Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Petrolio: T.Rowe Price ottimista sul breve ma non sul lungo

03/06/2020

Petrolio: T.Rowe Price ottimista sul breve ma non sul lungo

Il petrolio ha iniziato l’inversione di rotta, grazie alla fine del lockdown nelle principali economie occidentali, ai tagli alla produzione concordati in seno all’Opec e ad alcune ricoperture tecniche dopo l’ondata di panico che ha interessato per alcune settimane il mercato a causa della pandemia da coronavirus. Si tratta, tuttavia, di una risalita modesta rispetto alla perdita di oltre il 70% accusata dal greggio in questi mesi. Il cedimento dei prezzi (col future aprile addirittura in territorio negativo), ha affermato Shawn Driscoll, gestore del fondo T. Rowe Price Funds Sicav–Global Natural Resources Equity, è direttamente legato al crollo senza precedenti della domanda di petrolio (equivalente a circa un terzo del consumo globale).

Outlook positivo per il prossimi 12-24 mesi

Gli investitori s’interrogano “se ciò possa creare opportunità di investimento nel settore energetico o se si tratta di un arresto ciclico che impone di stare alla larga dal comparto. A nostro avviso, - sostiene Driscoll - c’è il potenziale per un potente rialzo anticiclico dei corsi del petrolio e delle azioni del settore energia, che potrebbe durare 12-24 mesi”. Tuttavia, aggiunge, “il nostro outlook a lungo termine per il greggio e il settore energetico è meno positivo” perché i miglioramenti della produttività, grazie all'automazione e alle migliori tecniche di gestione dei giacimenti di scisto Usa, dovrebbero rendere la produzione più facile e meno costosa “lasciando probabilmente il petrolio intrappolato in un mercato ‘orso’”, ovvero ribassista.

Il Wti indicato a 45-50 dollari entro il 2021

I prezzi del petrolio negativi indicano, secondo l’esperto, la necessità per l'industria di intraprendere azioni incisive per allineare l'offerta alla domanda. Questo orientamento già lo si avverte nel calo del surplus produttivo e nella risalita del mercato, cui è legata anche la contestuale discesa degli stock strategici iniziata con la fine del lockdown. Una combinazione che, secondo Driscoll, dovrebbe spingere il Wti verso i 45-50 dollari al barile entro il prossimo anno. 

Ci sono le condizioni per un processo di consolidamento

Con il settore dell'energia in subbuglio, dopo che i prezzi del petrolio sono crollati per la seconda volta in cinque anni, è probabile che questa volta i mercati dei capitali saranno meno inclini a fornire un sostegno. Ciò d’altra parte dovrebbe portare a una maggiore disciplina nel modo in cui le società energetiche allocano il capitale. Per le società di servizi petroliferi e di esplorazione e produzione (E&P), i cui ricavi tendono a mostrare una maggiore sensibilità ai prezzi dell'energia, tutto questo dovrebbe tradursi in un mix più equilibrato di produzione e flussi di cassa. E non è detto che, sempre il gestore del fondo di T. Rowe Price, nel futuro possa “anche esserci un processo di consolidamento, con le principali compagnie petrolifere integrate che potrebbero espandere la loro presenza nello scisto americano attraverso acquisizioni strategiche nel Bacino di Permian, una zona nel Texas occidentale ricca di petrolio”. 

Selettività e bilanciamento tra breve e lungo termine

“Il nostro outlook per il settore energetico è quindi ‘ciclicamente ottimistico’ per i prossimi 12-24 mesi, ma ‘strutturalmente ribassista’ nel lungo termine” ribadisce ancora Driscoll, il quale non esclude che tra le società di servizi petroliferi ci possa essere un’ondata di fallimenti. In conclusione, secondo Driscoll, “investire con successo nel settore energetico richiede un bilanciamento tra prospettive a breve e a lungo termine e un focus sui nomi che dovrebbero garantire una leva significativa alla ripresa, senza rinunciare alla qualità. La selezione dei titoli sarà quindi fondamentale: infatti, alcune società energetiche non riusciranno a superare la crisi o si troveranno troppo indebolite per competere efficacemente”.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Petrolio: T.Rowe Price ottimista sul breve ma non sul lungo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Assoreti: patrimonio competenza reti sconta il Covid19
Notizia successiva »
Amundi: costruttivi sul debito pubblico italiano