Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Covid19: Ubs, guardare alla Cina per capirne gli effetti

27/05/2020

Covid19: Ubs, guardare alla Cina per capirne gli effetti

A livello globale l'attenzione dei mercati è sulle tempistiche e modalità di riapertura delle economie, dopo l'allentamento del lockdown. Un altro loro punto di osservazione sarà l'effettiva ripartenza di queste economie, che dipenderà dai consumatori e dalle imprese. In altre parole, dall’andamento della domanda e degli investimenti. Ovvero, se da un lato i consumatori si sentiranno abbastanza sicuri da riprendere i loro consueti comportamenti di consumo e, dall’altro, da come le aziende si sentiranno di aver creato un ambiente lavorativo sicuro per riprendere i livelli di produzione uguali a quelli pre-crisi.

Timori di seconda ondata con allentamento del rigore

Sono i punti focali su cui si basa l’analisi di Ubs, i cui esperti guardano a quello che sta succedendo in Cina per capire quali effetti la pandemia potrebbe avere sulle economie occidentali. In Cina, hanno notato, c’è sì una ripresa del consumo di beni non essenziali ma nell’ambito di una revisione dei comportamenti degli individui al fine di ridurre i rischi. È opinione comune che un allentamento delle politiche di distanziamento sociale possa portare una seconda ondata di contagi e nuove potenziali chiusure. Per questo hanno messo sotto osservazione i comportamenti alla luce dei persistenti timori di una nuova diffusione del virus.

Più difficoltà per Paesi sviluppati a tornare alla normalità

Nel tentativo di esaminare potenziali cambiamenti comportamentali post-virus, l’istituto ritiene che sia utile guardare alla Cina come a un indicatore guida per Europa e Usa. La Cina è un utile barometro dato che ha subito un forte attacco dal coronavirus, ma ora è da circa due mesi in fase di “riapertura”. Pur considerando le differenze che ci sono tra i vari Paesi “è probabile – secondo l’analisi di Ubs - che i Paesi sviluppati abbiano maggiori difficoltà nel tornare alla normalità rispetto alla Cina o ad altri Paesi nord asiatici, poiché potrebbe esserci una minore accettazione individuale a farsi tracciare o sorvegliare”.

Evidenti i cambiamenti quotidiani tra i cinesi

Nel frattempo in Cina vengono già registrati i mutamenti nelle abitudini quotidiane delle persone. C’è una volontà generale di evitare la folla, l’utilizzo dei mezzi pubblici è nettamente inferiore ai livelli pre-pandemia e il traffico, pur tornato ai livelli pre-crisi, registra ore di punta più corte (perché molti scelgono di tornare a casa piuttosto che restare fuori per svago). Inoltre, anche sono tornati a un lavoro a pieno regime, i livelli di spesa sono lontani dagli standard. Il consumo complessivo è sceso del 20% annuo a causa di un calo (nel primo trimestre) del reddito reale disponibile del 3,9% annuo (calo maggiore dal 2002). 

Le prime lezioni dall'esperienza cinese

Il processo di riapertura che dura ormai da circa due mesi in Cina offre, secondo Ubs, alcune indicazioni su cosa dovrebbero aspettarsi le economie sviluppate. Un aspetto importante è che probabilmente ci sarà una ripresa molto incerta e graduale nelle economie sviluppate. Solo perché un'impresa è stata riaperta, ciò non significa che i consumatori vi si affolleranno se in genere vogliono stare fuori da luoghi affollati. Una conclusione logica e correlata è che le persone si sentono più sicure, a causa della bassa crescita nelle vicinanze o della fiducia nelle infrastrutture di sanità pubblica, maggiori sono le probabilità che riprendano attività semi-normali.

I mercati scontano ripresa più rapida di quanto sia probabile

Questo quadro suggerisce che è necessaria cautela sulle attività a rischio perché le Borse sembrano quotare una ripresa più rapida di quanto sia probabile, data l'esperienza cinese e le differenze rispetto alle economie occidentali. Inoltre, secondo Ubs, da una parte c’è da considerare che “il sostegno politico è ampiamente valutato” e dall’altra che “le valutazioni attuali non incorporano adeguatamente l'incertezza significativa sulla crescita e sugli utili nei prossimi trimestri e anni”. Per il futuro mettono in conto un indebolimento del dollaro e un rialzo dell’oro di riflesso allo straordinario stimolo monetario e fiscale Usa.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: cina, coronavirus, paese
Come valuti questa notizia?
Covid19: Ubs, guardare alla Cina per capirne gli effetti Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Assogestioni: il coronavirus penalizza il risparmio gestito
Notizia successiva »
Banca d’Italia: Pil -9 pct nel 2020