Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Misery Index: in ottobre diminuisce il disagio sociale

10/12/2019

Misery Index: in ottobre diminuisce il disagio socialeLa percezione del livello di vita degli italiani è migliorata leggermente nel mese di ottobre, grazie soprattutto ai segnali positivi arrivati dal mercato del lavoro e alla contestuale stabilizzazione registrata dall’inflazione di fondo. In pratica hanno valutato con maggiore affidabilità il flusso di reddito ricevuto e, di riflesso, una conseguente loro maggiore capacità di spesa. È quanto ci dice l’indice Mic (Misery Index Confcommercio), indicatore che fornisce una valutazione macroeconomica del disagio sociale, che, in ottobre, si è attestato su un valore stimato di 17,6 punti, in diminuzione rispetto al dato di settembre (17,8 punti).

 Spunto da componente disoccupazione e stabilità inflazione

Il miglioramento, secondo l’analisi di Confcommercio, è stato determinato dalla componente relativa alla disoccupazione in presenza di una stabilità dell’inflazione per i beni ed i servizi ad alta frequenza d’acquisto. L’indicatore scaturisce infatti dal calcolo di due componenti: il tasso di disoccupazione esteso e la variazione dei prezzi dei beni e dei servizi acquistati più spesso dai cittadini (fonte Istat): le dinamiche di prezzo di questo paniere influenzano in modo più diretto la percezione dell’inflazione da parte delle famiglie, correlandosi direttamente con le preoccupazioni (disagio) sul potere d’acquisto.

Ma il quadro economico resta un freno

Tuttavia, questo miglioramento dell’indice Mic potrebbe non essere costante, se non addirittura a rischio. La presenza, infatti, di un quadro macroeconomico scarsamente dinamico e i modesti progressi registrati sul versante della disoccupazione determinano, in prospettiva, molte incertezze sulla possibilità di una significativa riduzione dell’area del disagio sociale. Riduzione che peraltro è stata scarsamente percepita dalle famiglie, come segnala il perdurante indebolimento del clima di fiducia.

La fiducia dei consumatori è in calo

A novembre, mese successivo a cui di riferisce il Misery Index, infatti, l’indice che misura la fiducia dei consumatori italiani ha accusato un deciso calo, andando ad aggiornare il livello più basso dal luglio 2017 (a 108,5 punti). La dinamica negativa, stando al rapporto Istat, è stata determinata dal peggioramento di giudizi e attese sulla situazione economica italiana, nonché dall’aumento delle aspettative sulla disoccupazione. Il calo dell’indice di fiducia dei consumatori è la sintesi di andamenti negativi di tutte le sue componenti (il clima economico diminuisce da 127,2 a 116,3, il clima corrente cala da 107,9 a 106,8 e il clima futuro flette da 116,1 a 110,2), ad eccezione di quella personale, dove l’indice aumenta leggermente da 105,4 a 105,8. 

I dettagli su disoccupazione e andamento prezzi

Tornando ai dettagli dell’indice Mic, a ottobre il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 9,7%, in diminuzione di due decimi di punto rispetto a settembre. Includendo una parte dei sottoccupati (persone che lavorano part time, ma che vorrebbero lavorare un numero maggiore di ore) tra i disoccupati, fermo restando il complesso delle persone presenti sul mercato del lavoro, la situazione appare meno favorevole, con un tasso di disoccupazione pari all’11,5%. All’interno dei disoccupati la componente relativa ai sottoccupati è rimasta stabile in termini congiunturali e un moderato aumento rispetto a un anno fa.

A ottobre, in linea con quanto rilevato per quasi tutto il 2019, le ore autorizzate di Cig hanno registrato su base tendenziale un nuovo aumento: +35,3%. Nel complesso dei dieci mesi si rileva un incremento del 18,3% rispetto allo stesso periodo del 2018. In presenza di una percentuale di utilizzo delle ore richieste lievemente inferiore rispetto allo scorso anno, le ore di Cig effettivamente utilizzate destagionalizzate e ricondotte a Ula hanno evidenziato, sia in termini congiunturali sia su base annua, un aumento decisamente più contenuto. Dal lato degli scoraggiati a fronte di un’invarianza in termini congiunturali, nel confronto con lo stesso mese del 2018 c’è una diminuzione. Il combinarsi di queste dinamiche ha portato a un calo del tasso di disoccupazione esteso di un decimo di punto su base mensile, e di un punto nel confronto annuo. Nello stesso mese i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto sono aumentati dello 0,4% su base annua, valore analogo a quanto rilevato a settembre.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Misery Index: in ottobre diminuisce il disagio sociale Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Italia: penultima nell'Ue per investimenti stranieri
Notizia successiva »
Aviva Investors: 2020, le tendenze delle Borse europee
ARTICOLI CORRELATI
Confcommercio: il Misery Index peggiora in dicembre pubblicato il 14 febbraio 2020
Sondaggio Swg: paure per l’oggi e futuro dei figli pubblicato il 18 dicembre 2019
Schroders: le scomode verità sui rendimenti pubblicato il 15 novembre 2019
Oro: i venti di guerra spingono a nuovi massimi pubblicato il 15 gennaio 2020
Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019 pubblicato il 20 dicembre 2019