Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Borse: il coronavirus spinge gli investitori a realizzare

14/02/2020

Borse: il coronavirus spinge gli investitori a realizzare

I mercati azionari mondiali, dopo un brillante inizio d’anno, hanno bruscamente perso la forza che avevano trovato nell’ultima parte del 2019 sulla conclusione positiva della prima fase di colloqui tra Stati Uniti e Cina (formalizzata con la firma di un accordo lo scorso 15 gennaio). Alla dinamica positivia hanno sicuramente contribuito anche alcuni importanti indicatori anticipatori, che hanno confermato la ripresa economica in atto sia in Europa sia dall’altra parte dell’oceano. La spinta però, come detto, si è poi fermata a causa del coronavirus che ha riacceso i dubbi sull’andamento della congiuntura, almeno nel breve termine. La mancanza di informazioni precise sulla capacità di penetrazione dell’influenza e la pericolosità del contagio hanno infatti alimentato (oltre che le fake news) la speculazione sui mercati.

Gli investitori pronti a monetizzare i guadagni

Il punto della situazione è stato fatto, tra gli altri, da Eurizon Asset Management, secondo cui “in uno scenario di riferimento che risulta favorevole in ottica di medio termine, il principale elemento di fragilità appare legato a un movimento di breve periodo dei mercati azionari piuttosto ‘tirato’”. Anche perché, sottolinea l’analisi mensile, “diversi indicatori di natura tecnica mostrano che l’apprezzamento delle azioni negli ultimi mesi è risultato particolarmente veloce e questo, in base all’esperienza storica, aumenta le probabilità di correzioni di natura temporanea”. In altre parole, gli investitori potrebbero cogliere il momento per realizzare quanto guadagnato nell’ultimo periodo. Per quanto riguarda l’influenza da coronavirus, secondo gli analisti “può rappresentare un elemento temporaneo di incertezza” anche se, al momento, “non sembra avere il potenziale di interrompere la ripresa globale”.

Amundi, debolezza e volatilità possono essere un’opportunità

Ne è convinto anche Stefano Castoldi, della direzione investimenti di Amundi Sgr, secondo cui “la situazione è in evoluzione ed è presto per trarre conclusioni, ma non dobbiamo cedere al pessimismo. A meno che la diffusione del virus non faccia completamente deragliare la crescita globale - scenario questo che ad oggi ci appare improbabile - la debolezza e la volatilità degli attivi rischiosi ci offriranno opportunità di acquisto nelle aree che nel medio-lungo termine mantengono fondamentali interessanti, come per esempio i Paesi emergenti".

Economia e Usa-Cina saranno i temi operativi del dopo-virus

L’attenzione degli investitori, superato l’ostacolo del virus 2019-nCoV, tornerà così a concentrarsi sull’andamento dell’economia e sul tema delle relazioni commerciali tra Usa e Cina. Quest’ultimo fronte, comunque, non dovrebbe rappresentare un particolare problema poiché i due Paesi hanno sicuramente l’obiettivo comune di trovare un’intesa (per altro più conveniente per l’Amministrazione statunitense, in concomitanza con le elezioni presidenziali del prossimo autunno). Sul fronte europeo invece stanno scemando le tensioni per la Brexit: adesso che l’uscita dall’Ue è sancita “c’è - secondo Hans-Joerg Naumer (Allianz Global Investors) - un maggiore grado di prevedibilità”.

Alla luce dei minori rischi geopolitici è prevedibile, stima l’esperto, “un miglioramento del sentiment in ambito industriale e un atteggiamento di minore prudenza, ad esempio per quanto riguarda gli investimenti tecnici. Simili sviluppi sarebbero positivi per l’economia”, che per altro oggi già poggia su basi favorevoli per quanto riguarda la politica monetaria di Bce e Fed.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Borse: il coronavirus spinge gli investitori a realizzare Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Confcommercio: il Misery Index peggiora in dicembre
Notizia successiva »
Tasse e burocrazia: costano 138 miliardi l’anno alle imprese