Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Banca d’Italia: Pil -9 pct nel 2020

27/05/2020

Banca d’Italia: Pil -9 pct nel 2020

“In Italia il PIL ha registrato una flessione del 4,7% nel primo trimestre e le indicazioni finora disponibili suggeriscono una contrazione dell’attività economica ancora più intensa nel trimestre in corso, cui dovrebbe far seguito un recupero nella seconda metà dell’anno”. La stima è contenuta nella pubblicazione di Banca d’Italia dal titolo ‘L’impatto della pandemia di Covid-19 sull’economia italiana: scenari illustrativi’ ed è accompagnata da una precisazione: oggi “formulare previsioni macroeconomiche diventa estremamente arduo” e le simulazioni sono soprattutto “analisi di scenario, basate sulla valutazione dell’impatto di ipotesi epidemiologiche ed economiche alternative”.

L’incertezza è elevata perché ci sono molte variabili

Le variabili sono molte rispetto alla situazione d’incertezza che stiamo vivendo per fare previsioni più precise. Infatti, spiegano da Via Nazionale, i tempi e l’intensità della ripresa dipenderanno da diversi fattori, la cui evoluzione oggi è difficilmente prefigurabile: dalla durata all’estensione del contagio, dall’evoluzione dell’economia globale agli effetti sulla fiducia e sulle decisioni di spesa dei cittadini e d’investimento delle imprese. Senza contare le eventuali ripercussioni a livello finanziario. E tutto questo, sottolinea l’Istituto centrale , dipenderà “anche in misura rilevante dall’efficacia delle politiche economiche introdotte”. 

Le stime ufficiali in calendario il 5 giugno

Il ventaglio delle valutazioni formulate dagli osservatori per la crescita in Italia nel 2020 e nel 2021 è eccezionalmente ampio: tra -6 e -15 punti percentuali per la caduta del Pil di quest’anno e tra 2 e 13 punti per la ripresa nel prossimo. In uno scenario centrale, le cui ipotesi sottostanti sono sostanzialmente in linea con quelle considerate dai principali previsori istituzionali, il Pil potrebbe ridursi del 9% quest’anno per poi espandersi di quasi il 4,8% nel 2021. L’elevata incertezza con cui è considerato il quadro italiano è applicata anche agli altri Paesi dell’Eurozona. Sono solo ‘esercizi’ sui possibili effetti del coronavirus, mentre le stime ufficiali saranno pubblicate il prossimo 5 giugno. 

Lo scenario centrale, la risalita dalla fine del lockdown

Lo scenario centrale disegnato da Banca d’Italia si basa sul fatto che l’allentamento delle misure di contenimento avviato in maggio prosegua gradualmente e “che gli effetti della pandemia rimangano nel complesso sotto controllo nei prossimi trimestri - in Italia, nei Paesi europei nostri partner commerciali e a livello globale -, consentendo l’uscita dalla recessione e l’avvio della ripresa in tempi relativamente rapidi”. Questo scenario sconta che la quota di attività produttive interessate da provvedimenti di sospensione (pari a circa un terzo del valore aggiunto in aprile), scenda già al 10% in maggio, e che a ciò segua un recupero dell’attività relativamente rapido nella seconda metà dell’anno.

Effetti significativi dalle misure del Governo

Le misure approntate dal Governo per contrastare la crisi, incluse quelle del Dl “Cura Italia” secondo Banca d’Italia “fornirebbero un contributo significativo nel contenere la contrazione del PIL nell’anno in corso, che potrebbe essere valutabile - secondo i moltiplicatori tradizionali - nell’ordine di 2 punti percentuali”. Alcuni provvedimenti, come la moratoria sul credito e le garanzie sui nuovi prestiti “sarebbero essenziali a scongiurare il materializzarsi di possibili effetti non lineari associati a gravi conseguenze finanziarie, evitando una crisi di liquidità, mantenendo aperte le linee di credito delle imprese e soddisfacendo il fabbisogno di fondi indotto dalla crisi”. 

Meno export e import

Gli investimenti, secondo lo scenario centrale dell’Istituto,  scenderebbero di oltre il 12% quest’anno per recuperare solo in parte nel prossimo. Le esportazioni di beni e servizi si ridurrebbero di circa il 15% nel 2020, riflettendo l’andamento della domanda estera e il sostanziale arresto nell’anno in corso dei flussi turistici internazionali, per poi espandersi dell’8% nel 2021. Le importazioni seguirebbero una dinamica simile, con una discesa di oltre il 17% quest’anno e un parziale recupero il prossimo. 

Inflazione bassa grazie al petrolio, cala l’occupazione

L’inflazione al consumo beneficerebbe della caduta del prezzo del petrolio e del forte ampliamento dei margini di capacità inutilizzata. L’occupazione, misurata in termini di unità di lavoro equivalenti, è destinata a diminuire quest’anno, di quasi il 10%, per poi recuperare metà della caduta nel 2021. Il numero di occupati si ridurrebbe tuttavia in misura più contenuta, attorno al 4% nel 2020, grazie all’esteso ricorso alla Cassa integrazione.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Banca d’Italia: Pil -9 pct nel 2020 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Covid19: Ubs, guardare alla Cina per capirne gli effetti
Notizia successiva »
Assoreti: patrimonio competenza reti sconta il Covid19