Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Olimpiadi Milano-Cortina 2026: un evento che genera business

04/11/2019

Olimpiadi Milano-Cortina 2026: un evento che genera business

Le Olimpiadi, la finanza e l’economia hanno una strettissima correlazione, sia a livello locale sia nell’intero Paese che le ospita. Gli investimenti che richiede un evento del genere sono così elevati che alimentano l’attività di moltissimi settori produttivi che, a cascata, generano nuovi posti di lavoro e quindi rianimano la fiducia delle persone.

Tra i comparti più interessati ci sono immobiliare, commercio, ristorazione, trasporti. L’appuntamento del 2026 di Milano-Cortina con i Giochi olimpici invernali ha questa ‘responsabilità’ ma, secondo gli esperti, l’organizzazione ha già sulla sua strada alcuni esempi positivi da ricalcare: i giochi (invernali) che si sono disputati lo scorso anno nella Repubblica di Corea e, prima ancora, a Londra (nel 2012). Se ne è parlato in un meeting organizzato dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi. 

Bocconi: l’impatto sarà significativo

L’incontro è stato l’occasione per parlare di come le Olimpiadi possano rivelarsi un grande moltiplicatore di business, con importanti ricadute materiali e immateriali. Per quanto riguarda le opportunità e le attese delle imprese, secondo Marco Percoco dell’Università Bocconi, “l’impatto dei Giochi sarà significativo: parliamo di 3 miliardi di euro di produzione aggiuntiva, di 1,2 miliardi di valore aggiunto - che è ciò che rimarrà davvero sul nostro territorio - e di 32mila posti di lavoro. Quindi sarà un impatto significativo per una spesa, tutto sommato, modesta”. Cifre dunque positive, anche leggermente meno ‘euforiche’ rispetto a quelle con cui il precedente Governo aveva salutato l’assegnazione dei Giochi al nostro Paese: almeno 20mila nuovi posti di lavoro e 5 miliardi di valore aggiunto.

La Sapienza: picco crescita cumulata 2,3 miliardi entro il 2028

Le Olimpiadi Milano-Cortina, anche secondo l’Università La Sapienza di Roma, daranno comunque un rilevante contributo a tutta l’economia nazionale: sono stimati, infatti, incrementi del Pil - tra il 2020 e il 2028 - nella fascia 81-93 milioni di euro annui. In particolare, la crescita cumulata del Pil dovrebbe raggiungere un picco di 2,3 miliardi entro il 2028. Aspetto non da poco conto, tenuto conto che la spesa per organizzare l’evento è relativamente contenuta e tutte le uscite pubbliche saranno compensate dagli introiti diretti e indiretti connessi alle attività ‘indotte’ nel periodo che va dal 2020 al 2028. Per la preparazione all’evento, infatti, sono previsti complessivamente investimenti per circa 346 milioni di euro destinati alla costruzione di villaggi olimpici, sale convegni e per la realizzazione di impianti sportivi o per l’ammodernamento di quelli esistenti.  

14 miliardi il business dei quattro Comuni interessati dall’evento

Durante il convegno, la Camera di Commercio ha fornito una fotografia di quello che sarà il quadro degli investimenti legati alle Olimpiadi: nei Comuni di Milano, Cortina, Bormio e Livigno il business dei settori più direttamente coinvolti sarà di 14 miliardi, di cui 7,7 miliardi nel commercio, 2 miliardi nell’alloggio, 2 miliardi nella ristorazione, un miliardo nell’organizzazione di eventi e manifestazioni, quasi 600 milioni nell’intrattenimento, 500 milioni nello sport. È quanto emerge da un’analisi dei dati sui ricavi delle vendite, disponibili a tutto quest’anno. Sono oltre 20mila le imprese - al secondo trimestre 2019 - e crescono del 2% in un anno e del 10% in cinque anni con circa 150mila addetti: oltre metà tra shopping e ristorazione (14 mila, +9% in cinque anni), 2mila nei trasporti (+1%), mille nello sport (+18%) e oltre mille nell’intrattenimento (+5% in cinque anni).

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: paese, milano, economia, finanza, pil
Come valuti questa notizia?
Olimpiadi Milano-Cortina 2026: un evento che genera business Valutazione: 3,5/5
(basata su 2 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Misery Index: cala in agosto, in sintonia con la disoccupazione
Notizia successiva »
Fondi: raccolta settembre masse record a 2.272 miliardi
ARTICOLI CORRELATI
Competitività: l’Italia, potenziale inespresso pubblicato il 14 novembre 2019
Tassi puntano al ribasso: su economia mondiale troppe incertezze pubblicato il 13 giugno 2019
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
I tassi zero non hanno risvegliato l’economia pubblicato il 20 febbraio 2019
Il vero peso del debito cinese pubblicato il 5 marzo 2019