Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Borse: niente panico, siamo investitori sul lungo termine

26/02/2020

Borse: niente panico, siamo investitori sul lungo termine

I timori per le conseguente del coronavirus sull’economia mondiale stanno dettando il ritmo ‘ribassista’ dei mercati azionari. In questo momento gli investitori dovrebbero e guardare sul lungo termine senza, come consigliano gli esperti, lasciarsi prendere l’ondata di pessimismo che sta stravolgendo i mercati e poggia soprattutto su fattori emotivi. Ieri per tutte Borse mondiali è stata una giornata tremenda, da incubo riferiscono alcuni operatori di Piazza Affari. Non solo c’è stato il dominio delle vendite ma, buona parte dei ribassi, riflette anche e soprattutto l’assenza dal lato degli acquisti anche ai minimi prezzi. 

Per l’Italia in arrivo una recessione tecnica 

Il bilancio è stato particolarmente pesante per la Borsa italiana, che ha cancellato in un sol colpo (-5,45%) il progresso maturato da inizio anno, accusando il più ampio ribasso dal giugno 2016. La difficoltà con cui cerca di reagire rispecchia i dubbi degli investitori circa le ripercussioni dell’influenza sull’economia, considerando che la decelerazione era iniziata nel quarto trimestre del 2019 (segno negativo per il Pil). L’impatto, secondo Massimiliano Maxia, senior fixed income product specialist di Allianz Global Investors, sarà sicuramente molto importante ed è probabile che l’Italia si avvii verso una recessione tecnica. 

Lunedì nero per le Borse mondiali

Ma la giornata è stata difficile per tutte le piazze mondiali: da Francoforte (-4,01%) a Parigi (-3,94%), da Londra (-3,34%), da Hong Kong (-1,59%) a Singapore (-1,02%), da Bangkok (-2,2%) e Kuala Lumpur (-2,54%), da Seul (-3,74%) a Sydney (-2,28%), a Wall Street, che ieri ha accusato la peggiore seduta degli ultimi due anni (-3,56% il Dow Jones e -3,71% il Nasdaq). L’ondata di vendite non ha risparmiato nessuna piazza. Mentre è stata avvertita una timida reazione tecnica per alcune piazze minori, Tokyo - che ieri era rimasta chiusura per festività - oggi ha accumulato una perdita del 3,34%. Particolarmente penalizzati i titoli ciclici. 

Gli strumenti preferiti: oro e bond

Gli investitori in massa sugli strumenti rifugio come l’oro e le obbligazioni, in particolare i treasury Usa e i bund tedeschi. Hanno abbandonato i petroliferi, le case automobilistiche, le imprese attive nel turismo: tutto questo mentre gli analisti invitano a non lasciarsi prendere dal panico poiché, ripetono, “misurare l’impatto del virus sulla crescita economica è difficile in questa fase”. Ne è convinto, tra gli altri, Salman Baig, portafolio manager e senior vice-president di Unigestion, secondo cui le infezioni al di fuori della Cina sta crescendo e questo, come visto, porta “a una ripresa dell’avversione al rischio”

Fiducia nell’aiuto delle Banche centrali

Sangue freddo e fiducia nelle armi, se ne hanno, in possesso alle Banche centrali. L’epidemia di coronavirus, stimano gli esperti, fornisce infatti una nuova scusa agli Istituti di tutto il mondo per tenersi pronti o continuare l’iniezione di liquidità. La Banca centrale cinese ha già iniziato ad adottare misure in questo senso e dovrebbe continuare fino a quando non sarà messa alle spalle l’emergenza. Un atteggiamento che non sorprende. Bisogna però ricordare che, in passato, hanno reagito allo stesso modo: a ogni crisi un’azione più aggressiva per produrre gli stessi effetti. Bisogna chiedersi fino a quando questo ‘gioco’ potrà funzionare.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: borse, coronavirus, oro, treasury, bond
Come valuti questa notizia?
Borse: niente panico, siamo investitori sul lungo termine Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Dividendi: 2019 record, ma la crescita rallenta
Notizia successiva »
Coronavirus: l’influenza fa sempre più rima con recessione