Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Ridefinire il portafoglio obbligazionario

23/11/2016

Per gli investitori più prudenti, quelli orientati agli strumenti offerti dal vasto universo dei titoli a reddito fisso, l’arrivo di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti ha rappresentato un vero terremoto.

Bond a scadenza medio-lunga e fondi ed Etf obbligazionari hanno subito gli effetti degli annunci fatti dal neo-presidente. La politica economica del nuovo esecutivo, almeno stando alle prime dichiarazione, sarà improntata all’aumento del deficit e della spesa pubblica per finanziare 1.000 miliardi di nuovi investimenti destinati all’ammodernamento delle infrastrutture statunitensi. Questo piano dovrebbe sfociare in tassi d’interesse più alti e nella ripresa dell’inflazione nel medio termine.

I titoli di Stato e le emissioni corporate a lunga scadenza sono stati i primi a subire i contraccolpi di tali dichiarazioni, ma i timori per le ripercussioni negative sulle quotazioni dei bond si sono diffusi anche ai bond emessi da paesi e aziende dell’universo ‘emergenti’, in modo particolare all’enorme massa di emissioni obbligazionarie degli Em denominata in dollari statunitensi. Se queste sono le tipologie di bond che potrebbero continuare a soffrire di più per le scelte della nuova amministrazione di Washington, quali sono quelle potenzialmente in grado di coniugare elementi difensivi e income?

Il programma economico del prossimo inquilino della Casa Bianca si basa su un aumento della spesa pubblica destinata alle infrastrutture e il taglio delle imposte seguito, verosimilmente, da un’accelerazione dell’inflazione. In Europa, le misure volute da Draghi sembra che comincino a sortire i primi effetti sull’andamento dei prezzi al consumo.

Anche se l’inflazione dell’eurozona resta ancora lontana dal target del 2%, la settimana scorsa il vicepresidente della Bce, Vítor Constâncio, ha affermato che nella primavera del 2017 l’indice dei prezzi potrebbe registrare una variazione annua dell’1%. Se queste aspettative saranno confermate dai dati reali, una soluzione per riuscire a portare a casa buoni rendimenti dal reddito fisso governativo europeo potrebbe trovarsi negli inflation linked bond (la versione italiana di tale tipologia di titoli è il Btpi).

Si tratta di bond che staccano cedole con cadenza semestrale e che, giunti alla loro scadenza naturale, restituiscono il capitale investito incrementato dell’inflazione accumulata durante la vita del titolo. In altre parole, si tratta di bond che consentono all’investimento di non perdere potere d’acquisto, in particolare durante i periodi d’inflazione elevata. Un’altra importante caratteristica di questi bond è che hanno più volte dimostrato di essere decorrelati rispetto ad altri asset tradizionali come i bond a tasso fisso o le azioni.

Un’altra opzione per restare nell’universo del reddito fisso senza correre troppi rischi è offerta dai titoli a tasso variabile. Questi bond consentono di proteggere il capitale nell’ipotesi di una sensibile accelerazione del ritmo degli incrementi dei tassi da parte delle banche centrali. Si tratta dell’opzione più sicura e meno volatile tra quelle fin qui esposte perché le quotazioni dei bond a tasso variabile tendono a oscillare poco e la variazione interessa quasi esclusivamente la cedola.

Infine, per gli investitori fedeli al reddito fisso ma più propensi al rischio, gli esperti focalizzano l’attenzione sul segmento degli High Yield Bond. Questi titoli sarebbero meno correlati alla variazione dei tassi e maggiormente condizionati dall’eventuale miglioramento del livello di affidabilità creditizia (rating) che potrebbe arrivare per molte aziende nel caso in cui la politica economica di Trump riesca a spinge la crescita). Questi titoli, a piccole dosi e con l’avvertenza di selezionare emissioni con scadenza non oltre il 2020, possono offrire un rendimento extra a un portafoglio orientato al reddito fisso.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Ridefinire il portafoglio obbligazionario Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
Dieci temi guida per il 2017
Notizia successiva »
Nuovo record per Wall Street
ARTICOLI CORRELATI
Il regno degli High Yield bond pubblicato il 11 dicembre 2017
Il linguaggio dei bond pubblicato il 15 settembre 2017
Nicchie di high yield e null'altro pubblicato il 10 novembre 2017
Fase favorevole ai bond ad alto rendimento in euro pubblicato il 17 ottobre 2017
Bond governativi per chi vuole un po’ rischiare pubblicato il 1 dicembre 2017