Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una Brexit sempre più incerta

28/03/2019

Una Brexit sempre più incertaIl 29 marzo sarebbe dovuta scattare l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Tuttavia, il fallimento da parte del Governo britannico nel ratificare l’Accordo del ritiro ha spinto l’UE a concedere un’estensione della scadenza dell’Articolo 50. Il Consiglio europeo ha concesso al Regno Unito un’estensione tecnica, dal 29 marzo al 12 aprile, perché il Parlamento inglese approvi il deal superando le divergenze di politiche interna.

In seno all’Europa è al momento prevalsa la linea tedesca di Angela Merkel, favorevole a un’uscita ordinata, rispetto alla linea intransigente contraria ad ulteriori estensioni sponsorizzata, fra gli altri, dalla Francia di Emmanuel Macron. Al momento, gli scenari possibili sono l'approvazione dell'accordo di Theresa May, l'indizione di un nuovo referendum, la revoca dell'art. 50, una Brexit senza accordo o tutto ciò che porta a nuove elezioni.

Se il Parlamento britannico votasse a favore del deal del Governo, allora la Brexit sarà posticipata fino al 22 maggio, consentendo così a tutti i partiti di approvare la legislazione necessaria per assicurare una transizione ordinata della Brexit. Se invece il Parlamento voterà contro il deal, allora il Governo dovrà informare l’UE su come intende procedere entro il 12 aprile.

Il ritiro dell’articolo 50 – ma anche un’estensione lunga “condizionata” concessa dall’Ue – potrebbero generare scenari diversi. L’apprezzamento del mercato rispetto alla rimozione – almeno temporanea – della Brexit potrebbe essere di breve durata nell’ipotesi di una simultanea crisi politica che implichi elezioni generali anticipate. 

Nello scenario di prevedibile mancata approvazione della proposta del primo ministro inglese, l’opzione successiva del ritiro dell’art. 50 potrebbe trovare, nel parlamento inglese, resistenze tali da non poter essere superate nel brevissimo tempo a disposizione prima della scadenza del 12 aprile. La valutazione del rischio di crash out non sembra adeguatamente prezzata dalla Sterlina ai corsi attuali. Non si può escludere un innesco sistemico di una Brexit senza un accordo con l'intero universo finanziario. Se il Regno Unito e persino l'Unione europea entrano in recessione, l'impatto sulla crescita globale costringerà i mercati azionari e del credito a rivalutare il rischio di recessione in altre regioni. 

La premier britannica Theresa May si è detta pronta alle dimissioni se l’accordo che ha raggiunto con l’Ue verrà approvato dal Parlamento al terzo tentativo, ma questo non ha convinto gli oppositori più convinti. Se Theresa May si dimettesse, allora verrebbe innescata la corsa alla leadership, ma le agenzie suggeriscono che potrebbe essere instaurata una carica ad interim. 

Se tale carica dovesse essere presa da un rappresentante a favore del ‘remain’, che promettesse di coinvolgere l’opposizione, allora potremmo probabilmente assistere a una transizione ordinata verso una soft Brexit, che implicherebbe la continuazione dell’appartenenza all’unione doganale. Tuttavia, se dovesse diventare Primo Ministro un rappresentante favorevole a Brexit, allora il rischio di un “no-deal” o di lasciare il Wto permarrebbe, anche in presenza di un periodo di transizione.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: brexit, theresa may, ue, referendum
Come valuti questa notizia?
Una Brexit sempre più incerta Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Le diverse facce del debito
Notizia successiva »
Raccolta premi 2018: gli italiani continuano a fidarsi del settore assicurativo
ARTICOLI CORRELATI
Tre soluzioni per la Brexit pubblicato il 8 aprile 2019
Brexit, l’unica certezza resta l’incertezza pubblicato il 12 aprile 2019
Corsa a ostacoli per Theresa May pubblicato il 23 novembre 2018
L'enigma Regno Unito pubblicato il 13 febbraio 2019
Brexit, massima incertezza pubblicato il 16 gennaio 2019