Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Schroders: italiani i più preoccupati per la pensione

07/12/2020

Schroders: italiani i più preoccupati per la pensione

La maggiore incertezza per il futuro, ulteriormente aggravata dalla crisi sanitaria in corso, ha indotto gli italiani a riconsiderare i propri accantonamenti in vista della pensione. Non sorprende quindi che scelgano di incanalare i redditi disponibili verso gli accantonamenti a ‘difesa’ del loro tenore di vita futuro. A prevalere, infatti, è la preoccupazione che la pensione statale sarà troppo bassa. Il loro è un approccio razionale e saggio, soprattutto – ha commentato Rupert Rucker, head of income solutions di Schroders – se si considera che il 41% delle persone teme che il proprio reddito in pensione sarà insufficiente.

Per il 60% contributi statali insufficienti

Nel nostro Paese il problema è particolarmente sentito. Secondo la ricerca ‘Schroders Global Investor’ emerge che l’Italia è il Paese più preoccupato in Europa in tal senso. Infatti, ben il 60% degli investitori italiani (a fronte di una media del 55%) ritiene che i contributi previsti dagli schemi statali non saranno sufficienti per il sostentamento in pensione. A confermare una rinnovata attenzione per i versamenti ai fini pensionistici e accantonamenti è anche il fatto che il 31% degli italiani (41% il dato globale) è preoccupato che il proprio reddito durante la pensione possa risultare insufficiente per mantenere un uguale stile di vita.

Gli accantonamenti del reddito per la pensione

In risposta a questi timori, gli investitori italiani, in linea con quelli globali, hanno già attuato dei comportamenti concreti: ad esempio oggi il 26% di loro (25% a livello globale) utilizza il reddito a disposizione per accrescere i risparmi ai fini della pensione, una percentuale nettamente più elevata rispetto al 12% (10% a livello globale) di appena tre anni fa. Inoltre, gli investitori italiani continuano a destinare ai risparmi accantonati specificamente per la pensione il 13% del reddito disponibile, una percentuale solida, sebbene inferiore al 15,2% della media registrata a livello globale.

In calo quota per spese voluttuarie

Lo studio di Schroders evidenzia che solo il 6% degli investitori italiani indica come prima priorità di spesa per il proprio reddito disponibile le spese voluttuarie (come vacanze o auto), in calo rispetto al 10% di tre anni fa. A livello globale questa tendenza è ancora più esasperata, con le percentuali passate dall’11% nel 2017 al 6% di quest’anno. Nello stesso tempo persiste però un ampio margine di miglioramento della pianificazione finanziaria ai fini della pensione, e dal quadro complessivo emerge il bisogno, da parte degli investitori, di ricevere un indirizzo più chiaro su come accedere e abbracciare soluzioni integrative.

I continui cambiamenti normativi creano confusione

In particolare, a preoccupare sono due aspetti. Il primo riguarda una fetta consistente di investitori italiani, pari al 36% (41% il dato globale), per la quale i continui cambiamenti normativi da parte del Governo su come le persone dovrebbero risparmiare per finanziare la propria pensione li inducono a non accantonare in modo specifico in vista del loro periodo di vita post-lavorativa. Il secondo aspetto – altrettanto importante - riguarda coloro che dichiarano di non capire quali opzioni hanno a disposizione per arricchire il loro reddito in età pensionistica, pari al 38% degli investitori italiani (identico il dato globale).

Rassicurante l’elevato tasso di risparmio

C’è quindi spazio, secondo Schroders, affinché una maggiore consapevolezza delle proprie necessità induca gli investitori a programmare in modo più mirato l’accantonamento e l’investimento dei propri risparmi ai fini della pensione, considerando anche che le aspettative di rendimento per i prossimi dodici mesi si attestano in media al 6,4% per gli italiani e all’8,8% per la media globale. Non esiste una formula magica per accantonare un ammontare sufficiente per la pensione, se non impegno, pazienza e tempo sul mercato. Per questo, stima Rucker, è rassicurante vedere che in media a livello globale il tasso di risparmio è del 15,2%.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: investitori, pensione, italiani
Come valuti questa notizia?
Schroders: italiani i più preoccupati per la pensione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Usa: le sfide più immediate che aspettano Biden
Notizia successiva »
Confcommercio: tredicesime più basse ma c’è voglia di reagire
ARTICOLI CORRELATI
SWG: ancora dubbi degli italiani sul vaccino pubblicato il 11 gennaio 2021
SWG: timori stabili ma crescono i contrari al vaccino pubblicato il 1 dicembre 2020
Eurizon: outlook 2021 per gli investimenti pubblicato il 14 gennaio 2021
SWG: con seconda ondata di contagi cresce la rabbia pubblicato il 21 novembre 2020
CGIA: Covid, quest’anno italiani più poveri di 2.500 euro pubblicato il 14 novembre 2020