conclusione più positiva dell'anno in corso.  

Ottobre turbolento - Sotto pressione soprattutto i mercati asiatici

Il mese è stato caratterizzato da un netto calo dei corsi azionari in tutto il mondo e da un sentiment generale di "risk-off". L'indice azionario MSCI EM è sceso di quasi del 9%. Il Brasile è stata l'eccezione più eclatante con un aumento, trainato dalla politica interna, di circa il 10%. Degno di nota è anche l'indice azionario ungherese che ha praticamente chiuso il mese in modo invariato. In generale, i mercati azionari dei paesi emergenti europei hanno per lo più tenuto molto meglio rispetto al resto dei mercati emergenti. Soprattutto in Asia penalizzano le crescenti preoccupazioni sulla crescita della Cina e le incertezze intorno alla disputa commerciale tra Usa e Cina. Si aggiungono inoltre le crescenti tensioni politiche e militari nel Mar cinese meridionale e intorno a Taiwan.

Anche nel caso delle obbligazioni dei paesi emergenti sono prevalsi i segni negativi, in particolare per quelle in valuta forte. Per le obbligazioni in valuta locale, tuttavia, ci sono stati alcuni trend speciali. Le obbligazioni turche e la lira si sono riprese dopo le pesanti perdite dei mesi precedenti. Le obbligazioni brasiliane, d'altra parte, così come il mercato azionario, hanno celebrato la vittoria alle elezioni presidenziali di Jair Bolsonaro, appartenente all'estrema destra ma visto come amico del mercato.

I rendimenti Usa continuano a salire

Secondo il team di Raiffeisen,  interessante notare come i titoli di stato Usa non abbiano quasi per niente subito le turbolenze sui mercati azionari. Questo non è proprio di buon auspicio per i paesi emergenti nei prossimi mesi. Tutto ciò, infatti, suggerisce che la pressione al rialzo sui rendimenti delle obbligazioni Usa è ancora piuttosto elevata. Alcuni analisti ritengono che i mercati finanziari Usa stiano ancora sottovalutando il potenziale inflazionistico e il potenziale di ulteriori rialzi dei tassi da parte della banca centrale Usa. Quest'ultima si trova in una situazione complicata. La qualità della crescita economica degli Usa sembra tutt'altro che sensazionale. Potrebbe essere più fragile di quanto suggeriscono le cifre sulla crescita, soprattutto considerando la propensione all'investimento piuttosto deludente delle società Usa.

L'aumento dei tassi Usa e un dollaro USA più forte peseranno probabilmente sui paesi emergenti anche nei prossimi mesi

Ciò contrasterebbe con un percorso di aumento troppo aggressivo dei tassi guida. Allo stesso tempo, tuttavia, i prezzi negli Usa stanno aumentando e, sia i tagli fiscali sia le sempre nuove sanzioni e tariffe punitive potrebbero ulteriormente far salire l'inflazione nei prossimi mesi. Il deficit di bilancio degli Usa al momento sta crescendo ad un livello che in passato era riconducibile solamente ad una recessione. Questo, da un lato, rende il compito della Fed ancora più complesso. Dall'altro, alimenta la domanda di dollari Usa. Il dipartimento del tesoro degli Usa sta letteralmente divorando i soldi degli investitori grazie al suo enorme fabbisogno finanziario. Gli altri emittenti, tra cui molti dei paesi emergenti, sono pertanto costretti a offrire rendimenti più alti per generare sufficiente interesse degli investitori per le loro obbligazioni.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: incertezza, globale, mercati, em
Come valuti questa notizia?
L’incertezza regna sovrana Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita
Notizia successiva »
Cinque motivi per puntare sulla Cina
ARTICOLI CORRELATI
Un futuro difficile pubblicato il 3 dicembre 2018
Mercati azionari in balia della Fed pubblicato il 5 dicembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018
Continua la crescita globale del risparmio gestito pubblicato il 25 ottobre 2018
Mercati in caduta, la visione negativa pubblicato il 9 febbraio 2018