Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Coronavirus: l’influenza fa sempre più rima con recessione

28/02/2020

Coronavirus: l’influenza fa sempre più rima con recessione

Il rapido diffondersi del coronavirus ha fatto sì che l’influenza iniziasse a ‘fare rima’ con la parola recessione. Certamente la situazione in Italia è ancora in evoluzione, però già adesso le attività produttive di una buona parte dell’area più attiva del Paese sono rallentate se non addirittura – in molti casi – bloccate. I pessimisti già mettono in conto una recessione tecnica (secondo trimestre consecutivo di crescita negativa) per il primo trimestre di quest’anno, sulla scia della pesante performance accusata dalla nostra congiuntura nell’ultimo scorcio del 2019 (Prodotto interno lordo calato dello 0,3% rispetto al terzo trimestre, mentre è rimasto invariato su base tendenziale). 

Moody’s: fa aumentare le pressioni su un ciclo già debole 

Il primo giudizio negativo sulla possibile evoluzione del ciclo è arrivata da Moody’s, secondo cui l’epidemia – partita dalla Cina - “mette sotto ulteriore pressione il già debole outlook dell'economia italiana e fa aumentare il rischio che l'Italia scivoli in recessione”. Infatti, recita il rapporto dell’agenzia, “sebbene la dimensione e la durata dell'impatto siano in questa fase altamente incerti, temporanei distorsioni dei consumi e della produzione sono chiaramente probabili”. Attualmente la valutazione del nostro Paese (Baa3, con prospettive stabili) non cambia, perché incorpora già un profilo di crescita già debole anche senza tener conto dell’impatto dell’epidemia, che l’agenzia stima “che sarà contenuta e di durata relativamente breve”. La società di rating prevede comunque che saranno varate “misure fiscali per mitigare l'impatto del coronavirus sull'economia”, "molto dipenderà dalla lunghezza e dalla gravità della crisi”.  

Ue: l’impatto sull’economia globale sarà notevole

Dello stesso tenore è la valutazione arrivata da Bruxelles circa le prospettive della congiuntura a seguito del Covid-19. “L'impatto della diffusione del coronavirus sull'economia mondiale sarà notevole per l'economia globale e per l'economia europea perché – ha affermato il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni - la Cina rappresenta quasi un quinto dell'economia mondiale”. Per quanto riguarda l’Italia, ha aggiunto, l'andamento della sua economia “sarà condizionato molto dall'evoluzione della diffusione del coronavirus, il cui impatto è un motivo in più per associare alla priorità assoluta della protezione della salute dei cittadini anche l'impegno a limitare la diffusione di panico, che porta al blocco delle attività economiche anche quando non ritenuto necessario dalle autorità sanitarie". 

Gentiloni, ipotesi di più flessibilità in caso di emergenze

Un’involuzione del ciclo economico particolarmente pesante ha rilanciato l’ipotesi di ricorrere alla flessibilità sui conti pubblici per le maggiori spese che l'Italia sosterrà per fronteggiare l'impatto della diffusione del coronavirus. “Nelle regole del patto di stabilità – ha ricordato a questo riguardo Gentiloni - sono previste clausole di flessibilità legate a circostanze eccezionali e quindi sarà oggetto di discussione nei prossimi mesi in quali Paesi e a quali condizioni queste circostanze eccezionali potranno essere usate”. Provvedimenti già usati in passato. “Senza dubbio – ha aggiunto -, sono state usate per il terremoto in Italia, quindi direi che la risposta è già nelle nostre regole”.  

Janus HI, paradossale il panico dei mercati ora

Una valutazione si quello che sta succedendo sulle piazze finanziarie è arrivata da Paul O'Connor, responsabile del team Multi-Asset di Janus Henderson Investors. I mercati, ha spiegato, temono una pandemia globale di coronavirus e “sembra alquanto paradossale che gli investitori finanziari si siano fatti prendere dal panico proprio nel momento in cui la percentuale di crescita giornaliera del numero d’infettati scende al tasso più basso dall'inizio dell'epidemia”. Infatti, ha sottolineato, le guarigioni giornaliere dalla malattia hanno superato le nuove infezioni nel corso dell'ultima settimana, per cui il numero di casi attivi a livello globale è ora in realtà in diminuzione da otto giorni consecutivi. Da ricordare che il 96% dei casi confermati del virus si è verificato in Cina, dove le aggressive misure di contenimento si sono rivelate molto efficaci.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Coronavirus: l’influenza fa sempre più rima con recessione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Borse: niente panico, siamo investitori sul lungo termine
Notizia successiva »
Fondi: gennaio negativo per la raccolta, patrimonio record