Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Assogestioni: il coronavirus penalizza il risparmio gestito

26/05/2020

Assogestioni: il coronavirus penalizza il risparmio gestito

L’industria del risparmio gestito ha archiviato il primo trimestre del 2020 con un segno negativo, scontando l’effetto dell’emergenza sanitaria che si è abbattuta su tutti i mercati finanziari e che ha generato incertezze a livello economico e sulle prospettive di redditività delle famiglie. La raccolta netta del settore, secondo quanto ha reso noto Assogestioni, nel periodo gennaio-marzo è risultata infatti negativa per complessivi 12,1 miliardi di euro, cifra che si scontra con i +17,3 miliardi con cui si è chiuso l’ultimo quarto del 2019. In totale il patrimonio netto gestito dal sistema è diminuito a 2.140 miliardi: il 52% delle masse è investito in gestioni di portafoglio, mentre il restante 48% è impiegato in fondi comuni aperti e chiusi (gestioni collettive).

Gli investitori hanno preferito i fondi monetari 

La flessione della raccolta per le gestioni collettive è ammontata nel periodo a circa 11 miliardi, mentre sono risultate pari a 1,2 miliardi le uscite per le gestioni di portafoglio. “Il bilancio del trimestre – scrive Assogestioni - è condizionato dalle incertezze sui mercati sorte per l’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del COVID-19”. La mancanza di una visibilità chiara sui mercati ha spinto molti investitori ad abbandonare gli asset più a rischio e le posizioni più sul lungo termine a favore della liquidità. È quanto testimonia il dettaglio dei fondi aperti, dove la preferenza dei risparmiatori italiani nel trimestre è stata chiaramente per i fondi monetari (+8,2 miliardi di euro) e per i bilanciati (+755 milioni). 

Penalizzati i fondi azionari

Nel complesso il comparto dei fondi di lungo termine ha accusato nel primo trimestre dell’anno deflussi per 20,36 miliardi (dopo i +9 miliardi del trimestre ottobre-dicembre 2019), concentrati soprattutto sui fondi azionari (-6 miliardi dopo -3,2 miliardi), obbligazionari (-7,4 miliardi dopo +5,2 miliardi) e flessibili (-7,5 miliardi dopo -1,1 miliardi). A tutto marzo di quest’anno, guardando l’allocazione degli strumenti tenuti in portafoglio dagli investitori, il peso dei fondi azionari risultava sceso al 20,5% del totale rispetto al 22,7% indicato alla fine dello scorso dicembre. Di riflesso è aumento il peso degli obbligazionari (al 39,8% dal 38,6%) e, soprattutto, dei monetari (al 4,4% dal 3,2%). 

Inversione di rotta dei prodotti previdenziali e assicurativi

Nel primo trimestre dell’anno hanno chiuso su un terreno negativo sia i fondi di diritto italiano (-2,3 miliardi dopo -1,3 miliardi dell’ultima frazione del 2019) sia quelli di diritto estero (-9,8 miliardi dopo +6,9 miliardi). Tornando alle gestioni collettive, i fondi chiusi tra gennaio e marzo hanno registrato afflussi per 1,2 miliardi, facendo leggermente meno dei +1,35 miliardi consolidati nei tre mesi ottobre-dicembre. In questo ambito vale la pena evidenziare il raddoppio degli investimenti verso i fondi immobiliari: a 807 milioni rispetto ai 406 milioni del trimestre precedente. Nelle gestioni di portafoglio i retail hanno portato a casa afflussi per 408 milioni (+1,3 miliardi nell’ultimo trimestre 2019), mentre hanno accusato un’inversione di rotta le gestioni di patrimoni previdenziali (-495 milioni dopo -577 milioni) e dei prodotti assicurativi (-1,7 miliardi dopo +5,5 miliardi). 

Effetto tecnico del mandato di gestione infragruppo Credem

Il dato di raccolta registrato dalle gestioni di portafoglio, spiega una nota di Assogestioni, “risente in particolare del trasferimento da parte del Gruppo Credem di un mandato di gestione infragruppo delle polizze assicurative Unit Linked da Euromobiliare AM Sgr a Credemvita”. L'operazione ha comportato l'uscita dal perimetro della rilevazione Assogestioni di circa 3 miliardi di euro, registrati in diminuzione del patrimonio gestito e come raccolta netta negativa. “Il fenomeno – è precisato - non è collegato a disinvestimenti della clientela: le succitate masse restano all'interno del Gruppo Credem”.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: assogestioni, patrimonio, raccolta
Come valuti questa notizia?
Assogestioni: il coronavirus penalizza il risparmio gestito Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Eurozona: il Covid19 fa crollare la crescita economica
Notizia successiva »
Covid19: Ubs, guardare alla Cina per capirne gli effetti