Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Fondi: raccolta settembre masse record a 2.272 miliardi

05/11/2019

Fondi: raccolta settembre positiva, masse record a 2.272 miliardiSi conferma un buon momento per l’industria del risparmio gestito: a settembre la raccolta del risparmio gestito ha segnato ancora un segno più, seppur in rallentamento rispetto al ritmo osservato nei mesi precedenti. Nonostante questo le masse amministrate hanno raggiunto ancora una volta il record. Secondo i dati ufficiali diffusi da Assogestioni, il saldo netto dei flussi del mese scorso è stato di +1,9 miliardi di euro, dopo +3,8 miliardi raccolti in agosto e i +4 miliardi di luglio, che portano a +10 miliardi circa il dato provvisorio del terzo trimestre (e con una progressione da inizio anno pari a +59 miliardi). Il patrimonio gestito, nel frattempo, ha raggiunto il nuovo massimo storico di 2.271,7 miliardi di euro, dopo i 2.259,3 miliardi di agosto.

Il 51% è investito negli Asset under management

Nel dettaglio, il 51% degli Aum, Asset under management (circa 1.167 miliardi di euro), è impegnato nelle gestioni di portafoglio, il restante 49% (pari a 1.104 miliardi di euro) è investito nelle gestioni collettive. A settembre sono finiti in territorio positivo su livelli pressoché analoghi i flussi sia delle gestioni collettive (+1 miliardo), sia delle gestioni di portafoglio (+873 milioni), mentre agosto aveva fatto registrare direzioni opposte per le due macro-aree: +4 miliardi per la prima e -304 milioni di euro per la seconda. Per quanto consolidato nei primi nove mesi dell’anno, secondo quanto emerge dalla mappa di Assogestioni, le gestioni collettive presentano un saldo di 1,7 miliardi e le gestioni di portafoglio uno di 57,24 miliardi

L’obbligazionario è sempre il prodotto preferito

Nelle gestioni collettive, i fondi aperti hanno chiuso settembre a +808 milioni (+4,03 miliardi in agosto), per un saldo da inizio anno di -177 milioni. I fondi chiusi hanno segnato +193 milioni (+63 milioni) a +1,86 miliardi da inizio anno e nell'insieme il settore ha portato +1,68 miliardi da gennaio. Tra i mandati, le gestioni retail hanno registrato +164 milioni (-226 milioni e -237 milioni da inizio anno) e le istituzionali hanno raccolto +709 milioni (-78 milioni) a 57,5 miliardi da gennaio (movimenti infra-gruppo di Poste per circa 53 miliardi inclusi). Nel mese i fondi di lungo termine hanno raccolto 1,4 miliardi. I prodotti favoriti dagli investitori è stato l’obbligazionario (+1,2 miliardi), i bilanciati (+724 milioni) e gli azionari (+478 milioni). 

I deflussi per i fondi di lungo termine

Il saldo da inizio anno dei fondi di lungo termine è negativo per -5,03 miliardi, soprattutto zavorrato dalle uscite dall’azionario (-5,98 miliardi) e dai fondi flessibili (-9,69 miliardi). Bilancio positivo invece per gli obbligazionari, categoria che porta a casa nei primi nove mesi dell’anno +8,48 miliardi, per i bilanciati (+2,83 miliardi) e per i monetari (+4,86 miliardi). I Fondi di diretto italiano hanno archiviato settembre con una raccolta netta negativa per -974 milioni, accentuando il trend negativo di agosto (-628 milioni) e portando il saldo negativo da inizio anno a -10,06 miliardi). I fondi di diritto estero hanno chiuso settembre invece su un terreno positivo: +1,78 miliardi (dopo +4,66 miliardi di agosto) per un saldo di 9,88 miliardi da inizio anno.  

Intesa Sanpaolo guida la classifica

La mappa mostra che solo 24 case su 56 hanno chiuso settembre con una raccolta positiva. Tra le migliori spicca Intesa Sanpaolo e, in particolare quella di Eurizon. “L’ottimo risultato in termini di raccolta di Eurizon a settembre – ha affermato Massimo Mazzini, responsabile marketing di Eurizon –conferma il trend di crescita emerso dal secondo trimestre. A fianco al contributo derivante dalla nostra clientela istituzionale e assicurativa, mantenutosi costantemente su livelli positivi dalla scorsa estate, registriamo la ripresa anche sul fronte dei fondi aperti, grazie all’attività di consulenza del gruppo Intesa Sanpaolo e alle reti di vendita con cui collaboriamo”. Segno positivo, tra le altre, anche per le raccolte di Amundi e Morgan Stanley. In negativo le Poste.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Fondi: raccolta settembre masse record a 2.272 miliardi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Olimpiadi Milano-Cortina 2026: un evento che genera business
Notizia successiva »
Real asset: Aviva Investors, cresce domanda istituzionali