Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

I dividendi del Dow Jones competono con i Treasury

21/01/2019

I dividendi del Dow Jones competono con i TreasuryIl calo delle quotazioni ha determinato un aumento del rendimento da dividendo. Insieme ai buyback, i dividendi rappresentano una fonte di rendimento importante e non troppo volatile per gli investitori.

Dopo aver archiviato il periodo rialzista più lungo della sua storia, Wall Street è entrata in territorio ribassista all’inizio del mese di dicembre 2018. Il 24 dicembre il movimento al ribasso si è interrotto registrando un calo del 15% rispetto al suo punto di partenza. L’inversione di tendenza non ha raggiunto i livelli classici ascrivibili a un mercato ribassista (che prevede un ridimensionamento della quotazione di almeno il 20% rispetto ai massimi).

Il calo accusato a dicembre ha reso particolarmente appetibile il rendimento da dividendo offerto dall’indice azionario statunitense.  Il 24 dicembre il dividend yield si è portato su livelli concorrenziali al rendimento annuo offerto dal Treasury decennale. Attualmente il recupero del 7% messo a segno dall’indice ha ridimensionato il rialzo del dividend yield che, in tutti i casi, resta appetibile per gli investitori che possono contare su un orizzonte temporale di medio lungo termine.

Per mostrare quanto il calo delle quotazioni ha inciso sul dividend yield, gli esperti hanno evidenziato che, in occasione dell’ultimo minimo toccato dall’indice, il rendimento medio da dividendo è balzato al 2,7%. A questo rendimento andrebbe sommato il potenziale effetto rialzista derivante dalle operazioni di buy back programmate nel corso del 2019. Le operazioni di riacquisto di azioni proprie dovrebbero essere in grado di offrire una spinta al rialzo dell’1,5% per l’indice. Tuttavia, è bene precisare che i flussi di buy back possono subire modifiche anche sensibili durante l’anno a causa dell’evoluzione –più o meno favorevole- della congiuntura economia.

Negli ultimi anni, i buyback sono stati una delle principali fonti di rendimento per coloro che hanno puntato su Wall Street, ma ora è probabile che gli investitori saranno costretti a rivedere le proprie aspettative. I buyback hanno rappresentato un ottimo supporto, tuttavia, il ciclo ha cominciato a indebolirsi, l’incremento degli investimenti ha subito una frenata e il rimborso dei bond a scadenza –per i bond a basso rating- potrebbbe tornare a manifestare problemi e non pochi rischi per i possessori di bond e per i titoli delle aziende che li hanno emessi. In siffatto contesto di riferimento, è molto più semplice tagliare i buyback rispetto ai dividendi distribuiti. Se gli utili cominceranno a scendere, è molto probabile che saranno le operazioni di acquisto di azioni proprie a pagare pegno per prime.

All’interno dell’indice Dow Jones è possibile individuare alcune società che offrono un rendimento da dividendo superiore al 3%, livello tale da offrire una protezione in caso di peggioramento dello scenario.

Cisco Systems

I dividendi del colosso Usa si posizionano al 3,2%. Il 23 gennaio distribuirà il primo dividendo del 2019, a beneficio degli azionisti che sono in possesso dei titoli da almeno il 3 gennaio. In seguito alla riforma fiscale introdotta da Donald Trump a febbraio 2018, Cisco ha comunicato un programma di acquisto di azioni proprie per 25 mld di usd. Da quando Cisco ha cominciato a distribuire dividendi –nel 2012- la quota di utili girata agli azionisti si e decuplicata.

Chevron

Il gigante petrolifero presenta il dividend yield più alto dell’indice Dow Jones con un rendimento che supera il 4%. La società ha incrementato il dividendo per ben 31 anni consecutivi, rendendola una delle opzioni principali per i ciostruttori di portafogli improntati sulla ricerca del rendimento da dividendo.

Coca-Cola

Da 56 anni aumenta progressivamente il dividendo offerto ai suoi azionisti. Attualmente il dividen yield del titolo Coca Cola è al 3,5%.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: dividendi, dow jones, indici, buyback
Come valuti questa notizia?
I dividendi del Dow Jones competono con i Treasury Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Lo yuan, una buona occasione se i mercati tengono
Notizia successiva »
Le trappole psicologiche dell’investitore
ARTICOLI CORRELATI
Dividendi, ecco le società più generose pubblicato il 19 febbraio 2019
Equity cinese, fattori da prendere in considerazione pubblicato il 25 febbraio 2019
Emerging Europe pubblicato il 17 dicembre 2018
Small Cap, Usa ed Europa a confronto pubblicato il 8 novembre 2018
La scalata dei dividendi pubblicato il 20 novembre 2018