Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Affare Huawei, ormai è guerra fredda

07/12/2018

Affare Huawei, ormai è guerra fredda

L’arresto della giovane erede della Huawei, Meng Wanzhou, ha fatto tornare in alto mare i rapporti con la Cina, dopo che nel vertice G20 di Buenos Aires sembrava che si andasse verso una normalizzazione dei rapporti. Apparentemente il comportamento dell’amministrazione americana è abbastanza contraddittorio e può fare pensare che dietro queste azioni di segno totalmente opposto ci sia una totale mancanza di visione coerente e che ogni giorno venga messa in atto una strategia diversa.

In realtà la situazione è molto più complessa: si può pensare che il presidente Trump stia sbagliando tutto nei confronti della Cina e di mezzo mondo che gli è ostile, ma in questa occasione gli analisti più attenti stanno cogliendo gli elementi di una politica molto chiara.

Innanzitutto al G20 non è stata sancita una pace tra Usa e Cina, ma semplicemente una tregua: i prossimi tre mesi vedranno una serie di incontri per stabilire se si può trovare un nuovo equilibrio commerciale tra Pechino e Washington e non è affatto scontato che si arrivi a un risultato finale soddisfacente per tutti. Ma, al di là di ciò, la guerra commerciale tra i due paesi è probabilmente il problema minore. L’attacco alla Cina è su tutti i fronti e ha il preciso scopo di fermare la Repubblica Popolare come potenza globale lanciata a diventare la realtà economica più importante della terra.

Minxin Pei, docente del Claremont McKenna college, uno degli osservatori più attenti della realtà cinese, afferma senza mezzi termini: «La guerra commerciale è poco più che una scusa e su questa questione un accordo verrebbe trovato facilmente dalle parti. Ciò che gli Usa vogliono è imbastire una strategia più dura per rallentare l’ascesa e lo sviluppo cinese a ogni livello, economico, finanziario, tecnologico e militare. Non si tratta di una strategia estemporanea e non è il frutto di un solo partito e tanto meno esclusivamente del presidente Trump. Per questo non esito a prevedere che nei prossimi anni fra Cina e Stati Uniti si svilupperà una nuova guerra fredda».

Un’altra conferma arriva da Salman Ahmed, chief investment strategist, e da Didier Rabattu, head of equities, di Lombard Odier Investment Managers: «Il rapporto tra Stati Uniti e Cina è forse l’elemento più importante a livello geoeconomico e geopolitico globale del nostro secolo. Negli ultimi mesi, con l’acuirsi delle tensioni commerciali tra i due paesi, sta diventando sempre più chiaro che lo scontro tra Usa e Pechino va oltre il commercio. Finora la Cina è riuscita a limitare le ripercussioni esclusivamente all’area commerciale, ma gli States stanno concentrando la loro attenzione su altri settori sui quali imporre i dazi. Sembra che attualmente a Washington non ci sia nessuno a favore di Pechino: repubblicani, democratici, la Casa bianca e persino le multinazionali stanno iniziando ad avere un atteggiamento ostile nei confronti della Repubblica Popolare».

Oltre a questi due pareri, emessi peraltro prima degli incontri di Buenos Aires e dello scontro sulla Huawei, altre decine di esternazioni simili sono arrivate dal mondo accademico e della finanza. In pratica molti sono convinti che si sia entrati in una fase di guerra fredda, con due blocchi che si contrappongono e che sono decisi a mettere in gioco anche i propri interessi immediati pur di ottenere ampie vittorie politiche sul lungo periodo.

Sul piano dei mercati poche cose possono essere più negative di uno scontro mondiale in un’epoca che è cresciuta grazie all’incremento dei consumi, alla libertà di commercio e all’entrata nel capitalismo di qualche miliardo di persone. E soprattutto non è affatto detto che Pechino stia a guardare le iniziative Usa senza prendere contromisure pesanti, anche a costo di danneggiare pesantemente la propria economia. Diciamo che per i mercati il 2019 non si presenta benissimo.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: cina, usa, trump, guerra commerciale
Come valuti questa notizia?
Affare Huawei, ormai è guerra fredda Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Dalla spinta monetaria a quella fiscale
Notizia successiva »
Scricchiolii sinistri
ARTICOLI CORRELATI
Cina, un altro rischio non scontato pubblicato il 14 gennaio 2019
Una visione contrarian sulla Cina pubblicato il 16 gennaio 2019
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina pubblicato il 4 dicembre 2018
Cina-Usa, uno scenario degno di Le Carré pubblicato il 12 dicembre 2018
Opec e quadratura del cerchio pubblicato il 11 dicembre 2018