Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Stati Uniti, una demografia sfavorevole

08/04/2019

Stati Uniti, una demografia sfavorevole

In un precedente articolo abbiamo visto che il marcato progredire delle disuguaglianze economiche negli Stati Uniti rappresenta una minaccia per i rendimenti futuri del possente mercato degli asset locali. Tentiamo a questo punto di capire da un punto di vista concreto quale potrebbe essere l'influenza dei trend sociali e demografici in atto negli Usa.

Innanzitutto va evidenziato un elemento: come succede in molti paesi sviluppati, al contrario di quelli emergenti, negli Stati Uniti vi è una forte frattura economica generazionale, con un diffuso malessere fra i millennial. Infatti uno studio della Federal Reserve condotto l'anno scorso mostra che la ricchezza pro capite del gruppo dei più giovani è inferiore del 40% (in termini reali) rispetto a quella mostrata dalla generazione X nel 2001 e dai baby boomer nel 1989, quando questi due insiemi erano in una distribuzione anagrafica equivalente rispetto ai millennial attuali.

Si stima poi che quest'ultimo gruppo fosse costituito nel 2015 da circa 83 milioni di persone, una cifra che rende tale agglomerato il più vasto segmento demografico del paese, grazie anche a una ripresa del tasso di nascite negli anni ‘80 e ‘90. L’espansione demografica è fortemente calata successivamente, il che apre un nuovo problema: la generazione Z, di cui fanno parte i giovani nati fra le seconda metà degli anni 90 e i primi 2000 rischia, una volta raggiunta la piena maturità, di portare sulle spalle una quantità molto ampia di persone che per di più non hanno usufruito di un percorso di costruzione del proprio patrimonio personale come hanno fatto i baby boomer.

Questi ultimi nel frattempo stanno entrando in un'età piuttosto avanzata: circa 1,5 milioni di costoro raggiungeranno i 70 anni ogni anno per il prossimo quindicennio. In tale età le leggi fiscali del paese obbligano a ritirare parte dei soldi investiti in azioni e sui capital gain le tasse sono state posposte, proprio allo scopo di incassare queste imposte. I baby boomer, peraltro, costituiscono il gruppo con la maggiore allocazione del proprio patrimonio in equity (circa il 70%) e se si trovassero ad esempio impossibilitati restare sul mercato a causa di spese mediche o  semplicemente non fossero più desiderosi di reinvestire in asset rischiosi, indubbiamente il quadro per il vasto settore azionario Usa apparirebbe meno favorevole.

Ovviamente i trend esposti si dispiegheranno su un lungo periodo e a loro volta saranno contrastati da altri fenomeni positivi: se l'America continuasse a sfornare aziende in grado di macinare montagne di profitti nell'economia globale, compratori di loro titoli si troverebbero. Solamente, quando si considerano tutti gli altri fattori in ballo, appare sensato inserire un piccolo sconto circa le prospettive di performance future.

In concreto, se si ritiene che l'S&P 500 possa avere un determinato beta, ad esempio 1, nei confronti di un certo scenario economico favorevole, sarà magari più prudenziale abbassare il valore a 0,98, mentre di converso, se  si attribuisse sempre un beta di 1 a condizioni macro sfavorevoli, sarebbe magari più sensato alzare tale cifra 1,02.

Di conseguenza le tendenze demografiche in atto nel paese rischiano di amplificare lievemente i trend negativi e deprimere quelli positivi. Modelli di regressione come Lasso, Ridge o Elastic Net permettono di aggiustare questi parametri. Al di là dei dettagli statistici, il messaggio che gli investitori dovrebbero tenere a mente è che probabilmente stiamo entrando, al netto dei cicli, in un'era di rendimenti degli asset rischiosi statunitensi strutturalmente inferiori rispetto al recente e anche meno recente passato.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Stati Uniti, una demografia sfavorevole Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Tre soluzioni per la Brexit
Notizia successiva »
Fondi: a febbraio più riscatti, ma il patrimonio complessivo segna un nuovo record
ARTICOLI CORRELATI
Anche l'Europa non è al sicuro pubblicato il 15 maggio 2019
Stati Uniti, condannati ai tassi bassi pubblicato il 1 aprile 2019
L'enigma statunitense pubblicato il 27 marzo 2019
Regole da non dimenticare per costruire un buon portafoglio pubblicato il 10 maggio 2019
L'era della Grande moderazione pubblicato il 10 maggio 2019